Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Soggetto privato / Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti SpA / Sviluppo di una tecnologia pulita di rivestimento in PVD per applicazioni decorative su componenti metalliche in luogo delle tecnologie tradizionali

Sviluppo di una tecnologia pulita di rivestimento in PVD per applicazioni decorative su componenti metalliche in luogo delle tecnologie tradizionali

Lo scopo del progetto è l'uso di tecnologie di rivestimento verdi o ambientalmente compatibili per sostituire le tecnologie di rivestimento galvanico usate attualmente nel campo decorativo e, in particolare, il trattamento di cromatura nel campo della produzione di rubinetti. La tecnologia verde sviluppata e testata in questo progetto è un arco PVD - Physical Vapour Deposition - con un arco magnetico, attraverso la progettazione e la costruzione di un equipaggiamento PVD sperimentale semi-continuo o continuo. La sostituzione del processo di cromatura con una tecnologia PVD porta vantaggi ambientali in termini di sensibile riduzione del contenuto di cromo contenuto nelle acque reflue di produzione, della produzione di rifiuti tossici solidi, delle emissioni di gas, dell'uso di materiali pericolosi per la salute umana. In più, i processi PVD permettono una riduzione sensibile dell'uso di acque di processo e del consumo di energia. In Italia, l'industria galvanica e dei rubinetti è storicamente divisa in un gran numero di PMI - circa 4000 imprese galvaniche con meno di 40 impiegati -. Lo scopo del progetto è fornire alle PMI una tecnologia alternativa economica e pulita per sostituire il trattamento di cromatura, con la possibilità in futuro di progettare equipaggiamenti di diverse dimensioni e produttività in relazione alla dimensione dell'impresa. In più, una tecnologia innovativa ed avanzata può aprire nuove prospettive sul mercato internazionale per queste PMI.

Il progetto ha una durata di 36 mesi e coinvolge 3 industrie italiane - Genta-SME, Paini, RMP2-SME -, un'industria tedesca - PVT-SME - ed un parco tecnologico - Envipark -.

Include i seguenti compiti:

FASE 1 - Selezione dei principali componenti da rivestire e dei relativi materiali. Selezione delle tipologie di materiali, forme e geometrie dei componenti di rubinetti per creare e testare le tecniche PVD per sostituire il trattamento galvanico di cromatura. Impianto dei trattamenti preliminari per successivamente rivestire i componenti in ottone con uno strato esterno in PVD.

FASE 2 - Selezione dei tipi di rivestimento in PVD da testare come rivestimenti esterni e possibili interstrati. Allestimento dei rivestimenti in PVD da testare sui componenti in ottone.

FASE 3 - Esecuzione dei rivestimenti in PVD su esempi di rubinetti con impianti già esistenti. Realizzazione di una serie di superfici in PVD su componenti in ottone.

FASE 4 - Caratterizzazione dei rivestimenti scelti durante la fase 2 e posti in produzione durante la fase 3 in modo completo ed esaustivo. Selezione dei rivestimenti in PVD ottimali per portare avanti il progetto.

FASE 5 - Progettazione, costruzione e installazione dell'impianto sperimentale. Realizzazione di un impianto PVD preindustriale semicontinuo o continuo utilizzabile per trattare grandi quantità di componenti.

FASE 6 - Avvio dell'impianto e test dei rivestimenti su campioni e parti di rubinetti. Realizzazione di una serie di rivestimenti in PVD ottimali con l'impianto pilota su componenti in ottone.

FASE 7 - Caratterizzazione dei rivestimenti su campioni e componenti e test dei componenti rivestiti. Caratterizzazione e test dei rivestimenti portati a termine durante la fase 6 con l'impianto sperimentale.

FASE 8 - Analisi tecnica, economica ed ambientale dele soluzioni testate. Analisi della possibilità di sostituzione della cromatura galvanica. Ulteriori informazioni sul sito: www.cleandeco.com/ie/default.htm

Fonte: EC-LIFE projects database
Area industriale
Ambito nazionale
Industria
01/09/01
36
€ 4.873.291
UE
LIFE
Finanziamento LIFE AMBIENTE: 1.004.923,00 euro
Daniele Franchi
www.cleandeco.com/ie/default.htm
No file
No file
No file
No file
archiviato sotto: ,
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.