Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Soggetto privato / Sasil S.p.A. / VALIRE Valorisation of inceneration Residues

VALIRE Valorisation of inceneration Residues

Il progetto tratta la valorizzazione delle scorie e delle ceneri prodotte dagli inceneritori urbani ed attualmente destinati a discarica per produrre schiuma di vetro, fibra di vetro, filler per calcestruzzo, fondenti per industria ceramica, inerti per industria dei laterizi.

Il problema dello smaltimento, nel nord Italia, si può quantificare nella produzione di 250.000 ton/anno di scorie e di 100.000 ton/anno di ceneri. Le SCORIE, umide, sono considerate rifiuti speciali non pericolosi e per la maggior parte sono conferiti a discarica, in particolare in Germania, con dei costi notevoli di smaltimento anche per l'importante incidenza del costo di trasporto.

Le CENERI, secche, rifiuto speciale pericoloso, vengono pure smaltite a discarica, con dei costi ancora maggiori delle scorie in quanto si tratta appunto di rifiuti pericolosi che richiedono discariche adatte e che sono piuttosto rare in Italia, per cui si ricorre a discariche estere. La Sasil, con la consulenza della Stazione del Vetro di Murano, ha studiato un metodo innovativo di trattamento per poter riutilizzare sia le scorie che le ceneri, in modo da evitare il conferimento a discarica e farle diventare una materia prima secondaria.

Si tratta di due sistemi di trattamento differenti con due utilizzi finali diversi, ma con la possibilità che i due prodotti possano anche essere mescolati prima della fase di micronizzazione in modo da avere anche uno sbocco comune.

Le tecnologie applicate per la valorizzazione delle SCORIE saranno a umido - eliminazione dei composti organici solubili per lavaggio con relativo trattamento acque, lisciviazione degli elementi alcalini con acque acide di recupero, produzione di gesso per decantazione e filtropressatura - e a secco - essiccazione e vagliatura, separazione magnetica dei metalli ferrosi, separazione elettrostatica dei metalli non ferrosi, micronizzazione e separazione pneumatica -.

Le tecnologie applicate per la valorizzazione delle CENERI invece saranno a secco - vetrificazione delle ceneri, miscelazione con altri vetri e/o minerali, micronizzazione, fusione per produrre fibra di vetro -.

Stazione Sperimentale del Vetro
Area industriale
Ambito nazionale
Industria, Rifiuti
01/01/10
48
€ 3.508.580
UE
LIFE
Cofinanziamento LIFE + 1.738.239 euro
Lodovico Ramon
http://www.sasil-life.com/
No file
No file
No file
No file
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.