Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Soggetto pubblico (altri) / Agenzia Mobilità e Ambiente Milano / MONITORAGGIO - Milano 21 - Sviluppiamo una Milano Sostenibile

MONITORAGGIO - Milano 21 - Sviluppiamo una Milano Sostenibile

Risultati del progetto


Risultati in campo ambientale

La seconda fase del progetto “Milano 21- Sviluppiamo una Milano sostenibile”, nell’ambito del processo di Agenda 21 Locale del Comune di Milano, è rappresentata dall’attivazione dei tavoli tematici di discussione, relativi ai temi ambientali prioritari per la città. Il primo tavolo è stato avviato sul tema dell’efficienza energetica, delle fonti alternative e della sicurezza, nel corso del quale è stata individuata una prima lista di azioni, finalizzate ad obiettivi di sostenibilità energetica.

Obiettivi raggiunti


Risultati in campo economico
Obiettivi raggiunti

Risultati in campo sociale

Al tavolo tematico su ‘efficienza energetica, fonti alternative e sicurezza’ hanno partecipato congiuntamente i rappresentanti dei settori comunali e dei diversi portatori di interesse locale della città.

Nel corso degli incontri del tavolo è stata individuata una prima lista di azioni condivise che verrà sottoposta all’approvazione dell’Amministrazione Comunale.

Obiettivi raggiunti
  • Miglioramento delle prassi di partecipazione sociale
  • Aumento delle possibilità della comunità locale di influire sui processi decisionali locali


Modalità di realizzazione


Creazione di partnership e collaborazioni

E’ stato creato un rapporto di collaborazione tra Agenzia Mobilità e Ambiente e le Università lombarde (Università degli Studi di Milano, Politecnico di Milano, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Università Cattolica di Milano) per l’individuazione degli indicatori tematici da aggiornare nell’ambito della Relazione sullo Stato dell’Ambiente (RSA) e l’eventuale proposta di nuovi indicatori da popolare rispetto all’edizione 2003.

E’ in corso di realizzazione, con la collaborazione di MeglioMilano, un progetto denominato “Osservatorio della Qualità Urbana”, il cui obiettivo è quello di definire un gruppo di “Indicatori di qualità” (ovvero di degrado) per valutare la percezione dei cittadini del Comune di Milano sulla qualità urbana, organizzandone il rilevamento (ripetibile nel tempo) su un significativo campione di zone.

Obiettivi raggiunti
  • Creazione di collaborazioni tra soggetti pubblici e soggetti privati

Promozione dell'informazione alla comunità locale e della partecipazione dei destinatari

Per facilitare l’accesso ai contenuti della Relazione sullo Stato dell’Ambiente sono state create pagine web dedicate collegate ai siti del Comune di Milano e di Agenzia Mobilità e Ambiente, che permettono una ricerca mirata degli indicatori per tematica, oltre che il download del contenuto di ogni singolo capitolo del volume cartaceo.

In aggiunta ai volumi cartacei distribuiti e alle pagine web sono stati realizzati cd-rom, per garantire una maggiore diffusione della RSA.

Attività realizzate
  • Diffusione di informative alla comunità locale mediante affissione di manifesti, distribuzione di brochure o organizzazione di convegni

Formazione delle unità operative

Nell’ambito del tavolo tematico su ‘efficienza energetica, fonti alternative e sicurezza’ sono state svolte presentazioni, rivolte ai partecipanti al tavolo, quindi anche a funzionari del Comune di Milano, di progetti relativi allo sviluppo di nuove tecnologie di efficienza energetica.

Attività realizzate

Integrazione con altre attività e sviluppi futuri

Nell’ambito del progetto, l’elaborazione della RSA del Comune di Milano ha come scopo l’integrazione della dimensione ambientale nelle diverse politiche di settore, in modo da creare i presupposti per la definizione di obiettivi condivisi e strategie di intervento comuni.

Inoltre, il sistema di indicatori definito nella RSA può essere applicato per l’implementazione e la sperimentazione degli indicatori all’interno di strumenti di audit delle politiche di settore e dei piani territoriali dell’autorità locale, in particolare:

  • a supporto dei processi di valutazione di un piano territoriale;
  • a supporto dei processi di studio di impatto ambientale;
  • a supporto dei processi di valutazione ambientale strategica;
  • come feedback di un piano di settore rispetto a target e strategie di sostenibilità ambientale;
  • per realizzare un opportuno audit interno delle politiche avviate dall’Autorità locale coerenti con gli obiettivi di sostenibilità.

 

Nel corso degli incontri del tavolo tematico su efficienza energetica, fonti alternative e sicurezza sono state definite nell’ambito dell’area tematica ‘integrazione di obiettivi di sostenibilità energetica in strumenti di pianificazione e regolazione a livello comunale’ le seguenti azioni, da sottoporre all’approvazione dell’Amministrazione Comunale:.

  • Introduzione di obiettivi e parametri di efficienza energetica, sicurezza e utilizzo fonti alternative in Regolamento Edilizio, Piano di Governo del Territorio, Piani Attuativi Comunali, etc.
  • Introduzione di obiettivi di efficienza energetica, sicurezza e utilizzo fonti alternative nei bandi di gara (nuove costruzioni, ristrutturazioni)
  • Inserimento di obiettivi di efficienza energetica, sicurezza e più in generale di sostenibilità ambientale nei bandi per l’acquisto di beni e servizi
  • Applicazione e promozione della certificazione energetica in edilizia
Attività realizzate
  • Integrazione della componente ambientale nelle altre politiche dell’ente
  • Miglioramento della coerenza delle politiche e delle azioni attuative
  • Modifica degli strumenti di pianificazione


Criticità


Criticità affrontate

Mancanza di disponibilità da parte dei settori pubblici a lavorare in processi di partecipazione di tipo volontario e difficoltà nella reperibilità dei dati necessari all’elaborazione di indicatori, nell’ambito della RSA.

Tipologia criticità
  • Sostegno politico al progetto
  • Risorse economico-finanziarie
  • Coinvolgimento del personale
  • Circolazione di dati ed informazioni


Trasferimento dell'esperienza


Elementi innovativi e attività per il trasferimento dell'esperienza

Attività di comunicazione e diffusione sul territorio degli indicatori ambientali contenuti nella Relazione sullo Stato dell’Ambiente anno 2003 e del Rapporto sulla Qualità dell’Aria anno 2005  mediante conferenze e distribuzione dei volumi cartacei a vari enti istituzionali.

Per facilitare l’accesso ai contenuti della RSA sono state create pagine web dedicate collegate ai siti del Comune di Milano e di Agenzia Milanese Mobilità e Ambiente (www.ama-mi.it\documenti\RSA), che permettono una ricerca mirata degli indicatori per tematica, oltre che il download del contenuto di ogni singolo capitolo del volume cartaceo.

In aggiunta ai volumi e alle pagine web sono stati realizzati cd-rom, per garantire una maggiore diffusione della RSA.

Strumenti per il trasferimento dell'esperienza
  • Produzione di documenti e rapporti sull'attività svolta
  • Documentazione tecnica e manuali consultabili on line
  • Creazione di un sito web del progetto
  • Disponibilità a rispondere telefonicamente o via e-mail a quesiti specifici
  • Breve collaborazione con altri soggetti che intendano implementare esperienze simili
  • Disponibilità a impartire corsi o stage per la formazione di personale di altro ente
  • Presentazione del progetto a conferenze nazionali e internazionali
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.