MONITORAGGIO - CitiEnGov

Risultati del progetto


Risultati in campo ambientale

Il Progetto CitiEnGov è attualmente in fase di implementazione per cui i principali risultati e gli effetti delle azioni messe in campo in questo periodo saranno valutabili nei prossimi anni. Le attività promosse in collaborazione con il Comune di Ferrara (Programma per eco-cittadini e Pianificazione energetica comunale) hanno permesso di arricchire le conoscenze sui consumi del patrimonio edilizio pubblico e privato e sugli interventi edilizi di efficientamento energetico. L’obiettivo ultimo in campo ambientale del progetto è il miglioramento della pianificazione energetica del territorio comunale (PAES-PAESC).

Obiettivi raggiunti
  • Riduzione dei fattori di pressione sull'atmosfera
  • Introduzione o miglioramento dei sistemi di gestione ambientale


Risultati in campo economico

Il Progetto CitiEnGov è ancora in corso per cui non sono ancora disponibili dati precisi su risultati economici. Le attività messe in campo in questo primo periodo di progetto porteranno ad una riduzione dei consumi energetici nell’ambito dei contratti calore e ad una maggiore consapevolezza dei consumi degli edifici privati e del patrimonio edilizio comunale.

Obiettivi raggiunti
  • Investimento in tecnologie innovative ecocompatibili
  • Miglioramento dell’efficienza e dell’efficacia delle spese ambientali

Risultati in campo sociale

Con il progetto CitiEnGov Sipro e il Comune di Ferrara stanno collaborando su attività legate ad aspetti ambientali e energetici. In particolare è stata potenziata l’Unità Energia del Comune di Ferrara, a servizio dei cittadini, rendendola più operativa ed intersettoriale grazie al coinvolgimento di vari tecnici esperti su varie tematiche. Sono stati proposti vari incontri di formazione per la cittadinanza al fine di promuovere una maggiore sensibilizzazione su tematiche ambientali ed energetiche. Nell’ambito del Programma per eco cittadini, promosso dal Progetto CitiEnGov, sono state coinvolte 30 famiglie per le quali  sono state organizzate diagnosi energetiche, incontri di formazione con suggerimenti volti a ridurre i consumi energetici (e di conseguenza le bollette), una sfida per premiare il migliore risparmiatore energetico. Al termine del programma verrà fatta una diagnosi finale per verificare se i suggerimenti forniti hanno contribuito a diminuire il consumo energetico delle abitazioni e quindi a limitare i costi energetici familiari. La famiglia con il miglior comportamento energetico verrà premiata con una bici elettrica e l’invito a  raccontare la propria esperienza all’evento finale del progetto.

Obiettivi raggiunti
  • Miglioramento delle prassi di partecipazione sociale
  • Aumento delle possibilità della comunità locale di influire sui processi decisionali locali
  • Promozione dello scambio culturale e agevolazione dell’integrazione sociale
  • Sensibilizzazione dell'opionione pubblica in tema di sviluppo sostenibile


Modalità di realizzazione


Creazione di partnership e collaborazioni

Le principali relazioni intensificate grazie al progetto sono tra vari enti pubblici e privati locali che stanno collaborando a varie attività legate all’efficientamento energetico. In particolare i partner di progetto (Dedagroup e Sipro) hanno coinvolto il Comune di Ferrara per la creazione di un client web gis per la gestione dei dati energetici degli edifici, grazie al tool è possibile avere la mappa degli isolati con la registrazione dei consumi energetici. E’ stato inoltre attivato un tavolo regionale con la presenza di vari soggetti pubblici e privati tra i quali Arpae-Osservatorio energia dell’Emilia Romagna, Anci, Hera, Ervet, Iren, Aster e vari comuni. La collaborazione ha lo scopo di individuare una metodologia per la raccolta e messa a sistema dei dati energetici regionali.

