Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Ente di gestione area protetta / Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano / FAGUS - Forests of the Apennines: Good practices to conjugate Use and Sustainability (buone pratiche per coniugare uso e sostenibilità nelle foreste appenniniche)

FAGUS - Forests of the Apennines: Good practices to conjugate Use and Sustainability (buone pratiche per coniugare uso e sostenibilità nelle foreste appenniniche)

Le specie che caratterizzano gli habitat 9210* Faggeti degli Appennini con Taxus e Ilex, e 9220* sono tasso, agrifoglio e abete bianco e sono rare nelle faggete appenniniche a causa di pratiche selvicolturali non mirate e del pascolo, che ha un forte impatto sui primi stadi di rigenerazione.

La gestione convenzionale delle foreste appenniniche ha effetti anche su altre specie appartenenti a diversi gruppi tassonomici che risentono dell’assenza di legno morto, di alberi senescenti e della generale omogeneità strutturale, quali coleotteri saproxilici, funghi saproxilici, piante vascolari, licheni, uccelli.

Obiettivo principale

Assicurare la conservazione a lungo termine degli habitat 9210* e 9220* nei Parchi Nazionali del Cilento e Vallo di Diano e del Gran Sasso e Monti della Laga.

Obiettivi specifici

  • Sviluppare una strategia di Gestione Sostenibile per gli habitat 9210* e 9220*.
  • Aumentare i livelli di diversità biologica (piante vascolari, licheni, uccelli, coleotteri e funghi saproxilici);
  • Monitorare gli habitat per quantificare gli effetti delle azioni;
  • Promuovere la partecipazione di tutti gli stakeholders per evidenziare i vantaggi di una gestione sostenibile degli habitat

Azioni principali

A – Azioni preparatorie: Raccolta di dati sullo stato attuale degli habitat nelle aree di progetto. Rilievo della struttura e della composizione e diversità dei taxa focus.

C – Azioni concrete di conservazione: Promozione della rigenerazione di tasso, agrifoglio e abete bianco; miglioramento dei livelli di diversità per i taxa focus.

D – Azioni di Monitoraggio: Disegno del piano di monitoraggio. Rilievo della struttura e della composizione e diversità dei taxa focus dopo gli interventi.

E – Azioni di divulgazione: sito web, materiale promozionale, meeting, corsi, congressi, cartelli.

F – Azioni di monitoraggio del progetto.

Fonte: LIFE projects database e sito web del progetto

Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, Università di Roma La Sapienza, Università degli Studi della Tuscia
Area protetta
Da 10.000 a 100.000 abitanti
Parco Nazionale
Territorio e Paesaggio
01/09/12
42
1.244.038
UE
LIFE

Cofinanziamento programma LIFE+: 851,450 euro

http://www.fagus-life-project.eu/it/
No file
No file
No file
No file
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.