Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Provincia / Provincia di Firenze / La valutazione di impatto sanitario come strumento di pianificazione territoriale integrato - VISP -

La valutazione di impatto sanitario come strumento di pianificazione territoriale integrato - VISP -

Lo strumento proposto consiste nella procedura di valutazione di impatto sanitario - VIS - applicata ad un caso studio di dimensioni appropriate - il progetto di un impianto di termovalorizzazione di rifiuti - che dovrebbe essere costruito nelle vicinanze di Firenze - Osmannoro -.

In particolare, gli obiettivi specifici del caso di studio sono:

- valutare se l'inserimento di tale attività nel territorio possa portare benefici o effetti negativi sulla salute degli abitanti dell'area interessata;

- verificare quali strumenti di integrazione possano essere apportati alle soluzioni predisposte.

Il nucleo del progetto è rappresentato dalla valutazione del progetto del termovalorizzatore, tuttavia tutti i sistemi antropici coinvolti nell'area, quali la mobilità, l'industria, etc. sono integrati nello studio in maniera di dinamica, vale a dire tenendo conto delle loro eventuali modifiche nel tempo.

Questo significa che variazioni ad altri sistemi antropici, diversi dal sistema di gestione dei rifiuti, possono essere proposte, ed eventualmente realizzate dalle autorità competenti di settore, se dalla VIS si evince che tali modifiche possano portare dei benefici in termini di salute pubblica o comunque rendere accettabile l'attuazione del Piano dei rifiuti.

La base del progetto è la predisposizione di un processo metodologico di VIS, che prevede le seguenti attività:

- l'integrazione di questo strumento con altri strumenti di pianificazione e valorizzazione del territorio;

- la descrizione dettagliata, presente e futura, dell'area interessata;

- un dettagliato studio del processo di termovalorizzazione da inserire nell'area per poter identificare i principali impatti generati in termini di uso delle risorse e rilascio di emissioni; - la raccolta di dati e la descrizione della popolazione che abita - ed eventualmente frequenta - lavora - l'area;

- la previsione dell'inquinamento futuro;

- la previsione dell'impatto sulla salute, includendo una valutazione qualitativa dei cambiamenti delle caratteristiche dell'area e della qualità della vita oltre ad uno studio quantitativo per gli agenti responsabili di rischio per la salute;

- il riassunto degli impatti, le raccomandazioni - alternative progettuali -, la comunicazione alle parti interessate, la fase di monitoraggio.

Dipartimento di Energetica "Sergio Stecco" dell'Università degli studi di Firenze
Territorio provinciale
Da 100.000 a 1.000.000 abitanti
Provincia
Rifiuti
01/10/04
€ 269.397
UE
LIFE
Paola Muti
www.progettovisp.it/
604_192.pdf — 511 KB
No file
No file
No file
archiviato sotto: , ,
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.