Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Soggetto privato / MACROSCOPIO S.P.A. / INTEND Definizione di un sistema di Dichiarazione Ambientale di Prodotto a valenza internazionale e sua implementazione in due paesi pilota - Svezia e Italia -

INTEND Definizione di un sistema di Dichiarazione Ambientale di Prodotto a valenza internazionale e sua implementazione in due paesi pilota - Svezia e Italia -

La dichiarazione ambientale di prodotto - EPD -, come definito in base allo standard ISO TR 14025, dà la possibilità di comunicare informazioni obiettive, confrontabili e credibili sulle performance ambientali dei prodotti. A livello internazionale, è stato creato un gruppo di lavoro all'interno dell'ISO - ISO/TC 207/SC 3 - per definire un Rapporto Tecnico sulla Dichiarazione Ambientale di Prodotto di Tipo III. Sono in corso discussioni sulla creazione di uno standard per il tipo III, come è stato già fatto per le etichette e dichiarazioni ambientali del Tipo I e II. Nel mondo vi sono alcune esperienze sull'implementazione di un sistema EPD per uno o più gruppi di prodotti. Fino ad ora, la Svezia è l'unico paese in Europa ad aver sviluppato un sistema EPD completo per la validazione e certificazione in base all' ISO TR 14025. Ogni esperienza di EPD sottolinea la necessità di creazione di un sistema di coordinamento a livello internazionale. Obiettivo del progetto è definire e sperimentare un sistema di Dichiarazione Ambientale di Prodotto, secondo l'ISO TR 14025, che possa essere applicato a livello internazionale. La struttura internazionale EPD sarà definita attraverso l'identificazione delle regole di coordinamento e armonizzazione tra i vari programmi nazionali. Il progetto darà agli stati membri ed ai paesi aderenti l'opportunità e gli strumenti per contribuire all'implementazione di un sistema internazionale composto da sub-sistemi nazionali. Il progetto diffonderà inoltre la conoscenza delle dichiarazioni ambientali di Tipo III e formerà i tecnici. Un obiettivo più ampio è quello di aumentare le conoscenze e la consapevolezza sugli aspetti ambientali dei prodotti - beni e servizi -.

Fonte: EC-LIFE projects database
Swedish Environmental Management Council - Stoccolma -, SINCERT - Milano -, CEPAS - Roma -, ABB Group Service Center Srl - Sesto San Giovanni, ACAM SpA - La Spezia, A.E.M. Spa - Milano, Bracco SpA - Milano, BUZZI Unicem S.p.A. - Casale Monferrato, Cartiera Favi
Territorio nazionale
Ambito nazionale
Industria
01/01/03
32
€ 2.799.836
UE
LIFE
Finanziamento LIFE AMBIENTE: 1.380.372,00 euro
Maurizio Fieschi
http://www.intendproject.net
344_106.doc — 123 KB
No file
No file
No file
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.