Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Soggetto pubblico (altri) / Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile Regione Emilia-Romagna / MONITORAGGIO - LIFE PRIMES Miglioramento della resilienza al rischio alluvioni con azioni di adattamento sviluppate insieme ai cittadini

MONITORAGGIO - LIFE PRIMES Miglioramento della resilienza al rischio alluvioni con azioni di adattamento sviluppate insieme ai cittadini

Risultati del progetto



Risultati in campo economico
Obiettivi raggiunti

Risultati in campo sociale

Per favorire il coinvolgimento attivo dei cittadini nello sviluppo dei Piani Civici di Adattamento (CAAP) e aumentare la resilienza rispetto al rischio di alluvioni e mareggiate, è stato avviato un percorso partecipato che ha coinvolto le comunità locali delle aree pilota di progetto e le scuole attraverso: incontri preparatori con le amministrazioni, workshop informativi e operativi con gli stakeholder, esercitazioni sul rischio alluvioni e azioni dimostrative; parallelamente è stato attivato un percorso di formazione nelle scuole anche attraverso l’utilizzo dello strumento CAAP, che ha offerto un’ occasione per parlare del sistema di Protezione civile, del rischio alluvione e di come affrontarlo. Questo ha rappresentato un tassello importante nel coinvolgimento delle comunità per costruire resilienza e promuovere la consapevolezza del rischio e l’adozione di comportamenti di autoprotezione.

Alla fine del percorso sono stati prodotti 7 Piani locali di adattamento, elaborati dall’aggregazione delle compilazioni effettuate da ogni area pilota. I CAAP, oltre ad aver contribuito a rendere più informati i cittadini, saranno adottati dalle Amministrazioni coinvolte e tenuti in considerazione per l’attuazione e l’aggiornamento dei Piani di Protezione Civile Comunali.

Obiettivi raggiunti
  • Miglioramento delle prassi di partecipazione sociale
  • Aumento delle possibilità della comunità locale di influire sui processi decisionali locali


Modalità di realizzazione


Creazione di partnership e collaborazioni

Il progetto ha sperimentato un grande lavoro di squadra tra amministrazioni locali, protezione civile, cittadini, scuole, volontariato, esperti, comunità scientifica per la prevenzione del rischio alluvioni e mareggiate e la risposta all’emergenza.

in particolare tra i partner di progetto: l’Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile dell’Emilia-Romagna, Arpae Emilia-Romagna, la Regione Emilia-Romagna–Direzione regionale Cura del territorio e dell’Ambiente, i centri funzionali delle Regioni Marche e Abruzzo, l’Università Politecnica delle Marche e le amministrazioni locali delle aree pilota coinvolte: Ravenna (località Lido di Savio), Poggio Renatico (Fe), Lugo (Ra), Sant’ Agata sul Santerno (Ra), Imola (Bo) Mordano (Bo), Senigallia (An), San Benedetto del Tronto (Ap), Scerne di Pineto (Te), Torino Di Sangro (Ch).

Obiettivi raggiunti
  • Collaborazioni tra soggetti pubblici che esercitano competenze concorrenti o coordinate o di diversi livelli territoriali

Promozione dell'informazione alla comunità locale e della partecipazione dei destinatari

Sono stati effettuati incontri preparatori con i Comuni delle aree pilota per individuare gli stakeholder più significativi e valutare le modalità più idonee per coinvolgere la cittadinanza sulla base delle realtà locali.

Un workshop informativo in ciascuna delle aree pilota, con una sessione operativa di compilazione dei CAAP da parte degli stakeholder e discussione finale; un workshop di presentazione dei risultati dei CAAP e dialogo con l’amministrazione.

Un’esercitazione di protezione civile sul rischio alluvioni per ogni regione, finalizzata a testare la capacità di risposta del sistema di protezione civile e a fornire un momento formativo per i partecipanti sui comportamenti da tenere in caso di emergenza.

Un’azione dimostrativa per ogni regione, selezionata tra le azioni di adattamento del CAAP più votate dai cittadini, con il coinvolgimento delle comunità delle aree pilota per accrescere la consapevolezza attraverso l’esperienza diretta.

