MONITORAGGIO - Progetto SalvaAcque

Risultati del progetto


Risultati in campo ambientale

Il progetto SalvaAcque è un’azione inserita all’interno del Contratto di Fiume “Torrente Cerrano e corsi minori”. Un contratto sottoscritto tra l’AMP Torre del Cerrano, i Comuni di Atri, Silvi e Pineto, la Regione Abruzzo e la Provincia di Teramo per attuare una politica attiva e partecipata di tutela del territorio nella consapevolezza che i corsi d’acqua sono elementi di naturalità e nello stesso tempo generatori di risorse economiche ma a volte causa di alluvioni e inquinamento.

Il progetto SalvaAcque nel 2018 è iniziato con un’azione prioritaria attivata come controllo e monitoraggio delle acque per gestire le risorse ambientali e paesaggistiche.

L’obiettivo fissato dal progetto è stato quello di fornire elementi utili per il raggiungimento del massimo di naturalità possibile negli ambienti fluviali con conseguente miglioramento degli ecosistemi acquatici e terrestri, l’incremento delle fasce ripariali, la riduzione sostanziale del rischio d’inquinamento e un aumento della capacità autodepurativa.

Il primo risultato conseguito dal progetto SalvaAcque 2018 è stato il monitoraggio svolto attraverso un programma di campionamenti ed analisi su tutti i corsi d’acqua ricadenti nell’area marina protetta ottenendo quello che era l’obiettivo iniziale. Il quadro dello stato ambientale dei corsi d’acqua posto come elemento decisivo per poi attivare azioni di conservazione e ripristino laddove ci fosse stato bisogno.

Nella fase di monitoraggio delle acque superficiali sono state rilevate criticità periodiche e alcune positività con superamenti dei limiti potenzialmente ma mitigabili con azioni mirate di controllo preventivo.

Ora con il SalvaAcque 2019, progetto rifinanziato, è in atto un programma di interventi più specifici e riguarderanno i campionamenti per la qualità delle acque in postazioni significative, censimento degli scarichi/allacci abusivi, controlli a valle dei depuratori, definire l'indice di funzionalità fluviale (IFF), indagare tutte le pressioni sulle acque, il controllo delle fosse IMHOFF ancora presenti e la sensibilizzazione verso l’utilizzo della fitodepurazione per privati e piccole aziende del comprensorio. Sempre con il fine di fare arrivare al mare, in area marina protetta, acque sempre più pulite.

Obiettivi raggiunti
  • Tutela del paesaggio
  • Riduzione dei fattori di pressione sulle acque
  • Riduzione dei fattori di pressione sul suolo
  • Introduzione o miglioramento dei sistemi di gestione ambientale


Risultati in campo economico

Dal punto di vista economico l’attività svolta non può identificare risultati numerici ma una tendenza positiva legata al turismo ed alla frequentazione dei luoghi sicuramente. Specie per gli operatori economici che vedono arrivare sempre più fruitori coscienti di essere in un luogo che beneficia dei controlli ambientali ed offre aspetti di naturalità interessanti. La quantità e la qualità dei visitatori aumenta e si esprime con il desiderio di conoscenza e l’attenzione verso le tematiche di tutela e conservazione degli habitat dell’area marina e dei corsi d’acqua che afferiscono ad essa. A seguito di incontri di sensibilizzazione i lidi e gli hotel “amici del parco” iniziano tutti ad eliminare le plastiche, a differenziare meglio i rifiuti ed a servire prodotti locali riducendo gli impatti sull’ambiente.

Inoltre la spinta verso l’utilizzo di bici o e-bike, per frequentare le strade sterrate lungo i corsi fluviali oggetto del progetto SalvaAcque, aumenta il contatto positivo con le aree controllate.

Obiettivi raggiunti
  • Riduzione degli impatti ambientali delle attività produttive
  • Sviluppo di un mercato di beni e servizi sostenibili
  • Investimento in tecnologie innovative ecocompatibili
  • Miglioramento dell’efficienza e dell’efficacia delle spese ambientali

Risultati in campo sociale

Il progetto SalvaAcque è inserito come azione prioritaria del Contratto di Fiume del Cerrano e questo ha permesso di condividere le idee, i progetti e le strategie con enti, associazioni e liberi cittadini. Un risultato importante è stato quello di avere una buona partecipazione nelle assemblee pubbliche e di aver ricevuto decine di idee progettuali da professionisti ed appassionati. Ora sono in tanti che si informano e chiedono del progetto segno evidente che è stato raggiunto l’obiettivo di sensibilizzare e coinvolgere nelle decisioni più cittadini possibile.

