Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Provincia / Provincia di Genova / Sperimentazione dell’applicazione degli Indicatori Comuni Europei - ICE - nella provincia di Genova

Sperimentazione dell’applicazione degli Indicatori Comuni Europei - ICE - nella provincia di Genova

L'iniziativa Indicatori Comuni Europei - ICE Verso un profilo di sostenibilità locale - si inserisce in un percorso conoscitivo comune, svolto da parte di un gruppo di città europee, per rappresentare la sostenibilità locale. L'iniziativa, supportata ed incoraggiata quale strumento conoscitivo propedeutico, ha l'obiettivo di monitorare e confrontare, per mezzo di indicatori, i progressi ed i risultati locali, allo scopo di migliorare i processi di Agenda 21 e di orientare le politiche europee. L'indagine della Provincia di Genova è stata svolta tra dicembre 2002 e giugno 2003 e si riferisce in particolare a 4 dei 10 indicatori Comuni Europei, atti a definire il percorso verso un profilo di sostenibilità locale. Sono state effettuate circa 1000 interviste telefoniche diffuse sul territorio della Provincia di Genova. Gli indicatori affrontati sono stati: 1. Soddisfazione dei cittadini con riferimento al contesto locale. Il primo indicatore affrontato vuole misurare il benessere generale dei propri cittadini, quale componente rilevante di una società sostenibile. Tale benessere consiste nella possibilità di vivere in condizioni che includano buoni rapporti sociali e un'abitazione sicura, la possibilità di godere del proprio tempo libero e la disponibilità di servizi di base - quali scuole, strutture sanitarie, cultura -, un ambiente di buona qualità - sia naturale che edificato -, un lavoro interessante e gratificante e reali opportunità di partecipazione alla pianificazione locale ed ai processi decisionali. 2. Mobilità locale e trasporto passeggeri. L'indicatore preso in considerazione mira ad evidenziare gli spostamenti effettuati da ciascun intervistato nell'arco di una giornata, indicando soprattutto le motivazioni di tali spostamenti e il tipo di mezzo utilizzato, al fine di calcolare la percentuale di spostamenti che avviene con mezzi motorizzati privati. 3. Spostamenti casa - scuola dei bambini. Riguarda l'analisi delle modalità di trasporto usate dai bambini per spostarsi da casa a scuola e viceversa. Inoltre, l'indicatore intende prendere in considerazioni, in maniera indiretta, alcune motivazioni sottintese alla preferenza, eventualmente dichiarata, verso i mezzi privati. Infatti, l'UE afferma che una società sostenibile presenta dei livelli di sicurezza stradale e dei livelli di criminalità tali per cui i genitori si fidino a che i propri figli utilizzino le strade e i servizi di trasporto pubblico - accompagnati o da soli, in funzione dall'età -. 4. Conoscenza e acquisto dei prodotti sostenibili da parte dei consumatori. Attraverso l'espressione "prodotti sostenibili" si intendono i prodotti ecologici, biologici, energeticamente efficienti, quelli certificati dal punto di vista della gestione forestale e quelli appartenenti al mercato del "commercio equo e solidale". Le domande dell'intervista si concentrano essenzialmente sul settore del consumo, andando a determinare la percentuale di famiglie che acquista prodotti sostenibili, - per categoria e per prodotto - rispetto al totale delle famiglie, e della disponibilità di tali prodotti sul mercato. Quest'ultimo indicatore vuole, quindi, mettere in evidenza quali siano gli approcci e i comportamenti dei consumatori rispetto a tutti quei prodotti definiti sostenibili.
Territorio provinciale
Oltre 1.000.000 abitanti
Provincia
Strategie partecipate e integrate
01/12/02
7
Dario Miroglio
No file
No file
No file
No file
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.