Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Ente di gestione area protetta / Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano / FAGUS - Forests of the Apennines: Good practices to conjugate Use and Sustainability (buone pratiche per coniugare uso e sostenibilità nelle foreste appenniniche)

FAGUS - Forests of the Apennines: Good practices to conjugate Use and Sustainability (buone pratiche per coniugare uso e sostenibilità nelle foreste appenniniche)

Le specie che caratterizzano gli habitat 9210* Faggeti degli Appennini con Taxus e Ilex, e 9220* sono tasso, agrifoglio e abete bianco e sono rare nelle faggete appenniniche a causa di pratiche selvicolturali non mirate e del pascolo, che ha un forte impatto sui primi stadi di rigenerazione.

La gestione convenzionale delle foreste appenniniche ha effetti anche su altre specie appartenenti a diversi gruppi tassonomici che risentono dell’assenza di legno morto, di alberi senescenti e della generale omogeneità strutturale, quali coleotteri saproxilici, funghi saproxilici, piante vascolari, licheni, uccelli.

Obiettivo principale

Assicurare la conservazione a lungo termine degli habitat 9210* e 9220* nei Parchi Nazionali del Cilento e Vallo di Diano e del Gran Sasso e Monti della Laga.

Obiettivi specifici

  • Sviluppare una strategia di Gestione Sostenibile per gli habitat 9210* e 9220*.
  • Aumentare i livelli di diversità biologica (piante vascolari, licheni, uccelli, coleotteri e funghi saproxilici);
  • Monitorare gli habitat per quantificare gli effetti delle azioni;
  • Promuovere la partecipazione di tutti gli stakeholders per evidenziare i vantaggi di una gestione sostenibile degli habitat

Azioni principali

A – Azioni preparatorie: Raccolta di dati sullo stato attuale degli habitat nelle aree di progetto. Rilievo della struttura e della composizione e diversità dei taxa focus.

C – Azioni concrete di conservazione: Promozione della rigenerazione di tasso, agrifoglio e abete bianco; miglioramento dei livelli di diversità per i taxa focus.

D – Azioni di Monitoraggio: Disegno del piano di monitoraggio. Rilievo della struttura e della composizione e diversità dei taxa focus dopo gli interventi.

E – Azioni di divulgazione: sito web, materiale promozionale, meeting, corsi, congressi, cartelli.

F – Azioni di monitoraggio del progetto.

Fonte: LIFE projects database e sito web del progetto

Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, Università di Roma La Sapienza, Università degli Studi della Tuscia
Area protetta
Da 10.000 a 100.000 abitanti
Parco Nazionale
Territorio e Paesaggio
01/09/12
42
1.244.038
UE
LIFE

Cofinanziamento programma LIFE+: 851,450 euro

http://www.fagus-life-project.eu/it/
No file
No file
No file
No file
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.