Bioenergy Reed

bioenergy reed

Bioenergy Reed è un progetto imprenditoriale di green economy finalizzato alla creazione e redistribuzione di ricchezza mediante la valorizzazione e tutela di una risorsa naturale dell’area del lago Trasimeno: la Phragmites Australis, comunemente detta “cannuccia di palude”, che contribuisce a preservare l’ecosistema controllando l’eutrofizzazione delle acque in virtù della sua azione fitodepurativa e favorendo la biodiversità in quanto habitat per la riproduzione dell’avifauna e di numerose specie ittiche.

L’idea di business prevede il taglio controllato del canneto in sinergia con la locale cooperativa dei pescatori, taglio finalizzato all’acquisizione della materia prima ma anche funzionale alla manutenzione delle sponde del lago Trasimeno in accordo alle misure di conservazione contenute nel Piano di Gestione SIC IT 5210018, e nella successiva lavorazione della canna per la realizzazione di un pannello isolante termo-acustico da impiegare in bioedilizia. Gli scarti del processo produttivo saranno impiegati come biomassa, ossia come fonte di energia rinnovabile.

Il valore economico creato viene ad essere redistribuito in varie forme: dall’integrazione al reddito per i pescatori che provvedono allo sfalcio del canneto con le tradizionali barche a fondo piatto, alla salvaguardia dell’ecosistema lacustre che rende il paesaggio fruibile dal punto di vista turistico, alla realizzazione di materiali bioedili per l’efficientamento energetico degli edifici mediante produzioni a basso impatto ambientale, alla produzione di energia da fonti rinnovabili.

L’utilizzo del fragmiteto come materia prima rende inoltre il progetto facilmente esportabile e adattabile alle numerose aree con caratteristiche affini diffuse in gran parte del territorio europeo e non solo.

Il progetto ha vinto il premio Best Practices for Lake 2014 nella categoria Energia e ambiente.

Il premio è stato organizzato dall'UNESCO Chair Water Management and Culture - Università per Stranieri di Perugia, ISPRA - banca dati GELSO, Ministero dell'Ambiente e Associazione Idrotecnica Italiana.

AUR (Agenzia Umbria Ricerche); ECIPA Umbria
Area umida
Da 10.000 a 100.000 abitanti
Parco Regionale
Edilizia e Urbanistica, Energia, Territorio e Paesaggio
01/09/13
Antonella Barbara Antenucci
www.secondarieclago.it
Poster_bp4L_Bioenergy Reed.pdf — 1357 KB
BER.pdf — 4127 KB
No file
No file
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.