Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Ente di ricerca / Consiglio Nazionale delle Ricerche / BIOREM Innovative System for the Biochemical Restoration and Monitoring of Degraded Soils (nuova metodologia integrata per il ripristino e monitoraggio biochimico dei suoli degradati)

BIOREM Innovative System for the Biochemical Restoration and Monitoring of Degraded Soils (nuova metodologia integrata per il ripristino e monitoraggio biochimico dei suoli degradati)

Il progetto BIOREM dimostrerà una nuova metodologia integrata per il ripristino ed il monitoraggio biochimico dei suoli degradati.

115 milioni di ettari, il 12% del territorio Europeo, sono correntemente sottoposti agli effetti erosivi dell’acqua, mentre 42 milioni di ettari sono soggetti all’erosione del vento. Si stima che il 45% del territorio Europeo possieda bassi contenuti di materia organica, principalmente nei paesi dell’area Mediterranea. Il numero dei siti contaminati in EU-25 è stato stimato aggirarsi attorno ai 3.5 milioni.
BIOREM fornirà un sistema integrato, veloce ed efficiente, per il monitoraggio e il ripristino del suolo, combinando il ripristino di una copertura vegetale con l'aggiunta di materia organica esogena.

Per quanto riguarda il ripristino del suolo, l’obiettivo del progetto è di dimostrare che l’innovativa strategia proposta da BIOREM può ripristinare con successo i terreni degradati, migliorandone le proprietà fisico-chimiche, l’attività biochimica ed aumentandone la fertilità fino al 25%. Questi risultati verranno raggiunti grazie all’aggiunta di materia organica (fresca o compostata) e alla rigenerazione vegetale con piante adattate alle condizioni climatiche semiaride.
La nuova tecnica verrà dimostrata in 10 siti sperimentali in Italia e Spagna, caratterizzati da 10 diversi tipi di suolo, soggetti a livelli differenti di degrado. L’efficacia della metodologia proposta verrà dunque verificata attraverso i risultati ottenuti nel processo di recupero del suolo.

Per quanto riguarda il monitoraggio del suolo, l’obiettivo del progetto è di dimostrare che l’innovativo sistema proposto in BIOREM può fornire un mezzo per il monitoraggio più veloce, accurato e dinamico rispetto ai metodi esistenti. La nuova tecnica si rivelerà di grande utilità per lo sviluppo di strategie e politiche lungimiranti nell’ambito del ripristino dei terreni degradati.

I metodi per la valutazione delle condizioni del suolo attualmente in uso forniscono solamente dati “statici” sulle condizioni fisiche, chimiche e biologiche del suolo in un dato momento, consentendo perciò di attuare solo interventi a breve termine.

Il progetto dimostrerà che, basandosi su un’analisi molecolare quantitativa e qualitativa del profilo del suolo, l’innovativo metodo di monitoraggio proposto da BIOREM permetterà di ottenere una valutazione dettagliata del suolo, individuando ed analizzando la presenza e lo stato dei processi enzimatici.

Le azioni proposte sono in linea con gli obiettivi europei (indicati nella Strategia Tematica per la Protezione del Suolo – Thematic Strategy for Soil Protection) e con i quattro pilastri fondamentali, e forniranno un contributo decisivo al loro conseguimento. In particolar modo, l’implementazione di questo progetto sarà cruciale per il conseguimento di:

  1. Ripristino del suolo degradato ad una condizione di produttività coerente con l’impiego e l’uso che si intende farne, considerando anche le implicazioni dettate dal costo del ripristino del suolo: BIOREM metterà a disposizione una serie di strategie e buone prassi economicamente convenienti per il ripristino dei suoli degradati, impiegando una combinazione di metodologie all’avanguardia che vanno dall’aggiunta di materiale organico e umificazione in situ alla rigenerazione vegetale controllata. Quando verrà applicata in tutta Europa, la metodologia proposta in BIOREM aiuterà i contadini, così come i manager, a contrastare efficacemente la contaminazione e l’impoverimento dei terreni, sia recente che di vecchia data.
  2. Prevenzione di ulteriore degrado del suolo e mantenimento delle sue funzioni: il progetto BIOREM prevede una componente cruciale di monitoraggio che aiuterà sia i decisori politici che i gestori del suolo.

Fonte: LIFE projects database e sito web del progetto

Azienda Pantanello, Italy; Consejo Superior De Investigaciones Científicas–Centro de Edafología y Biología Aplicada del Segura, Spain; Abonos Orgánicos Pedrín, Spain; AMEK S.c.r.l., Italy
Area rurale
Ambito nazionale
Agricoltura, Territorio e Paesaggio
01/01/13
27
1.320.092
UE
LIFE

Cofinanziamento programma LIFE+: 619.170 euro

Grazia Masciandaro
http://www.biorem.ise.cnr.it/
No file
No file
No file
No file
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.