Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Soggetto pubblico (altri) / Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l'Innovazione dell'Agricoltura del Lazio (ARSIAL) / SUSTGREENHOUSE - La serra sostenibile: azione dimostrativa per una serricoltura intensiva a zero emissioni

SUSTGREENHOUSE - La serra sostenibile: azione dimostrativa per una serricoltura intensiva a zero emissioni

Nel prossimo futuro il cambiamento climatico imporrà l'adozione di strategie di adattamento e mitigazione in molti settori dell'attività umana. In agricoltura questa realtà sarà particolarmente sensibile nel settore dell'orticoltura in serra.  Lo scopo principale di questo progetto è di dimostrare che in futuro l'orticoltura intensiva può adeguatamente rispondere alle mutate esigenze adottando un modello di serra sostenibile.   

Obiettivi del progetto:  

a - dimostrare che l'agricoltura in serra può essere attuata con modalità più rispettose per l'ambiente in termini di:   1 - emissione diretta o indiretta di gas ad effetto serra,   2 - emungimento di acqua dal suolo;   3 - percolamento nel suolo e diffusione nell'aria di nutrienti ed inquinanti chimici;  

b - dimostrare che la serricoltura, se realizzata secondo le tecniche proposte dal progetto, può essere compatibile con la protezione della natura e può essere presente all'interno di parchi e riserve naturali, senza causare problemi ecologici o meglio, contribuendo a un sostanziale aiuto all'economia delle comunità presenti;  

c - aiutare agricoltori e studenti a comprendere il complesso di legami e relazioni rappresentato dallo scambio dinamico tra aria-acqua-suolo presente nelle strutture a serra, con particolare rilevo al ciclo del carbonio, con lo scopo di una migliore educazione ambientale e una migliore consapevolezza delle responsabilità che gli operatori agricoli hanno nella produzione globale di anidride carbonica.   

Metodi:  

a - due serre dimostrative vengono messe a confronto: la prima, realizzata secondo le tecnologie consuete, viene considerata come controllo, la seconda adotta le migliori tecnologie in commercio per la riduzione delle emissioni;  

b - le due serre dimostrative vengono realizzate all'interno della Zona a Protezione Speciale del Monumento Naturale del Lago di Fondi, un'area di particolare vulnerabilità ambientale;  

c - il progetto paragona il sistema serra ad un organismo vivente, cercando di evidenziare la struttura delle leggi dinamiche che regolano il suo funzionamento globale attraverso la visualizzazione continua dello stato delle sue principali componenti - valutazione del bilancio energetico globale, livello di emissioni e bilancio economico delle produzioni -.   Il comprensorio di svolgimento del progetto riguarda la zona litoranea di Salto di Fondi - LT -: un'area ambientalmente molto importante, ma anche molto fragile, attualmente a rischio di subsidenza geologica ed intrusione salina, a causa dell'elevato emungimento dell'acqua di falda per uso agricolo.

Università di Bologna Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali, Consorzio di Bonifica Sud Pontino - assistenza esterna -
Area rurale
Da 10.000 a 100.000 abitanti
Riserva Naturale Statale o Regionale
Agricoltura
01/01/09
36
€ 920.565
UE
LIFE
Cofinanziamento Programma LIFE+ 440.283
Giuseppe Izzo
http://www.sustgreenhouse.eu/
848_212.pdf — 183 KB
848_213.pdf — 2658 KB
No file
No file
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.