Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Soggetto pubblico (altri) / Veneto Agricoltura / WSTORE2 Conciliare l’agricoltura con l’ambiente attraverso nuove forme di governance dell’acqua nelle zone costiere salmastre

WSTORE2 Conciliare l’agricoltura con l’ambiente attraverso nuove forme di governance dell’acqua nelle zone costiere salmastre

Il progetto WStore2 ha come obiettivo principale di mettere a punto e dimostrare l'efficacia di un processo innovativo progettato per massimizzare e ottimizzare l'uso delle acque meteoriche disponibili nelle zone rurali delle zone costiere.

Questo processo innovativo, così come il suo approccio dimostrativo/partecipativo e la metodologia utilizzata, intendono valutare la possibilità, in un contesto di cambiamento climatico che minaccia le aree naturali e le attività economiche delle zone costiere, di invasare l’acqua di migliore qualità e renderla disponibile alle zone coltivate e naturali nei periodi secchi. In tal modo si intende tutelare le aree naturali, l’irrigazione delle colture e la salvaguardia delle più importanti zone turistiche e ricreative.

Gli obiettivi specifici riguardano:

- Lo sviluppo di una nuova metodologia per il controllo della gestione dell’acqua incluse le componenti tecnologiche (sensori, software per l’acquisizione ed elaborazione dei dati, attuatori) e la modifica del sistema idraulico nel caso studio di Valle Vecchia.

- La realizzazione di un sistema automatico di gestione dell’acqua che invasi e distribuisca l’acqua sulla base delle sue caratteristiche quantitative e qualitative.

- L’introduzione di un’agricoltura multifunzionale secondo criteri di risparmio idrico nel sistema delle colture adottato dall’azienda Valle Vecchia, con lo scopo di adattarla alle nuove modalità di gestione delle acque e quindi integrando in modo sostenibile l’ecosistema costiero. Sarà inoltre presa in considerazione la protezione delle acque dall’inquinamento da nitrati.

- La creazione di software specifici adatti per il monitoraggio dei parametri agronomici, ambientali ed economici, con l’obiettivo di valutare le prestazioni del nuovo sistema.

- Lo sviluppo di un metodo di benchmarking per valutare le performance ambientali ed economiche.

- La determinazione delle priorità rispetto alle scelte di intervento dei vari servizi offerti dal nuovo sistema tecnologico.

Il progetto ha lo scopo di dimostrare le potenzialità del sistema proposto e di favorirne la diffusione in altre aree geografiche con caratteristiche ambientali e socio-economiche simili a quelle del sito di Valle Vecchia.

Il sistema proposto è potenzialmente utile per tutte le aree europee in cui la disponibilità e la qualità dell’acqua sono questioni cruciali.

In sintesi le azioni del progetto prevedono di:

  1. creare il sistema di gestione dell’acqua con verifica della qualità;
  2. invasare acqua meteorica in eccesso di sufficiente qualità nel bacino già esistente;
  3. dissolvere i sali contenuti nell’orizzonte di suolo interessati dagli apparati radicali (0-50 cm) per migliorare i terreni (dilavare suoli ciclicamente per migliorare anche la qualità delle acque captate nei momenti di elevata piovosità);
  4. riutilizzare l’acqua “buona” per l’irrigazione attraverso un ranger (impianto di irrigazione mobile strutturato con campate a 50/60 mt di larghezza, che prenda acqua da una canaletta di irrigazione) oppure la microirrigazione che ha il pregio di avere impatto visibile trascurabile e grazie al sistema di distribuzione con gocciolatori sulle file delle colture consente di operare sempre anche con livelli di salinità non particolarmente bassi.
  5. riutilizzare l’acqua per favorire la formazione di una falda superficiale dolce.

I risultati del progetto saranno valutati con diversi criteri tra cui i risultati produttivi, anche per mezzo dell’agricoltura di precisione (mappe di produzione), monitoraggi naturalistici sull’evoluzione della biodiversità nel territorio interessato, le ricadute economiche e sociali.

Fonte: LIFE projects database e sito web del progetto

GAL Venezia Orientale, Consorzio per il Canale Emiliano Romagnolo, Dipartimento Processi Chimici dell'Ingegneria-Università di Padova
Area rurale
Comune
Strategie partecipate e integrate, Agricoltura, Territorio e Paesaggio
01/11/12
36
1.576.521
UE
LIFE

Cofinanziamento programma LIFE+: 686.210 euro

Lorenzo Furlan
http://www.wstore2.eu/
No file
No file
No file
No file
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.