Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Soggetto privato / ENAIP NET / LIFE FOSTER: Training, education and communication to reduce food waste in the food service industry

LIFE FOSTER: Training, education and communication to reduce food waste in the food service industry

Il progetto sviluppa un approccio di prevenzione dello spreco alimentare in considerazione del fatto che lo spreco alimentare produce enormi quantità di gas serra e costituisce, quindi, un grosso problema ambientale.

FOSTER si concentra su alcuni ambiti principali: formazione ed educazione, prevenzione e comunicazione.

Vuole dimostrare come la formazione professionale possa aiutare a risolvere problemi ambientali attraverso lo sviluppo di comportamenti virtuosi.

Data la correlazione tra dinamiche ambientali, sociali ed economiche, la formazione e l’educazione sono diventate la chiave per implementare l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile (SDG 2 Fame Zero; SDG 12 Consumo e produzione responsabili).

La formazione professionale favorirà l'adozione di pratiche sostenibili nel settore della ristorazione affinché esse possano essere di esempio anche per il singolo cittadino. Il progetto prevede:

1) definizione di un modello per la gestione dello spreco alimentare e relative pratiche;

2) formazione di formatori di ristorazione ed insegnanti sullo spreco alimentare tramite uno specifico percorso volto a sviluppare comportamenti virtuosi per la riduzione di spreco alimentare in cucina e sala;

3) formazione di studenti (giovani e adulti) sullo spreco alimentare e pratica in azienda;

4) sensibilizzazione dei ristoratori tramite eventi dedicati (workshop e seminari) all'interno di fiere del settore HORECA, food & beverage, hospitality ecc.;

5) coinvolgimento dei policy maker per la definizione di misure a sostegno delle imprese che prevengono e riducono lo spreco alimentare;

6) trasferimento dell'esperienza ad altri enti di formazione finalizzato alla replicabilità.

La replicabilità della buona pratica può essere favorita se i comportamenti virtuosi possono diventare una nuova competenza da includere nei profili professionali della ristorazione. Il progetto prevede di coinvolgere altri 8 enti di formazione per favorire la replicabilità della pratica. Per quanto riguarda i ristoranti, si ritiene che buona parte di quelli che accoglieranno gli studenti in stage adotterà dei comportamenti virtuosi

UNISG (IT), FIC (IT), AFPA (FR), CECE (SP), MBB (ML), ITS (ML)
Territorio nazionale
Ambito nazionale
Rifiuti, Strategie partecipate e integrate
01/09/18
39
997.460 Euro
UE
LIFE

Stima dei costi d'investimento pari a 1.674.566Euro

info@lifefoster.eu
www.lifefoster.eu
No file
No file
No file
No file
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.