Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Soggetto privato / Tred Carpi S.r.L. / PIRR - Polo Integrato per il Riciclaggio e la Valorizzazione dei Rifiuti

PIRR - Polo Integrato per il Riciclaggio e la Valorizzazione dei Rifiuti

La produzione di rifiuti tecnologici, quali elettrodomestici, telefoni, elettroutensili, apparecchiature di controllo, distributori automatici, ecc., negli ultimi anni è in costante aumento. Si calcola che in Italia nel 2003 siano stati almeno di 600.000 t. La maggior parte di tali rifiuti viene ancora oggi smaltita in modo indifferenziato insieme con i rifiuti urbani. Poiché molti R.A.E.E. contengono sostanze nocive per l'ambiente e la salute pubblica, è necessario adottare sistemi di raccolta separata e di specifico trattamento di tali rifiuti che ne permetta il reimpiego e/o il recupero. La Direttiva Comunitaria 2002/96/CE stabilisce infatti che i R.A.E.E. vengano raccolti in modo separato rispetto ai rifiuti urbani e vengano poi sottoposti a particolari trattamenti per innocuizzare i componenti nocivi e per recuperare i materiali riciclabili. Lo scopo del presente progetto è quella di creare presso Tred Carpi un centro integrato per il recupero e la valorizzazione dei materiali dai rifiuti tecnologici, In particolare Tred Carpi intende integrare la propria strumentazione tecnologica con macchine e sistemi per il trattamento ed il recupero sia dei tubi catodici di televisori e monitor sia delle batterie dei telefoni cellulari e degli elettroutensili. Al fine di ottimizzare l'attività di recupero ci si propone di migliorare ed estendere la raccolta differenziata dei suddetti rifiuti problematici, anche attraverso la collaborazione dei partner pubblici - Comune di Carpi e Provincia di Modena - e delle aziende che gestiscono il servizio pubblico di raccolta dei rifiuti urbani. In questo modo si potrà favorire il raggiungimento degli obiettivi quantitativi fissati dalla Direttiva Comunitaria 2002/96/UE sui RAEE, sia per quanto riguarda la R.D. che per quanto riguarda il recupero ed il riciclaggio degli stessi rifiuti. Pertanto si potrà creare un servizio completo, capace di soddisfare i bisogni dei cittadini in totale rispetto dell'ambiente, nonché di offrire ai produttori dei beni - su cui ricade dal 13 agosto 2005 la responsabilità e l'onere di provvedere al corretto smaltimento dei RAEE - un sistema adeguato ed efficiente di gestione.

Area urbana
Comune
Rifiuti
01/12/03
24
€ 1.350.000
UE
LIFE
Finanziamento Life Ambiente 2004: 300.000 euro
Emilio Guidetti
http://www.pirr.it/
No file
No file
No file
No file
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.