Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Provincia / Provincia di Piacenza / OPS - Costituzione dell'Osservatorio Provinciale sulla Sostenibilità dello Sviluppo

OPS - Costituzione dell'Osservatorio Provinciale sulla Sostenibilità dello Sviluppo

L'Osservatorio Provinciale sulla Sostenibilità dello Sviluppo - OPS - sarà una struttura partecipativa, istituita dalla Amministrazione Provinciale e appoggiata alla sua organizzazione, con lo scopo di favorire lo scambio delle informazioni ambientali, territoriali e socio economiche necessarie ai soggetti pubblici e privati per la promozione dello sviluppo sostenibile, nonché di monitorare i risultati raggiunti nella realizzazione del Piano di Azione Locale di Agenda 21, già definito dal Forum provinciale, anche al fine di aggiornare la redazione del Rapporto sullo Stato dell'Ambiente. Il coinvolgimento degli attori locali sarà garantito da un Comitato di Indirizzo composto da almeno 15 rappresentanti del Forum provinciale di A21L presieduto dall'Assessore Prov. all'Ambiente e istituito formalmente dalla Provincia, che deciderà il piano annuale di lavoro, e da opportuni interventi di diffusione delle informazioni.Nel suo primo anno di vita l'OPS opererà su 2 azioni: Azione A1: coinvolgimento degli Attori Locali. L'azione si articolerà in 3 interventi attuativi: 1 - la costituzione del Comitato di Indirizzo dell'Osservatorio, composto dai rappresentanti dei soggetti aderenti al Forum Provinciale di A21L, già costituito ed operante; il Comitato di Indirizzo deciderà il Piano di Lavoro annuale, selezionerà gli Indicatori, verificherà lo stato di avanzamento del lavoro; 2 - la diffusione delle informazioni, sia a livello di supporto alle decisioni che a livello divulgativo, attraverso la creazione di un sito web dell'Osservatorio e la produzione e la distribuzione di pubblicazioni cartacee e digitali - CD -; 3 - l'attivazione di iniziative promozionali sui temi della sostenibilità, a supporto e integrazione del PAL. Azione A2: selezione delle tematiche, delle modalità e degli strumenti per l'aggiornamento del Rapporto sullo Stato dell'Ambiente. L'azione si articolerà in 3 interventi attuativi: 1 - la raccolta e organizzazione dei dati ambientali e territoriali relativi alla Provincia di Piacenza in un "Meta-DataBase" accessibile via web dai soggetti pubblici e privati e dagli stakeholders del processo di A21L; 2 - l'elaborazione annuale di indicatori di sostenibilità secondo gli standard CE e UN, relativi al sistema provinciale, rivolti ai decisori, agli stakeholders e all'aggiornamento del RSA; 3 - il monitoraggio dello stato di avanzamento del Piano di Azione Locale di A21L in provincia di Piacenza. L'organizzazione dell'Osservatorio. L'organizzazione dell'OPS si baserà su di una unità organizzativa composta da un Responsabile o Coordinatore nominato dalla Provincia, da personale tecnico e amministrativo part-time della Provincia, si avvarrà di consulenze esterne, e utilizzerà la struttura logistica della Provincia stessa; il Piano di Lavoro sarà definito e verificato dal Comitato di Indirizzo indicato dal Forum e deliberato dalla Provincia; sarà affiancato da un Comitato Scientifico nominato dalla Provincia, composto da 5 membri con funzioni di supporto alla organizzazione dei data-base e al calcolo degli indicatori. L'OPS inoltre valorizzerà lo stile di lavoro del Forum Provinciale di A21L, basato sulla partecipazione e sull'adesione volontaria: pertanto nell'ambito del Comitato di Indirizzo si costituiranno Gruppi di Lavoro tematici che in sintonia con il Comitato Scientifico supporteranno l'OPS nelle azioni di particolare complessità - organizzazione dei database, calcolo degli indicatori, azioni di promozione -. I tempi. Il primo anno di lavoro prevede l'istituzione del Comitato di Indirizzo, l'attivazione dell'unità organizzativa - nomina del responsabile, nomina del Comitato Scientifico, assegnazione del personale part-time, sottoscrizione contratti di consulenza esterna -, la realizzazione del Meta-DataBase - da aggiornare con continuità successivamente -, il primo calcolo degli indicatori di sostenibilità, il monitoraggio semestrale del PAL, la creazione del sito web, la pubblicazione e diffusione di una brochure e di un CD, l'organizzazione di un evento pubblico a fine anno per la presentazione dell'OPS e della sua attività, l'organizzazione di un concorso sulla sostenibilità e l'attivazione di un accordo volontario tra operatori economici.
Bando Agenda 21 locale 2002 del Ministero dell'Ambiente
9 Comuni, 2 Comunità Montane, 1 Consorzio Bonifica, Università Cattolica Sacro Cuore di Piacenza, UCSC Piacenza, TESA - servizio pubblico rifiuti-acqua -, TEMPI - servizio pubblico trasporti -, Unione Industriali, Ordine Architetti, Ingegneri, Biologi, Geologi, Coldiretti, CIA, Unione Agricoltori, Consorzio Parco Stirone e Consorzio Riserva Piacenziano, Legambiente, Convivio, ASC, Ass. Ambiente e Lavoro, Gaia-NuovoMondo, Az. "V. Tadini"
Territorio provinciale
Da 100.000 a 1.000.000 abitanti
0
Strategie partecipate e integrate
12/11/04
18
€ 60.000
Ministero dell'Ambiente
Cofinanziamento del Ministero dell'Ambiente Bando A21L 2002 euro 41.758,97
Paolo Lega
None
No file
No file
No file
No file
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.