Sistemi informativi ambientali ISPRA

  • Annali idrologici
  • Termometria e pluviometria;
  • Afflussi meteorici, idrometria, portate e bilanci idrologici, freatimetria, trasporto torbido, indagini studi ideologici ed eventi di carattere eccezionale, mareografia
  • Banca dati dei fattori di emissione medi del trasporto stradale in Italia
    La banca dati dei fattori di emissione medi relativi al trasporto stradale si basa sulle stime effettuate ai fini della redazione dell’inventario nazionale delle emissioni in atmosfera, realizzato annualmente da Ispra come strumento di verifica degli impegni assunti a livello internazionale sulla protezione dell’ambiente atmosferico, quali la Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici (UNFCCC), il Protocollo di Kyoto, la Convenzione di Ginevra sull’inquinamento atmosferico transfrontaliero (UNECE-CLRTAP), le Direttive europee sulla limitazione delle emissioni.
  • Banca dati indicatori Rapporto Aree Urbane
    Le città come è noto causano una pressione antropica continua sull’ambiente e rappresentano i luoghi dove si concentrano maggiormente gli squilibri, con pesanti conseguenze sulla vita dei cittadini che percepiscono lo stato dell’ambiente come il fattore con il massimo impatto sulla qualità della vita (Eurobarometro 58.0 e Eurobarometro Flash 123). I dati relativi agli indicatori presentati nel Rapporto sono stati organizzati in una banca dati on-line.
  • BOLAM
    Previsioni a 85 ore di pressione al livello del mare, precipitazione, temperatura a 2 metri, vento a 10 metri sul Mediterraneo, disponibili nella sezione "Previsioni BOLAM". Le variazioni nel tempo delle suddette variabili meteorologiche per diverse località italiane sono consultabili nella sezione "Meteogrammi". Le previsioni sono prodotte giornalmente e il modello BOLAM viene inizializzato con le previsioni a 96 ore del modello globale dell'ECMWF.
  • Bollettino siccità
    Monitoraggio quantitativo delle condizioni di siccità in Italia ed in Europa, visualizzate per mezzo di mappe, aggiornate mensilmente, dello Standardized Precipitation Index, un indice climatologico comunemente usato per la quantificazione della relativa scarsità o abbondanza di precipitazioni. Sono consultabili le mappe per quattro aree (Italia, Mediterraneo, Europa ed area CADSES), dal mese di dicembre 1989 ad oggi, definite rispetto a quattro scale temporali (trimestrale, semestrale, annuale e biennale).
  • BRACE
    Informazioni sulle reti, sulle stazioni e sui sensori di misura utilizzati per il monitoraggio della qualità dell'aria e i relativi dati di concentrazione degli inquinanti. Dati relativi al territorio nazionale, raccolti a livello locale dai Punti Focali Regionali. Nell'ambito dell'EoI le informazioni sono trasmesse dall'ISPRA all'Agenzia Europea per l'Ambiente ed in seguito archiviate nel database europeo AIRBASE.
  • Dichiarazione sui gas fluorurati
    A decorrere dal 24 gennaio 2019, data di entrata in vigore del D.P.R. n. 146/2018, recante esecuzione del regolamento (UE) n. 517/2014 sui gas fluorurati a effetto serra, che abroga e sostituisce il D.P.R. n. 43/2012 risulta anche abrogato l'obbligo relativo alla comunicazione ad ISPRA, entro il 31 maggio di ogni anno, delle informazioni riguardanti le quantità di emissioni in atmosfera di gas fluorurati. Per questo motivo il Portale della Dichiarazione F-gas continuerà a garantire l'accesso alle aree di lavoro esistenti per la sola consultazione e download dello storico

  • Disaggregazione dell'inventario nazionale
    Inventario provinciale delle emissioni in atmosfera. Banca dati delle emissioni atmosferiche per gli anni 1990, 1995, 2000, 2005, 2010, 2015, classificate per livello di attività CORINAIR (SNAP), disaggregate dall’inventario nazionale (Submission 2017: http://www.ceip.at/ms/ceip_home1/ceip_home/status_reporting/2017_submissions/#I; http://unfccc.int/national_reports/annex_i_ghg_inventories/national_inventories_submissions/items/10116.php) con metodologia top - down. La disaggregazione è stata effettuata spazialmente sia a livello provinciale, che su griglia di 0.1x0.1 gradi long/lat.
