Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Soggetto pubblico (altri) / Agenzia Servizi Settore Agroalimentare Marche / Strategia per la difesa dell'identità dei prodotti agricoli. Protezione di area vasta dell'identità dei prodotti agricoli dall' inquinamento da OGM

Strategia per la difesa dell'identità dei prodotti agricoli. Protezione di area vasta dell'identità dei prodotti agricoli dall' inquinamento da OGM

La diffusione degli organismi geneticamente modificati - OGM - nell'ambiente attraverso il cosiddetto "flusso genico" è inevitabile. Una politica con tolleranza zero per la contaminazione da OGM dei raccolti tradizionali non è quindi applicabile ed è possibile soltanto applicare dei limiti di tolleranza. Inoltre, il tasso di contaminazione dipende da molti fattori - specie, territorio, ecc. - che ancora non sono stati studiati approfonditamente. Poiché gli OGM importati sono presenti nel ciclo alimentare, coloro che si occupano della lavorazione dei prodotti agroalimentari devono garantire ai consumatori l'assenza di OGM nei loro prodotti con un determinato grado di tolleranza.

Gli standard correnti permettono una presenza di OGM pari al 0,9%. Il progetto intende dimostrare che è possibile ottenere livelli di OGM nel ciclo alimentare più bassi del livello di tolleranza corrente di 0,9%. L'obiettivo è raggiungere un minimo di 0,1% di presenza di OGM nei raccolti tradizionali, con un obiettivo finale di 0,01%. Il progetto definisce metodi di controllo per identificare il flusso genetico sui campi, il livello del rischio di contaminazione e le zone critiche. Inoltre identifica i metodi analitici per evitare la contaminazione accidentale che potrebbero essere applicatati a tutti i campi. Il progetto coinvolge la autorità pubbliche che devono elaborare programmi di coesistenza per le colture di OGM/non-OGM, 90-120 coltivatori, formatori e copre un'area di 1.000 ettari.

Area rurale
Regione
Agricoltura
01/11/05
42
€ 811.750
UE
LIFE
Cofinanziamento LIFE Ambiente 2005: 400.000 euro
Fabio Cecconi
No file
No file
No file
No file
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.