Il sistema turistico EMAS - ECOLABEL

La Provincia di Chieti, attiva da tempo nel campo dello sviluppo sostenibile e nella promozione delle certificazioni volontarie in campo ambientale, ma anche della salute e sicurezza dei lavoratori e della responsabilità sociale delle imprese, ha ottenuto l’approvazione da parte dell’APAT e del Comitato nazionale Emas-Ecolabel per la realizzazione di una scuola locale Ecolabel di livello nazionale per consulenti aziendali nel settore dei servizi turistici - Master I livello -. Nel progetto verranno coinvolti consulenti esterni esperti di sistemi di certificazione volontaria, che cureranno la parte tecnico-scientifica dello studio, in collaborazione con la struttura interna.

Gli interventi da realizzare sono i seguenti: -

Creazione formale del gruppo di lavoro, suddivisione delle attività e responsabilità all’interno del gruppo, elaborazione e produzione delle schede di rilevazione sul territorio unitamente a primo materiale informativo per gli operatori.

-Rilevazione sul campo dei dati necessari. In particolare verranno investigati: il numero, la localizzazione, la dimensione dei servizi turistici interessabili all’iniziativa; i livelli attuali di gestione ambientale con riferimento ai livelli richiesti dal marchio Ecolabel, l’attuale grado di sensibilizzazione alla introduzione in azienda della certificazione di qualità ambientale.

-Elaborazione dei dati raccolti per pervenire ad un action plan che evidenzi i costi per l’implementazione del sistema diffuso di certificazione Ecolabel e le azioni di disseminazione e formazione che l’analisi fa ritenere più importanti per la condivisione degli obiettivi generali del progetto.

-Attività di sensibilizzazione e diffusione che sarà effettuata attraverso azioni mirate verso due distinti gruppi target: gli operatori dedicati ai servizi turistici ed i cittadini. Il corso di II Livello intende garantire una formazione di alto profilo che oltre a supportare le organizzazioni nella introduzione e nella valutazione dei sistemi di gestione, nella effettuazione dell’Analisi Ambientale Iniziale, nelle attività di audit interno e nella predisposizione della Dichiarazione Ambientale in riferimento a specifici settori di attività - codici Nace -, affronti i molteplici aspetti dell’introduzione e valutazione dei sistemi di gestione ambientale, fornendo metodologie e competenze specifiche in grado di supportare chi dovrà operare autonomamente come auditor.

Progetto tratto da “Aalborg e l’Italia” Raccolta dei progetti dei soci del Coordinamento A21L italiane in attuazione degli Aalborg Commitments Aalborg Commitment perseguito: 8 Economia locale sostenibile: Ci impegniamo a creare e ad assicurare una vivace economia locale, che promuova l’occupazione senza danneggiare l’ambiente
UNIVERSITA' "G. D'ANNUNZIO", ASSOCIAZIONE PROV.\nINDUSTRIALI, AGENZIA LOCALE PER L'ENERGIA, CAMERA DI COMMERCIO
Territorio provinciale
Provincia
Turismo
01/01/00
Giancarlo Moca
No file
No file
No file
No file
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.