Obiettivi raggiunti
  • Collaborazioni tra soggetti pubblici che esercitano competenze concorrenti o coordinate o di diversi livelli territoriali
  • Creazione di collaborazioni tra soggetti pubblici e soggetti privati

Promozione dell'informazione alla comunità locale e della partecipazione dei destinatari

Grazie al progetto CitiEnGov e alle collaborazioni tra enti pubblici e privati di Ferrara sono state realizzate varie attività per favorire la partecipazione dei cittadini e aumentare la sensibilità su tematiche legate al risparmio energetico.

Le principali azioni messe in campo sono:

  • potenziamento dell’Unità Energia del Comune di Ferrara a servizio della comunità locale;
  • promozione del Programma per eco-cittadini grazie al quale sono stati forniti audit energetici gratuiti a 30 famiglie ferraresi;
  • vari incontri (Energy day) con esperti che hanno spiegato ai cittadini modalità e buone prassi per risparmiare energia e abbassare i consumi e i costi;
  • partecipazione al programma Climathon.
Attività realizzate
  • Diffusione di informative alla comunità locale mediante affissione di manifesti, distribuzione di brochure o organizzazione di convegni
  • Divulgazione delle attività attraverso siti internet
  • Partecipazione attiva della comunità locale e dei destinatari nella fase di progettazione degli interventi

Formazione delle unità operative

L’Unità Energia del Comune di Ferrara è stata potenziata con tecnici di vari settori. In particolare è stata creata appositamente un’Unità di Progetto che ha coinvolto professionisti di 3 settori del Comune di Ferrara (ambiente, pianificazione, sistemi informativi). Nell’ambito del progetto è prevista anche un’attività di formazione trasversale per i tecnici coinvolti nell’Unità Energia.

Attività realizzate
  • Formazione del personale coinvolto mediante corsi
  • Reclutamento di personale specializzato

Integrazione con altre attività e sviluppi futuri

Il progetto ha permesso al Comune di Ferrara di avviare le procedure per la definizione del PAESC e di intensificare la sensibilità dell’amministrazione comunale alle tematiche legate al risparmio energetico e la salvaguardia ambientale. La redazione del PAESC prevederà integrazioni con il PUMS (Piano Urbano Mobilità Sostenibile) in fase di definizione.  

Inoltre l’implementazione del software con la banca dati energetica degli edifici è stato uno strumento fondamentale per i report di monitoraggio del PAES e la contabilizzazione del risparmio energetico degli edifici privati.

Attività realizzate
  • Integrazione della componente ambientale nelle altre politiche dell’ente
  • Miglioramento della coerenza delle politiche e delle azioni attuative


Criticità


Criticità affrontate

I principali problemi incontrati nel corso dell’implementazione del progetto sono stati:

  • difficoltà iniziali nella coordinazione di esperienze e competenze differenti tra enti pubblici e privati;
  • la gestione delle attività di lavoro ha richiesto spesso l’impiego di tempo “extra” ai tecnici coinvolti.

Le criticità si sono comunque risolte dopo i primi mesi di progetto e una volta definito il programma di lavoro.

Tipologia criticità
  • Coordinamento tra le unità organizzative
  • Problemi nella fase di progettazione
  • Coinvolgimento del personale


Trasferimento dell'esperienza


Elementi innovativi e attività per il trasferimento dell'esperienza

Le attività svolte nell’ambito del progetto CitiEnGov, fatte con la collaborazione di vari enti tra cui il Comune di Ferrara, possono essere considerate “progetti pilota” replicabili anche in altri contesti.

I principali output trasferibili sono:

  • implementazione del sistema informatico comunale con l’inserimento di parametri di carattere energetico e di un software per la gestione delle pratiche edilizie (“cruscotto energetico”);
  • metodologia per la definizione dei report di monitoraggio del PAES;
  • programma per eco-cittadini;
  • implementazione Unità energia;
  • organizzazione di Energy day – Energy Cafè.
Strumenti per il trasferimento dell'esperienza
  • Produzione di documenti e rapporti sull'attività svolta
  • Documentazione tecnica e manuali consultabili on line
  • Creazione di un sito web del progetto
  • Disponibilità a rispondere telefonicamente o via e-mail a quesiti specifici
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.