Tu sei qui: Home / Contest Making Global Goals Local Practice

Contest "Making Global Goals Local Practice": i vincitori

 

 

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti finalisti durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).
Una straordinaria partecipazione di pubblico ha decretato i progetti vincitori:

goal 11 Città e comunità sostenibili

Vincitore: 

Musica d’Ambiente è un progetto di educazione ambientale interdisciplinare e creativo dedicato ai bambini delle scuole primarie, i cui contenuti si sviluppano su un pentagramma colorato come gli strati della natura. Il pentagramma è abitato da DOtto e SOLe, due note animate che propongono storie e filastrocche ambientali, disposte sulle righe e negli spazi.
Musica d’Ambiente include altresì riscritture di brani contemporanei riproposti in chiave ambientale; in questo modo i successi del momento, trasformandosi, trasferiscono con leggerezza concetti importanti. Avremo così, da Andiamo a comandare ad Andiamo a riciclare, da Occidentali’s karma ad Ambientali’s karma e via dicendo.
Tutto il materiale di Musica d’Ambiente è liberamente scaricabile dal sito internet di Arpa Piemonte. In aggiunta, il progetto comprende un corso di formazione destinato agli insegnanti nel quale, oltre ad aspetti ambientali, vengono indagati argomenti quali musica, ritmica, comunicazione e scrittura creativa.

 

Finalisti:   

 


goal 12 Produzione  e consumo responsabili

Vincitore:

 Il Contratto di Fiume e di Costa “Valle dell’Ancinale” (CdF&C) racchiude il territorio calabrese compreso tra la montagna, del Parco Regionale delle “Serre”, ed il mare, del Parco Marino Regionale “Baia di Soverato”, collegati tra loro da due corridoi ecologici naturali rappresentati dal fiume Ancinale e dal Torrente Beltrame. In presenza di una grave crisi economica e finanziaria, in presenza di un ‘area unica per aspetti naturali e paesaggistici presenti, ma caratterizzata da marginalità economica, il territorio della “Valle dell’Ancinale” rappresenta un’opportunità economica ed innovativa per la sperimentazione dello sviluppo sostenibile. L’omogeneità dell’area del CdF&C Valle dell’Ancinale, richiede un efficace modello alternativo e sperimentale di governance che , a conclusione della analisi territoriale conoscitiva , in fase di perfezionamento e da condividersi con i promotori ( Parco delle Serre ed i Comuni di Soverato, Davoli, Gagliato, Petrizzi, Argusto, Chiaravalle Centrale, Cardinale, Torre di Ruggero, Montepaone e Satriano - Ente capofila) e con tutti gli enti pubblici e privati, le associazioni ambientaliste e di categoria, i cittadini e gli stakeholders , possa dare forza, efficacia e visione ad una strategica promozione del turismo sostenibile. La proposta progettuale intende valorizzare gli itinerari religiosi, ecologici, culturali e enogastronomici già esistenti, mediante un anello di collegamento tra le diverse comunità coinvolte, dal mare alla montagna, in grado di costituire una vera e propria filiera della green e della blue economy, che punti sull’alimentazione, l’occupazione e le opportunità offerte dallo sviluppo sostenibile. Una grande scommessa , che andrebbe ad esaltare il carattere di un territorio, che comprende il litorale costiero del Comune di Soverato, di recente insignito della Bandiera Blu, e dalla presenza di percorsi ed itinerari, fluviali e montani, in grado di valorizzare le straordinarie risorse storiche e naturali-paesaggistiche delle comunità e delle aree rurali interne.

 

Finalisti:  

 


goal 13 Lotta contro il cambiamento climatico

Vincitore:

LIFE SEC ADAPT intende aumentare la capacità di adattamento ai cambiamenti climatici dei Comuni coinvolti attraverso l’adesione all’iniziativa «Patto dei Sindaci per il clima e l’energia» e la declinazione  degli obiettivi europei in materia di clima nelle politiche, strategie ed interventi a livello locale facilitando la transizione delle aree urbane verso un’economia a basse emissioni e più resiliente ai cambiamenti climatici. LIFE SEC ADAPT intende a migliorare le conoscenze degli amministratori locali e regionali in termini di rischi e vulnerabilità attraverso attività di capacity building e il trasferimento di buone pratiche, volte all’adozione di piani di adattamento a livello locale per ridurre, nel lungo periodo, gli impatti sociali, economici ed ambientali del cambiamento climatico. L’uso di una metodologia comune favorisce, inoltre, l’adozione di politiche ed azioni integrate su area vasta per implementare la Strategia Macro-regionale condivisa su clima ed energia.

 

Finalisti:   

 


Tutti i progetti finalisti, per il loro carattere innovativo e l'elevata replicabilità in altri contesti, sono stati inseriti come buone pratiche nella banca dati GELSO.

Il Contest "Making Global Goals Local Practice", inserito tra gli eventi italiani per la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile, ha avuto la finalità di aiutare a comprendere come tradurre gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per il 2030 delle Nazioni Unite in scelte operative a livello locale e come orientare verso lo sviluppo sostenibile le strategie e le azioni dei diversi soggetti attuatori.
L'iniziativa è stata promossa da ISPRA attraverso il progetto GELSO Gestione Locale per la SOstenibilità e ha visto il coinvolgimento di tutto il Sistema Nazionale per la Protezione dell'Ambiente (SNPA).

GELSO nel Rapporto sulla Qualità dell'ambiente urbano

GELSO è anche una delle componenti del progetto Qualità ambientale nelle aree metropolitane italiane che ISPRA  ha avviato per la realizzazione del Rapporto annuale sulla Qualità dell’ambiente urbano.

ITALIAN SMART CITIES - I progetti delle città intelligenti

Italian Smart Cities è la piattaforma nazionale promossa e realizzata da ANCI che raccoglie le esperienze progettuali implementate dalle città italiane nell'ottica smart.

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di progetti e buone pratiche.