Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Scuola/Università / Università degli Studi del Molise / CLIMO Climate-Smart Forestry in Mountain Regions

CLIMO Climate-Smart Forestry in Mountain Regions

 

Le foreste coprono il 41% della superficie montana d’Europa, e tale proporzione è in aumento. Queste foreste hanno un ruolo fondamentale per l’economia delle terre alte, in particolare da quando le nuove tecnologie rendono possibile il loro sfruttamento in maniera sostenibile. Pur non essendo particolarmente produttive, le foreste montane regolano il ciclo idrologico, e proteggono importanti infrastrutture e centri abitati dai disturbi naturali. Esse hanno anche un grande potenziale per la produzione di biomassa e come serbatoi di carbonio, ma sono anche molto vulnerabili ai disturbi ambientali indotti dai cambiamenti globali.

CLIMO ha l’obiettivo principale di tradurre il concetto di Climate-Smart Agriculture (CSA) nel settore forestale. L’approccio CSA presentato dalla FAO nel 2010, mira a promuovere condizioni tecniche, politiche, e finanziarie per raggiungere lo sviluppo sostenibile in campo agricolo, garantendo la sicurezza alimentare in condizioni di cambiamenti climatici.

Il progetto è articolato intorno a tre pilastri fondamentali: migliorare i mezzi di sostentamento degli abitanti delle zone di montagna aumentando in modo sostenibile i servizi ecosistemici delle foreste; migliorare l'adattamento e la resilienza ai cambiamenti climatici delle foreste montane; ottimizzare il potenziale di mitigazione dei cambiamenti climatici delle foreste montane, concentrandosi sulle opzioni di mitigazione più efficienti ed economiche e sfruttando le sinergie tra mitigazione e adattamento.

Obiettivi del progetto sono:

  • Definizione di “Climate-Smart Forestry” e identificazione dei criteri di "smartness" per le foreste montane europee.
  • Creazione di una rete europea delle Smart Forest (ESFONET).
  • Analisi dei requisiti per lo sviluppo di una rete cibernetica di strutture sperimentali.
  • Sviluppo di schemi di pagamento innovativi per i servizi ambientali (PES).
  • Diffusione dei risultati della ricerca presso gli stakeholders e il pubblico.
Area boschiva
Ambito nazionale
Agricoltura, Territorio e Paesaggio
17/10/16
48
Commissione Europea
Horizon 2020

Il progetto è stato finanziato nell’ambito del programma COST.

Roberto Tognetti
tognetti@unimol.it
http://climo.unimol.it/
CLIMO_memorandum of understanding.pdf — 500 KB
CLIMO_brochure.pdf — 949 KB
No file
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.