A volte si va avanti con lentezza ma questo per ovvi motivi di disponibilità economica e quindi alcune azioni sono state scostate nel tempo in attesa di fondi disponibili o di bandi a cui partecipare. L’importante che la rotta sia tracciata e la priorità degli interventi condivisa con i cittadini e per questo motivo si organizzano spesso incontri informativi in modo da aggiornare tutte le persone interessate.

Obiettivi raggiunti
  • Riduzione dei rischi sulla salute
  • Miglioramento dei servizi sociali di base quali sanità o istruzione, o delle condizioni abitative o di lavoro
  • Miglioramento delle prassi di partecipazione sociale
  • Aumento delle possibilità della comunità locale di influire sui processi decisionali locali
  • Produzione e distribuzione di beni di consumo in base a criteri di equità e solidarietà
  • Promozione dello scambio culturale e agevolazione dell’integrazione sociale
  • Sensibilizzazione dell'opionione pubblica in tema di sviluppo sostenibile
  • Tutela e riqualificazione del patrimonio culturale e degli spazi pubblici


Modalità di realizzazione


Creazione di partnership e collaborazioni

Il progetto SalvaAcque con il fine di raggiungere gli obiettivi in tempi rapidi e seguendo strategie migliori ha creato una collaborazione stretta con protagonisti essenziali come: Agenzia Regionale per la Tutela Ambientale (ARTA); la Capitaneria di Porto; i Carabinieri Forestali e i gestori acquedottistici competenti di zona (Ruzzo Reti e ACA).

Le attività sono tutte svolte in sintonia con gli enti coinvolti ed in piena coerenza con le azioni previste dal “Contratto di Fiume del Cerrano e corsi minori”.

La condivisione dei numeri telefonici e gli indirizzi tra tutti gli attori attivi nel progetto permette un contatto diretto con uno scambio celere delle informazioni tale da rendere tempestiva ogni decisione.

Obiettivi raggiunti
  • Collaborazioni tra soggetti pubblici che esercitano competenze concorrenti o coordinate o di diversi livelli territoriali
  • Creazione di collaborazioni tra soggetti pubblici e soggetti privati

Promozione dell'informazione alla comunità locale e della partecipazione dei destinatari

La strategia comunicativa adottata è quella di organizzare eventi pubblici dove presentare i risultati raggiunti e le strategie adottate per perseguire i fini progettuali.

In ogni evento organizzato vengono invitati esperti affinchè oltre che ad intervenire nel dibattito possano dare un contributo di idee e modalità di gestione dei vari aspetti tecnici e scientifici.

Inoltre ogni volta che nelle iniziative culturali e turistiche c’è la possibilità di inserire un intervento sulla qualità delle acque, si coglie l’opportunità di partecipare ed avere la possibilità di comunicare e sensibilizzare quante più persone.

Il riscontro positivo avviene molto spesso attraverso la richiesta di operatori turistici, e semplici cittadini della zona, che chiedono informazioni sullo stato del progetto e sugli sviluppi futuri. Questo evidenzia che la parte comunicativa funziona abbastanza e che l’interesse si sia spostato verso una maggiore attenzione sulle questioni ambientali.

Attività realizzate
  • Diffusione di informative alla comunità locale mediante affissione di manifesti, distribuzione di brochure o organizzazione di convegni
  • Divulgazione delle attività attraverso siti internet
  • Comunicazioni presso scuole, associazioni di cittadini di vario tipo o altre strutture non direttamente coinvolte nella realizzazione del progetto
  • Consultazione della comunità locale e dei destinatari nella fase di progettazione degli interventi
  • Partecipazione attiva della comunità locale e dei destinatari nella fase di progettazione degli interventi

Formazione delle unità operative

Le attività si basano sulla professionalità dei tecnici messi a disposizione degli enti che collaborano nel progetto e quindi da personale qualificato.

