Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Ente di ricerca / Istituto superiore di ricerca e formazione sui materiali speciali per le tecnologie avanzate e per l'ambiente (ISRIM) / Una nuova applicazione della fitodepurazione come trattamento di smaltimento del refluo oleario

Una nuova applicazione della fitodepurazione come trattamento di smaltimento del refluo oleario

L'olio di oliva è un tipico prodotto mediterraneo, con una notevole rilevanza economica e nutrizionale. Il refluo derivante dal processo di produzione è una rilevante fonte di inquinamento, a causa dell'elevato contenuto di carbonio organico, presente per la maggior parte sotto forma di composti aromatici - fenoli e polifenoli -. Questi composti sono difficilmente degradati dalla microflora; infatti la maggior parte dei microrganismi sono sensibili alle proprietà inibitorie di questi composti.

Le tecnologie usate attualmente per il trattamento del refluo oleario sono inadeguate. La digestione anaerobica permette una eliminazione di solo l'80-90% della domanda biochimica di ossigeno - COD -, insufficiente a permettere lo scarico degli effluenti nell'ambiente. Le tecnologie basate su metodi fisici e chimici non sono valide dal punto di vista del costo, per il carattere stagionale della produzione e la piccola taglia degli impianti di produzione. Ciò nonostante, l'enorme quantità di rifiuti prodotti - circa 30 milioni di metri cubi - in soli 3-4 mesi è stato per molto tempo un preoccupante evento ambientale nei paesi mediterranei.

I principali obiettivi del progetto sono la creazione di un impianto pilota dimostrativo e la disseminazione ed il trasferimento di un nuovo approccio scientifico, diretto a fornire un'alternativa affidabile all'industria di produzione dell'olio di oliva. Il nuovo impianto intende fornire ai produttori un sistema di smaltimento efficiente, economico, eco-compatibile e di facile applicazione.

Area industriale
Ambito nazionale
Industria
01/09/04
38
€ 582.900
UE
LIFE
Finanziamento Life Ambiente 2004: 288.488 euro
Daniela Rossi
http://www.isrim.it/
No file
No file
No file
No file
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.