Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Soggetto pubblico (altri) / Museo Civico di Storia Naturale e Archeologia di Montebelluna / Progetto 3KCL - Paesaggi carsici: architettura di una relazione unica tra uomo e ambiente

Progetto 3KCL - Paesaggi carsici: architettura di una relazione unica tra uomo e ambiente

La Convenzione Europea del Paesaggio ha portato negli ultimi anni a rivalutare il Paesaggio come tema di grande interesse, un fatto che coinvolge l'intera popolazione e la totalità dei territori. Riportare il paesaggio alla ribalta, coinvolgendo attivamente la popolazione, significa innanzitutto riconoscere la tipicità e l'unicità di ogni singolo paesaggio, come rappresentazione di tipici e unici modi della relazione tra uomo e ambiente, nella sua evoluzione storica. Ciò richiede un'azione di sensibilizzazione e di educazione di largo raggio. In quest'ottica, il progetto si propone da un lato di studiare e di approfondire le conoscenze relativamente ad una particolare tipologia di paesaggi, quali sono i paesaggi carsici, e dall'altro di condividere queste conoscenze affinché diventino patrimonio di un pubblico ampio, pubblico che può diventare più consapevole delle ricchezze del proprio territorio: il rapporto con le scuole si presenta pertanto come uno strumento efficace per questa azione di sensibilizzazione e divulgazione, tipica dei progetti europei "Cultura 2000". La presenza del Museo, che gestisce in prima persona il progetto, è particolarmente significativa, per la sua funzione di "mediatore culturale" tra mondo della ricerca e mondo della divulgazione. L'unicità dei paesaggi carsici, diffusi ma riconosciuti dal grande pubblico solo lì dove si aprono grandi cavità sotterranee, può rappresentare un ottimo "terreno sperimentale" per proporre azioni di conoscenza, di confronto e di sensibilizzazione e per promuovere l'acquisizione di responsabilità nei confronti dei temi ambientali e territoriali. La lettura delle trasformazioni passate e recenti permette, inoltre, di riscoprire mondi tanto vicini quanto spesso sconosciuti e di fare del paesaggio un fondamentale "nodo" per riallacciare culture e generazioni. La dimensione europea di questo progetto è data dal coinvolgimento di ricercatori e scuole provenienti da tre Paesi. Il valore di questa apertura internazionale poggia contemporaneamente su due aspetti: - sul piano scientifico, l'analisi comparativa di tre aree carsiche in rocce conglomeratiche - il Montello in Italia, Méailles in Francia, Udin Bort in Slovenia - può portare ad importanti risultati per comprendere il ruolo giocato dai diversi fattori nell'evoluzione naturale e antropica di questi paesaggi; - sul piano didattico ed educativo, l'apertura internazionale e lo scambio tra coetanei di informazioni riguardanti il proprio territorio si presenta ricco di potenzialità per l'educazione scientifica, l'educazione ambientale e l'educazione civica. Il progetto prevede l'uso di strumenti diversi, compreso l'uso di tecnologie multimediali e della comunicazione attraverso un sito Internet. Tali strumenti risultano essere non un semplice supporto, ma uno strumento mirato e ricco di potenzialità, con riferimento alle specificità del progetto.
Italia: Direzione Didattica I e II Circolo, Scuola Media Statale, Istituto Professionale di Stato per l'Agricoltura e l'Ambiente - Montebelluna -; Università di Padova - Dipartimento di Geografia, ARPAV. Slovenia: In?titut za raziskovanje krasa ZRC SAZU, Osnovna ?ola Antona ?nidar?ica, Ilirska Districa, ?olski center Postojna - Srednja ?ola, Postojna, Osnovna ?ola Pivka, Pivka, Osnovna ?ola Naklo, Naklo, Notranjski muzej, Postojna. Francia: Université de Nice Sophia - Antipolis, Département de Géographie, Ecole Publique, Pré martin, Annot.
Area collinare
Da 10.000 a 100.000 abitanti
Territorio e Paesaggio
01/01/07
12
UE
Monica Celi
http://www.3kcl.net/
No file
No file
No file
No file
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.