Matrici ambientali delle città

Tabula Italiae, Corsicae, Sardiniae et adjacentium Regnorum

La Sezione “Matrici ambientali delle città” della Banca dati FILARETE è dedicata allo studio delle relazioni tra ambiente naturale e caratteri fisico-costitutivi della storia urbana e territoriale delle maggiori realtà italiane, nella considerazione che la nozione generale di ambiente connessa agli esiti delle attività umane oltrepassi la dimensione puramente naturalistica e fisica per andare a comprendere anche valori storici e culturali che svolgano un proprio riconosciuto ruolo nella questione ambientale.
Il territorio si è modellato nel corso dei millenni della sua storia evolutiva e l’umanità ha contribuito a configurarlo attraverso un continuo confronto con gli elementi naturali da cui l’ambiente costruito ha costantemente preso ispirazione.
La natura e configurazione delle città italiane e del loro contesto geografico costituiscono uno degli esempi più prestigiosi al mondo, un sistema insediativo denso, costituito da realtà urbane, borghi, contesti paesaggistici e sistemi naturali di eccezionale valore ambientale e culturale: l’Italia è la Nazione con il maggior numero di siti (48) definiti dall’Unesco patrimonio dell’umanità.
Le sfide della sostenibilità mettono a confronto la storia con il futuro delle città e dei territori e richiedono un approccio multidisciplinare alla pianificazione, sulla base di idonei strumenti di conoscenza e di una programmazione capace di garantire miglioramento della qualità dei sistemi insediativi e dei contesti territoriali, anche come fattori di valorizzazione delle risorse naturali, materiali e immateriali.