Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / ISPRA/ARPA/APPA / ARPA Toscana / CLOSED - Sistemi di gestione a ciclo chiuso nei Distretti industriali di Prato, Lucca e Pistoia

CLOSED - Sistemi di gestione a ciclo chiuso nei Distretti industriali di Prato, Lucca e Pistoia

Il "progetto Closed" rappresenta il primo tentativo italiano di realizzare un Eco-distretto industriale applicando un "Sistema di Gestione ambientale a ciclo chiuso" - Closed loop system - nei distretti industriali di Prato, Lucca e Pistoia. Il progetto nato nel 1999 da una lunga collaborazione con la WEI-Work and Environment Initiave della Cornell University - US - è stato promosso da ARPAT ed Ecosistemi srl e finanziato dal Programma comunitario Life-Ambiente. Per la realizzazione è stata scelta la scala distrettuale e non la singola impresa perché nei distretti industriali italiani, le PMI hanno già creato spontaneamente interrelazioni, più o meno permanenti, tra le attività produttive, le organizzazioni e le istituzioni locali, tanto da generare economie di scala localizzate sul territorio. La struttura reticolare del distretto permette, ad esempio, di ripartire i costi di un sistema di gestione ambientale sulla pluralità di imprese facenti parti del distretto consentendo così anche alle piccole imprese, strutturalmente meno preparate ad affrontare la sfida ecologica, di avvantaggiarsi in termini competitivi. Il progetto, che ha da poco terminato la fase di analisi - copia in allegato -, è ora entrato nella seconda fase, la costruzione del modello di Eco-Distretto Industriale.

I due strumenti in fase di attivazione sono:

1 - il laboratorio di progettazione a cascata, sta verificando la praticabilità di 13 schede progetto emerse dal confronto con le imprese sulla base dei risultati delle analisi condotte con l'obiettivo di individuare progetti che consentano di "sanare" le fratture del ciclo ecologico, ovvero creare un'opportunità di scambio tra l'offerta di scarti e la domanda di input delle imprese;

2 - lo sportello per l'ecodistretto che promuoverà il metodo della simbiosi industriale tra le imprese e negli altri distretti.

L'obiettivo è definire un sistema di simbiosi eco-industriale, attraverso l'uso efficiente delle risorse e l'incremento degli scambi di materiale di scarto tra le imprese in modo da ridurre gli impatti ambientale a livello distrettuale. L'idea cardine del sistema a ciclo chiuso - closed loop system - sta nel considerare i rifiuti come "scarti" ovvero possibile "materia prima seconda" utilizzabile in successive lavorazioni; ciò permette di ridurre l'impronta ecologica dei distretti attraverso una contrazione della domanda di materie prime - input - e una flessione della produzione totale di rifiuti - output - da smaltire in discarica. I DOCUMENTI RELATIVI AL PROGETTO SONO DISPONIBILI SUL SITO www.arpat.toscana.it/progetti/
Ecosistemi srl
Area industriale
Da 100.000 a 1.000.000 abitanti
Distretto industriale
Industria, Rifiuti
15/10/99
30
€ 1.100.000
UE
LIFE
Paola Querci
No file
No file
No file
No file
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.