Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Ente di ricerca / ENEA / M.E.I.D. Un modello per la pianificazione, realizzazione e gestione di aree industriali sostenibili nei paesi del Mediterraneo

M.E.I.D. Un modello per la pianificazione, realizzazione e gestione di aree industriali sostenibili nei paesi del Mediterraneo

Il progetto mira a definire un modello condiviso per progettare, realizzare e gestire aree industriali sostenibili nei paesi del Mediterraneo. Il modello, oltre che fornire supporto ai soggetti gestori di aree industriali, intende anche costruire uno strumento di riferimento e valutazione per le autorità competenti che intendano integrare le politiche industriali regionali e interregionali con soluzioni eco-compatibili praticabili anche dalle PMI.

Particolare attenzione sarà quindi posta alle specifiche esigenze e problematiche delle PMI, che saranno così tra i principali beneficiari del progetto in termini di promozione dell'eco-innovazione, di crescita di competitività e cooperazione transnazionale.

MEID ha come obiettivo la definizione di un modello condiviso per la progettazione, realizzazione e gestione delle Aree Industriali, fondato sui principi e gli strumenti dello sviluppo sostenibile, al fine di accrescere la competitività delle PMI.

RISULTATI ED ATTIVITA'

▪ Sviluppo di una politica industriale comune per gli enti locali e definizione di un modello di sviluppo mediterraneo eco industriale testato e convalidato nelle aree pilota.

▪ Definizione di norme sostenibili di costruzione in aree industriali con il coinvolgimento delle PMI anche al fine di rafforzarne la competitività.

▪Definizione di standard ambientali comuni e realizzazione di strumenti di supporto.

▪ Valutazione e creazione di un database delle migliori tecniche disponibili - MTD/BAT - per le aree industriali - AI -

▪ Formazione per gli stakeholder: enti locali, gestori di aree Industriali, PMI.

Le attività svolte dai partner di progetto saranno indirizzate a produrre effetti su:

▪ Territorio: integrando aspetti economici, ambientali e sociali nella gestione delle AI, incentivando le relazioni tra PMI, enti locali e rispettivi stakeholder

▪ Edifici: definendo una strategia condivisa in modo da identificare standard di costruzione per edifici sostenibili nelle AI

▪ Business: accrescendo la competitività locale, incoraggiando la creazione di cluster di PMI e la cooperazione transnazionale, promuovendo un approccio che ottimizzi il ciclo dell'energia, delle risorse naturali e dei rifiuti; promuovendo aree eco-industriali tra le PMI, migliorando la loro qualità,sostenibilità e crescita.

ASI Ragusa, Fenice Foundation - Italia -; Aristotle University of Thessaloniki, Efxini Poli - Grecia -; Tecnalia, Foundation Intraeco - Spagna -; Temi Zammit Foundation - Malta -; Skema Business School - Francia -; Business Service Center of Zenica-Doboj Canton - Bosnia Herzegovina -.
Area industriale
Ambito nazionale
Industria
31/12/00
36
€ 1.264.176
UE
Fondo Europeo di Sviluppo Regionale
Gabriele Zanini
http://www.medmeid.eu/
No file
No file
No file
No file
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.