Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Regione / Regione Umbria / Piano di recupero di Vallo di Nera: paesaggio urbano e ricostruzione post terremoto in un piccolo centro storico

Piano di recupero di Vallo di Nera: paesaggio urbano e ricostruzione post terremoto in un piccolo centro storico

Il progetto prende in esame un caso studio di best practice rappresentativo di una politica locale di ricostruzione post terremoto che ha saputo rispettare le peculiarità morfologiche ed architettoniche, conciliando le esigenze della sicurezza con obiettivi di ripristino, conservazione e valorizzazione delle qualità paesaggistiche diffuse e d'insieme. E' il caso del piano di recupero di Vallo di Nera piccolo centro della montagna umbra caratterizzata da realtà insediative che in molti casi hanno conservato il loro impianto storico originario, pur modificandone le modalità d'uso e il sistema di relazioni con il contesto ambientale e rurale di inserimento. Tali interventi di ricostruzione, successivi al terremoto del 1979, si sono sviluppati secondo due modelli urbanistici prevalenti, per addizione di nuovi complessi edilizi oppure tramite riedificazione in sito dei nuclei preesistenti. Pur tuttavia, secondo quest'ultimo approccio, diversi sono stati i modi scelti e l'attenzione, mostrata nelle varie esperienze, rispetto all'interpretazione dei principi e delle regole insediative preesistenti, degli equilibri e dei rapporti funzionali storicamente consolidatisi. L'interesse per il caso di Vallo di Nera deriva proprio dalla sensibilità, dimostrata nel processo di ricostruzione nei confronti di problematiche inerenti la conservazione e valorizzazione delle qualità del paesaggio urbano, letto nelle sue molteplici dimensioni. Questi obiettivi sono stati perseguiti e messi in atto attraverso uno strumento urbanistico ordinario, quale è il piano di Recupero, mostrando come l'innovazione può essere praticata anche utilizzando strumenti tradizionali, purché siano ampiamente condivise i principi e le finalità da raggiungere.
Il lavoro è stato svolto nell'ambito del Work Package 1 del progetto L.O.T.O. Landescape Opportunities for Territorial Organization dal gruppo di lavoro della regione Umbria
Regione Lombardia Capofila\r\nMinistero dei Beni Culturali DARC\r\nRegione Marche\r\nRegione Emilia Romagna\r\nRegione Veneto\r\nRegione Istriana\r\nRepubblica di Slovenia\r\nUniversità tecnica di Monaco Weihensteinphan\r\n
Centro storico
Inferiore a 10.000 abitanti
Comune
Territorio e Paesaggio
01/11/03
40
INTERREG
INTERREG IIIB CADSES co-finanzia il progetto mediante Fondo europeo di sviluppo regionale - FESR
Maria Carbone
www.loto-project.org
No file
No file
No file
No file
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.