Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Ente di ricerca / Istituto Agronomico Mediterraneo (IAM) / CENT.OLI.MED. Identificazione e conservazione dell'alto valore naturale degli antichi oliveti nella regione del Mediterraneo

CENT.OLI.MED. Identificazione e conservazione dell'alto valore naturale degli antichi oliveti nella regione del Mediterraneo

La protezione e la gestione sostenibile della biodiversità - incluse le risorse genetiche, le specie ed i servizi degli ecosistemi a sostegno dello sviluppo umano - è centrale nel perseguimento degli Obiettivi del Millennio.Nella protezione della biodiversità, le aree agricole ad elevato valore naturale - High Nature Value Farmlands - HNVF - giocano un ruolo importante insieme alle aree naturali.   Esse assommano ad un terzo del territorio europeo - 31,5% - ed ospitano molte specie vegetali ed animali di grande interesse ai fini della loro conservazione. Nella regione mediterranea, tali aree includono gli oliveti secolari, che sono coltivazioni estensive - con circa 50 piante/ettaro - e costituiscono gli elementi di un mosaico di aree semi-naturali e coltivate, spaziate da tipiche strutture di piccole dimensioni, quali siepi di specie mediterranee, muri a secco, strisce boscate, aree di elevata sensitività, esposte a numerose minacce e rischi che ne compromettono la biodiversità.   

Gli oliveti secolari, quali HNVF, sono l'habitat-obiettivo di questo progetto.CENT.OLI.MED. mira a contribuire agli studi in corso sull'identificazione, conservazione, miglioramento e gestione delle aree agricole ad elevato valore naturale come habitat. Inoltre i prodotti di progetto - Linee Guida, Piano di miglioramento socio-economico - potranno essere presi a riferimento per l'identificazione di soluzioni per evitare i processi di desertificazione sociale - come l'abbandono delle aree rurali interne - in aree agricole economicamente svantaggiate, che è una priorità per le politiche economiche nel settore agricolo.   

CENT.OLI.MED. realizzerà le seguenti attività:  

- Studi preliminari sulla caratterizzazione morfo-genetica ed ambientale della biodiversità.  

- Incremento della biodiversità attraverso azioni di rinaturalizzazione, creando micro-habitat mediante piantagione di arbusti ed alberi, inerbimenti e costruzione di muri a secco.  

- Sviluppo ed applicazione di linee-guida per aiutare gli agricoltori a proteggere la biodiversità negli oliveti secolari.  

- Sviluppo di un piano di miglioramento economico degli oliveti secolari.  

- Elaborazione ed applicazione di un modello innovativo di governance.   

- Elaborazione di in piano di Azione Euro-Mediterraneo per la protezione degli oliveti secolari.

Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare; Regione Puglia - Assessorato all'Ecologia - Ufficio Parchi e Riserve Naturali; Istituto Agronomico Mediterraneo di Chania - Grecia -
Area rurale
Da 100.000 a 1.000.000 abitanti
Regione
Agricoltura, Territorio e Paesaggio
01/01/09
38
€ 1.506.435
UE
LIFE
Cofinanziamento Programma LIFE+ 703.135 euro
Giancarlo Mimiola
http://www.lifecentolimed.iamb.it/
851_214.pdf — 4196 KB
No file
No file
No file
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.