  • EEE Catalogue - Catalogo degli effetti geologici dei terremoti
    Il catalogo contiene i dati relativi alle caratteristiche, dimensioni e distribuzione geografica degli effetti geologici indotti dai terremoti (moderni, storici e paleo) in un formato standard e uniforme. L'informazione è raccolta a tre livelli di dettaglio crescente (Earthquake, Locality e Site). La banca dati consente di archiviare anche documentazione fotografica, video, cartografia e log stratigrafici. L'implementazione di questa banca dati è stata promossa a livello globale dall'INQUA attraverso un Gruppo di Lavoro coordinato da ISPRA, Servizio Geologico d'Italia. L'EEE Catalogue è uno strumento molto utile per la valutazione della pericolosità sismica di un'area in quanto consente di visualizzare la distribuzione degli effetti geologici indotti dai terremoti del passato e di identificare le aree dove gli insediamenti antropici e le infrastrutture sono maggiormente esposte a questa sorgente potenziale di pericolosità.
  • FILARETE
    Censimento sull'attuazione di Agenda21 in Italia
  • GELSO
    Banca dati sulle buone pratiche di sostenibilità locale
    • GRETA
      Sito informativi Registro italiano delle quote e delle emissioni - Emission trading
    • IFFI
      Il Progetto IFFI (Inventario dei Fenomeni Franosi in Italia), realizzato dall´ISPRA e dalle Regioni e Province Autonome, ha censito ad oggi 485.000 fenomeni franosi che interessano un´area di 20.721 km2, pari al 6,9% del territorio nazionale. La banca dati del progetto IFFI è composta da tre livelli di informazioni suddivisi in base al dettaglio delle informazioni disponibili; un'ampia documentazione è disponibile nella applicazione web di consultazione dell'intera banca dati; tale applicazione è stata realizzata al fine di creare uno strumento di consultazione dedicato, è comunque disponibile un servizio web di consultazione interrogazione della banca dati integrato al portale geografico.
    • INES-EPER
      INES (Inventario Nazionale delle Emissioni e loro Sorgenti) ed EPER (European Pollutant Emission Register) sono registri integrati nati nell'ambito della direttiva 96/61/CE, meglio nota come direttiva IPPC (Integrated Pollution Prevention and Control)
    • Misure di risanamento della qualità dell’aria
      La banca dati “Misure di risanamento della qualità dell’aria”( elaborata e gestita dal settore piani di risanamento e impatti), costituisce un archivio delle informazioni trasmesse, a partire dal 2005, annualmente da Regioni e province autonome in ottemperanza a quanto previsto dalla normativa nazionale ed europea in materia di Piani di risanamento della qualità dell’aria. Nel dettaglio al suo interno si possono trovare le seguenti informazioni: le situazioni di superamento dei valori limite che si sono verificate e che hanno richiesto la stesura del piano, gli inquinanti interessati, le stazioni in cui sono stati registrati i superamenti, le zone interessate e il dettaglio delle misure adottate supplementari rispetto a quelle già previste a carattere nazionale.
    • One Geology
      OneGeology Global è il progetto simbolo dell'Anno Internazionale del Pianeta Terra (2007-2009). Questa iniziativa volta a rendere disponibili le informazioni geologiche spaziali ad un'ampia comunità vede coinvolti oltre 100 paesi ed è stata lanciata nel marzo del 2007 con la definizione di un accordo di programma composto di 10 punti. Al fine di rendere accessibili a tutti via Web le informazioni geologiche spaziali, è stato realizzato un portale geografico attraverso cui consultare i dati delle carte geologiche di tutto il mondo in modo semplice. Le banche dati rese disponibili per tali progetti sono quelle derivanti dalla carta geologica d'Italia alla scala 1:500.000 e quella della nuova Carta Geologica d'Italia alla scala 1:1.000.000. Queste banche dati sono state riviste ed implementate negli attributi per rendere più facile il processo di traduzione verso il modello geologico standard GeoSciML elaborato dal gruppo di lavoro sull'interoperabilità del IUGC-CGI.