Nello stesso tempo vi è stata una fase di formazione professionale (supervisionata dall’ARTA) che ha preparato alcune figure (Guide del Cerrano) ad eseguire sopralluoghi e campionamenti in modo da coprire sia la parte di attività di routine che delle emergenze. Soprattutto intervenire con una tempistica tale da reagire immediatamente ad ogni evento.

Attività realizzate
  • Produzione e distribuzione di documenti tecnici o manuali
  • Formazione del personale coinvolto mediante corsi
  • Reclutamento di personale specializzato
  • Affiancamento di consulenti al personale interno

Integrazione con altre attività e sviluppi futuri

Il progetto SalvaAcque ha generato molto interesse determinando riflessioni politiche e la capacità per gli operatori economici di interloquire con maggiore competenza verso i turisti o semplici frequentatori del comprensorio delle Terre del Cerrano.

Spesso nei convegni il progetto SalvaAcque viene portato come modello di gestione da esportare in altri ambiti territoriali soprattutto per aver messo insieme tanti enti permettendo così un’effettiva condivisione di intenti e dati scientifici.

Attività realizzate
  • Avvio di nuovi progetti d'implementazione
  • Integrazione della componente ambientale nelle altre politiche dell’ente
  • Miglioramento della coerenza delle politiche e delle azioni attuative
  • Modifica degli strumenti di pianificazione
  • Adozione di nuovi sistemi di gestione integrati


Criticità


Criticità affrontate

La difficoltà riscontrata all’inizio era quella della scarsa comunicazione tra gli enti territoriali che sembravano essere comparti chiusi poco inclini alla condivisione dei dati. Inoltre la loro partecipazione agli incontri promossi dall’AMP Torre del Cerrano è stata sempre difficile con innumerevoli telefonate, e-mail ed altro.

Questa fase è stata brillantemente superata ed ora c’è molta più collaborazione.

La difficoltà maggiore come peraltro prevedibile è la mancanza di fondi disponibili. Il superamento di questa problematica è stata affrontata con l’elaborazione di 12 progetti che potranno essere presentati all’interno di bandi europei prossimamente attivati.

Tipologia criticità
  • Sostegno politico al progetto
  • Definizione degli obiettivi del progetto
  • Coordinamento con altri enti pubblici
  • Incentivi legati agli obiettivi del progetto
  • Problemi nella fase di progettazione
  • Risorse logistiche e tecniche
  • Risorse economico-finanziarie
  • Circolazione di dati ed informazioni


Trasferimento dell'esperienza


Elementi innovativi e attività per il trasferimento dell'esperienza

Il progetto si sviluppa in un ambito territoriale omogeneo e non molto ampio. Solo tre comuni sono percorsi dai corsi d’acqua indicati dal progetto e quindi meno difficoltà nel coinvolgerli. Gli interessi ambientali, paesaggistici, culturali e turistici coincidono con notevole interesse nel portare avanti politiche gi gestione del territorio.

Trovare un interesse comune è la parola chiave per attivare un percorso che porti a risultati e non rimanga a livello di intenzione. Da evidenziare l’impegno dell’AMP Torre del Cerrano in quanto senza di essa difficilmente il Contratto di Fiume dl Cerrano e corsi minori sarebbe stato attivato ed alzato il livello di attenzione sulla qualità delle acque come in questo caso dall progetto SalvaAcque.

Esperienza da esportare dove ci sono aree protette e riserve naturali dove la valorizzazione del paesaggio e la  tutela della biodiversità possono fare da traino per il bisogno di introdurre politiche territoriali sempre più attente all’ambiente ed alla prioritaria azione della buona qualità delle acque.

Strumenti per il trasferimento dell'esperienza
  • Produzione di documenti e rapporti sull'attività svolta
  • Documentazione tecnica e manuali consultabili in loco
  • Documentazione tecnica e manuali consultabili on line
  • Disponibilità a rispondere telefonicamente o via e-mail a quesiti specifici
  • Disponibilità a impartire corsi o stage per la formazione di personale di altro ente
  • Presentazione del progetto a conferenze nazionali e internazionali
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.