Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Scuola/Università / Università degli Studi di Bologna / Dispositivo per l'indagine delle frane superficiali: uno strumento per la pianificazione agricola e urbana per valutare la vulnerabilità a frane superficiali delle aree rurali

Dispositivo per l'indagine delle frane superficiali: uno strumento per la pianificazione agricola e urbana per valutare la vulnerabilità a frane superficiali delle aree rurali

Più del 60% delle pendici collinari in area mediterranea sono caratterizzate da suoli scoscesi e argillosi, che negli ultimi 100 anni sono stati sempre più diboscati, causando estese frane superficiali e eventi idrologici catastrofici come le alluvioni. Il verificarsi di frane superficiali è strettamente connesso a cambiamenti nella gestione idrica, alle proprietà dei suoli, alla gestione delle coltivazioni e a cambiamenti vegetazionali. Il principale obiettivo del progetto è sviluppare una struttura - Dispositivo per l'indagine delle frane superficiali - SLID - per la pianificazione dell'uso del suolo per prevedere le frane nelle pendici collinari dell'area mediterranea. Questa struttura includerà mappe digitali, dati GIS, un sito sperimentale ed un modello fisico che, una volta integrati, forniranno uno strumento innovativo per valutare la vulnerabilità dei suoli alle frane superficiali. Il progetto propone: 1 - sviluppare uno strumento di supporto per istituzioni pubbliche e private da usare nella pianificazione dell'uso dei suoli; 2 - dimostrare l'applicabilità di modelli fisici per il supporto alle decisioni in campo ambientale; 3 - migliorare l'accuratezza delle previsioni degli attuali modelli fisici usando nuovi approcci sperimentali. I risultati di SLID dovrebbero permettere: 1 - la riduzione delle frane superficiali e dei loro effetti - perdita di suolo, cedimenti delle rocce, inondazioni -; 2 - ripristino delle aree degradate applicando le soluzioni migliori. La struttura SLID valuterà l'impatto delle attività umane sui processi idrologici e sulla stabilità dei pendii e la sua applicabilità non sarà limitata alle aree campione, ma potrà essere usata in tutti i terreni dei pendii collinari in differenti aree dell'Unione Europea.
Fonte: EC-LIFE projects database
Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Ambientali, Università di Bologna; Provincia di Forlì; Provincia di Ravenna; Autorità dei Bacini Regionali Romagnoli
Area rurale
Ambito nazionale
Territorio e Paesaggio
01/10/03
38
€ 367.098
UE
LIFE
Finanziamento LIFE AMBIENTE: 116.598,00 euro
Enzo Farabegoli
No file
No file
No file
No file
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.