Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Soggetto privato / Centro Servizi Multisettoriale e Tecnologico (CSMT) / COSMOS - Uso della silice colloidale per l'inertizzazione delle ceneri leggere da incenerimento di rifiuti

COSMOS - Uso della silice colloidale per l'inertizzazione delle ceneri leggere da incenerimento di rifiuti

Circa il 20-25% dei rifiuti solidi urbani prodotti nella UE-15 è ora trattata mediante incenerimento, in oltre 400 impianti. Uno dei più importanti sottoprodotti di scarto di questo processo sono le ceneri leggere. Esse hanno un grosso impatto ambientale, in quanto ricche di metalli pesanti, per cui sono destinate alla discarica. L'Università degli Studi di Brescia ha sviluppato e ottimizzato un nuovo processo di trattamento di queste ceneri, basato sull'utilizzo della silice colloidale. Il prodotto inerte ottenuto - chiamato COSMOS - sembra dimostrare buone proprietà meccaniche che lo rendono interessante per un utilizzo come riempitivo in prodotti come cemento, plastica e gomma.

L'obiettivo generale del progetto è quello di trasferire il know-how di laboratorio sul trattamento delle ceneri leggere provenienti da incenerimento dei rifiuti solidi per un' applicazione pratica su scala industriale e di studiare l'applicabilità del COSMOS. Si spera di dimostrare la quasi totale riutilizzabilità del materiale stabilizzato. Il protocollo COSMOS è stato trasferito ai partner industriali che hanno costruito un impianto pilota in grado di produrre 100 kg/giorno di materiale stabilizzato. L'università partecipa alla ottimizzazione di questo protocollo per garantire che l'applicazione pratica raggiunga almeno le stesse prestazioni del sistema di laboratorio.

Il progetto prevede di effettuare una valutazione del ciclo di vita - LCA - dei processi comunemente utilizzati nella gestione delle ceneri leggere, per poi confrontarli con la LCA del processo proposto. Questo permetterà di valutare le migliori applicazioni del riempitivo COSMOS dal punto di vista finanziario e ambientale. Il processo fornirà materiale sufficiente per provare la sua applicazione in almeno cinque matrici. Le prestazioni operative e meccaniche dei nuovi materiali saranno confrontate con quelle commerciali per guidare la scelta dei tre prodotti che saranno usati a fini dimostrativi e di diffusione.

A seconda del successo e dell'accettazione sociale di questi prodotti, il progetto prenderà in considerazione la possibilità di un piano economico per la loro commercializzazione.

Università degli Studi di Brescia, Contento Trade s.r.l., Tekniker
Area industriale
Distretto industriale
Industria, Rifiuti
01/01/10
36
€ 2.007.907
UE
LIFE
Cofinanziamento LIFE+ 995.354 euro
Elza Bontempi
http://www.cosmos.csmt.eu/
No file
No file
No file
No file
archiviato sotto: ,
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.