Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Regione / Regione Umbria / SUMMACOP - Gestione sostenibile e multifunzionale dei cedui in Umbria

SUMMACOP - Gestione sostenibile e multifunzionale dei cedui in Umbria

Il progetto vuole promuovere un nuovo approccio alla gestione del bosco ceduo che dimostri l'applicabilità delle linee guida operative pan-europee per una gestione forestale sostenibile - 3a Conferenza Ministeriale sulla Protezione delle Foreste in Europa, Lisbona 1998 -, e consenta la valorizzazione degli aspetti connessi al concetto di efficienza multifunzionale.Attualmente il ceduo, che ha una rilevanza non solo nazionale ma interessa circa il 30 % della superficie forestale in Europa e qualifica l'Umbria, con l'85% dei boschi destinati a tale governo, come la regione che trova le maggiori motivazioni a promuovere un progetto dimostrativo, è caratterizzato da interventi tendenti a semplificare gli aspetti strutturali e specifici delle formazioni boscate, e a non garantire un'elevata efficienza per quanto riguarda la diversificazione dell'ambiente, la protezione idrogeologica e la valorizzazione paesaggistica.Il progetto interessa una superficie di indagine di circa 180 ettari, suddivisa in 4 ambiti territoriali, e prevede la realizzazione di interventi colturali dimostrativi, caratterizzati da approcci diversificati su piccole aree che, recependo alcuni dei sistemi propri alla selvicoltura naturalistica, siano mirati all'applicazione di tagli di ceduazione, o di avviamento all'altofusto, in grado di garantire la trasposizione sul territorio dei criteri di gestione sostenibile.Nel progetto sono coinvolti il Servizio programmazione forestale ,faunistico-venatoria ed economia montana della Regione Umbria, che ha il compito di definire le politiche regionali per la gestione forestale, Istituti di ricerca e Comunità Montane, quali enti locali preposti alla gestione del territorio.Il progetto dimostrati proposti presentano un elevato grado di riproducibilità sulla maggior parte dei cedui, privati e pubblici, con notevoli vantaggi sotto l'aspetto ambientale, paesaggistico e sociale.L'attività di diffusione prevede di realizzare vari prodotti finalizzati - pubblicazioni, CD-ROM, convegni, incontri in campo - e di costituire un gruppo di osservatori con tecnici di altre regioni interessate alla gestione dei cedui, per promuovere iniziative simili in altre situazioni.
I risultati attesi dal progetto dimostrativo attivato si possono riassumere in: 1) validare la metodologia proposta valutandone l'impatto su suolo, rinnovazione, produttività, composizione specifica, effetto sul paesaggio; 2) divulgare le metodologie sviluppate tra operatori pubblici e privati che gestiscono le foreste in Umbria, e in particolare nei confronti di comunità montane e imprese di utilizzazione boschiva.
Area boschiva
Da 100.000 a 1.000.000 abitanti
Regione
Agricoltura, Territorio e Paesaggio
01/07/99
24
€ 426.696
UE
LIFE
Cofinanziamento LIFE del 49% pari a 208700 euro
Francesco Grohmann
www.regione.unmbria.it/summacop
No file
No file
No file
No file
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.