Attività realizzate
  • Diffusione di informative alla comunità locale mediante affissione di manifesti, distribuzione di brochure o organizzazione di convegni
  • Divulgazione delle attività attraverso siti internet
  • Comunicazioni presso scuole, associazioni di cittadini di vario tipo o altre strutture non direttamente coinvolte nella realizzazione del progetto

Formazione delle unità operative

Maggiore conoscenza degli scenari climatici a livello locale conseguenti ai cambiamenti climatici.

Miglior coordinamento tra i diversi attori del sistema di protezione civile.

Acquisizione di procedure, linguaggi e modalità di comunicazione condivisi.

Risposta più efficiente all’emergenza.

Apprendimento degli aspetti fondamentali di gestione di un progetto Life.

Acquisizione di capacità organizzative e di gestione di processi partecipati con la popolazione.

Acquisizione di capacità organizzative e di gestione di eventi a livello locale e nazionale.

Implementazione delle capacità di comunicazione e di reporting.

Attività realizzate
  • Produzione e distribuzione di documenti tecnici o manuali
  • Affiancamento di consulenti al personale interno

Integrazione con altre attività e sviluppi futuri

Le azioni sviluppate ed attuate dal progetto sono in linea con quanto previsto nei Piani di Gestione del Rischio Alluvioni, in ottemperanza della Direttiva 2007/60/CE, in particolare nell’ambito delle misure appartenenti alla categoria M4, Misure di preparazione, relative al miglioramento dei sistemi di allerta e delle modalità di informazione alla popolazione, alla promozione della “cultura del rischio”. Sono in corso di realizzazione delle Linee guida per sostenere l’implementazione ed attuazione delle azioni sviluppate nell’ambito del progetto per diffonderle nei comuni a rischio di alluvione nelle tre regioni anche attraverso il coinvolgimento dell'ANCI regionale. I risultati del progetto saranno portati all'attenzione delle istituzioni nazionali, grazie anche alla collaborazione con altre Protezioni Civili (con particolare riferimento alle regioni che hanno manifestato il loro supporto nell’implementazione del progetto), e alle attività legate all’attuazione della Direttiva 2007/60/CE per garantire che le esperienze e gli strumenti sviluppati attraverso Life PRIMES, così come i risultati ottenuti, possano essere replicati in altre parti d'Italia.

Attività realizzate
  • Miglioramento della coerenza delle politiche e delle azioni attuative


Criticità


Criticità affrontate

I problemi incontrati a livello di progetto, che hanno causato ritardi sono i seguenti:

- il lungo tempo nell'assegnazione del contratto per l'assistenza tecnica (sei mesi dalla chiusura del bando di gara);

- i numerosi forti terremoti, avvenuti nelle regioni abruzzesi e marchigiane nel periodo agosto-ottobre 2016 gennaio 2017 e le abbondanti nevicate di gennaio 2017, che hanno causato diversi rinvii nello svolgimento delle proprie attività progettuali, in quanto i Centri Funzionali erano direttamente coinvolti nelle attività di assistenza alla popolazione e ripristino.

Tipologia criticità
  • Coordinamento tra le unità organizzative
  • Coordinamento con altri enti pubblici


Trasferimento dell'esperienza


Elementi innovativi e attività per il trasferimento dell'esperienza
  • Contributo al percorso di omogeneizzazione nazionale dei sistemi di allertamento.
  • Facile replicabilità del percorso partecipato.
  • Miglioramento della resilienza con azioni di adattamento sviluppate con i cittadini.
  • Integrazione delle azioni dei CAAP nei piani di protezione civile comunali.
Strumenti per il trasferimento dell'esperienza
  • Produzione di documenti e rapporti sull'attività svolta
  • Documentazione tecnica e manuali consultabili in loco
  • Documentazione tecnica e manuali consultabili on line
  • Creazione di un sito web del progetto
  • Disponibilità a rispondere telefonicamente o via e-mail a quesiti specifici
  • Breve collaborazione con altri soggetti che intendano implementare esperienze simili
  • Disponibilità a impartire corsi o stage per la formazione di personale di altro ente
  • Presentazione del progetto a conferenze nazionali e internazionali
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.