Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Ente di gestione area protetta / Parco Regionale Campo dei Fiori / Chirotteri, sorgenti petrificanti e habitat calcarei del Parco Regionale Campo dei Fiori

Chirotteri, sorgenti petrificanti e habitat calcarei del Parco Regionale Campo dei Fiori

Il Parco Regionale di Campo dei Fiori tutela un'area montuosa prealpina caratterizzata da substrati calcarei e porfirici, che comprende tre siti proposti come SIC. I fenomeni carsici hanno creato un esteso sistema di grotte sotterranee e caverne di difficile accesso che ospitano colonie di chirotteri come il Myotis emarginatus e bechsteini ed il Miniopterus schreibersi. A prescindere dalle formazioni rocciose, che offrono siti di nidificazione per i falchi pellegrini e che ospitano interessanti formazioni di flora rupestre, ci sono habitat boschivi - faggete e foreste di ontano - dove nidificano il nibbio bruno e l'astore. Sono presenti pascoli semi-naturali, querce xerofile e sorgenti petrificanti che spiegano la presenza di una eccezionale formazione di travertino, la più grande della provincia di Varese. I siti sono minacciati dall'impatto del turismo sulle caverne, dal prelievo di acque di sorgente, l'intorbidimento del piccolo, ma significativo, ambiente umido per gli anfibi, dall'abbandono delle pratiche forestali e dallo sfruttamento dei campi, dove i chirotteri si nutrono. Il progetto, che è la continuazione di un precedente progetto Life sullo stesso tema, prevede una serie di azioni per la conservazione degli habitat e delle specie di interesse comunitario presenti nei siti. Tra le più importanti azioni previste vi è la rinaturalizzazione di circa 3 ettari di un sito che è stato soggetto a captazione delle acque, ripristinando condizioni che favoriscano la colonizzazione da parte di specie caratteristiche delle sorgenti petrificanti - Cratoneurion - ed il rilancio il processo naturale di formazione del travertino. Per i chirotteri saranno create strutture che riducano l'impatto del turismo sulle caverne e sugli habitat rocciosi, saranno ripristinate alcune delle più importanti aree umide per permettere ai chirotteri di alimentarsi, saranno condotte azioni per gestire gli habitat campestri e per monitorare le popolazioni di chirotteri ed anfibi. Saranno infine preparati dei piani di gestione per ognuno dei siti, ed un piano d'azione per proteggere le sorgenti petrificanti e sarà condotta una campagna di sensibilizzazione ed educazione. Per ulteriori informazioni: http://www.parcocampodeifiori.it/varie/varie_life-natura.htm
Area protetta
Da 100.000 a 1.000.000 abitanti
Comune
Territorio e Paesaggio
01/06/01
30
€ 721.957
UE
LIFE
Cofinanziamento programma Life Natura: 311.373 euro
Giancarlo Bernasconi
No file
No file
No file
No file
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.