    • Osservatorio Rumore
      L’Osservatorio Rumore è una Banca Dati che mette in rete l’Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale (ISPRA) e le Agenzia Regionali e Provinciali per la Protezione dell’Ambiente (ARPA/APPA) e che consente la raccolta, l’elaborazione e la valutazione dei dati sul rumore. In particolare, l’Osservatorio Rumore raccoglie informazioni relative alla verifica delle prescrizioni legislative, alla definizione degli impatti dovuti alle principali sorgenti di rumore, alle attività di monitoraggio richieste ed intraprese dalle autorità di controllo, alla realizzazione degli strumenti di pianificazione acustica previsti.
    • Pollnet
      La rete di monitoraggio aerobiologico istituzionale del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente è finalizzata in campo ambientale ad integrare il monitoraggio della qualità dell'aria, alla stima della biodiversità di specie vegetali, alla rilevazione di fenomeni legati ai cambiamenti climatici; in campo sanitario a produrre informazioni di estrema utilità nella diagnostica, nella clinica, nella terapia, nella ricerca e nella prevenzione di patologie allergiche respiratorie.
    • Previsioni sullo stato del mare
      Previsioni a 84 ore per lo stato del mare nel Mediterraneo e a 48 ore per il livello del mare e le correnti nell'Adriatico e per l'acqua alta a Venezia.
    • RENDIS
      Il principale obiettivo del Repertorio è la formazione di un quadro unitario, sistematicamente aggiornato, delle opere e delle risorse impegnate nel campo della difesa del suolo, condiviso tra tutte le Amministrazioni che operano nella pianificazione ed attuazione degli interventi. Nella banca dati del ReNDiS sono attualmente presenti dati ed informazioni su tutti gli interventi finanziati dal MATTM, a partire dal 1999 ad oggi; in particolare sono censite le caratteristiche più rilevanti delle opere e dei dissesti, lo stato di attuazione degli interventi, i riferimenti dei principali atti amministrativi.
    • Repertorio dello stato di attuazione dei “Piani per il Parco” nei Parchi nazionali
      Riferito ai 24 Parchi Nazionali attualmente istituiti, raccoglie gli atti ufficiali emanati dagli Enti Parco, dalle Regioni e dallo Stato e consente di definire il quadro attuale degli strumenti vigenti, in via di approvazione, in redazione o non ancora avviati (aggiornamento al 06/06/2011). La consultazione degli atti contenuti nel Repertorio può essere effettuata cliccando sulla singola regione, selezionando il Parco di interesse ed accedendo ai singoli atti o cliccando sull’area del Parco ed accedendo ai singoli atti.
    • Reporting Direttiva Habitat (92/43/CEE)
      In questo sito sono disponibili i dati raccolti ed elaborati dall’Italia per il 3° Rapporto Direttiva Habitat e trasmessi alla Commissione Europea nel Dicembre 2013: il Rapporto raccoglie dati aggiornati su distribuzione, stato di conservazione, pressioni, minacce e i trend relativi a tutte le specie animali e vegetali e agli habitat di interesse comunitario presenti in Italia.
    • Rete Mareografica Nazionale
      Dati meteo marini dalle 36 stazioni della Rete Mareografica Nazionale (RMN) uniformemente distribuite sul territorio nazionale ed ubicate prevalentemente all’interno delle strutture portuali.
    • SCIA
      Sistema nazionale per la raccolta, l'elaborazione e la diffusione di dati Climatologici di Interesse Ambientale
    • Serie storiche emissioni
      Dati delle emissioni annuali dei principali inquinanti atmosferici per settore CORINAIR estratti dall'inventario nazionale delle emissioni in atmosfera. In particolare i dati relativi ai gas serra sono consistenti con quelli comunicati ufficialmente alla Convenzione sui Cambiamenti Climatici - UNFCCC secondo le specifiche del "Common Reporting Format"
      • SINTAI
        Sistema Informativo Nazionale per la Tutela delle Acque Italiane