Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comunità montana / Comunità Montana Valsesia / A.L.P.S. - Azioni Locali Partecipate per la Sostenibilità

A.L.P.S. - Azioni Locali Partecipate per la Sostenibilità

L'attività di identificazione e motivazione del presente progetto si basa sull'analisi del contesto nel quale si sviluppa e sui possibili collegamenti con i progetti e le iniziative già in atto o in via di sviluppo. Per questa ragione il progetto A.L.P.S. si armonizza con la pianificazione in atto e in programma - Piano socio economico di sviluppo, progettazione territoriale di raccolta differenziata, attività di sensibilizzazione avviate nelle scuole -. Si intende, quindi, avviare il percorso di Agenda 21 Locale coinvolgendo cinque aree della Comunità Montana Valsesia realizzando: ·Azioni a sostegno dell'informazione, della formazione e della partecipazione del pubblico; ·Attivazione e istituzione del Forum; ·Costruzione concertata, attraverso il Forum, della RSA. Gli obiettivi specifici dell'azione del processo di A21, da abbinare anche alle pari opportunità, saranno in sintesi: 1.L'attenzione e il coinvolgimento attivo di tutte le componenti pubbliche e private e le categorie socio - economiche del territorio come soggetti in grado di apportare il proprio contributo personale alla individuazione e realizzazione di azioni mirate al miglioramento delle condizioni di vita e di fruibilità del territorio rurale e montano. 2.L'accrescimento delle competenze del personale coinvolto nella gestione dei fondi di finanziamento comunitari, che possono contribuire allo sviluppo ecosostenibile del territorio, promovendo un sistema integrato e sistematico di gestione dei fondi mediante la normalizzazione delle procedure, la predisposizione di sistemi di monitoraggio e valutazione, la progettazione di reti e sistemi informatizzati, la formazione; 3.La valorizzazione della cultura rurale e della cura verso quel tipo di territorio, non solo in funzione di un suo utilizzo di carattere turistico, ma anche come occasione di trasferimento alle generazioni più giovani di una "cultura positiva" del territorio montano, per contrastare la debolezza che esso sta rischiando sia dal punto di vista quantitativo di presenza abitata, sia dal punto di vista qualitativo di cura dell'ambiente in generale; 4.La promozione di alcune azioni specifiche: la lotta allo spopolamento delle zone marginali, il mantenimento di una minima base produttiva agricola in termini di superficie utilizzata e di numero di addetti, la promozione di migliori condizioni di vita e di lavoro, l'agevolazione del ricambio generazionale, il miglioramento del livello qualitativo dei prodotti, della redditività e della competitività imprenditoriale; 5.La promozione del territorio rurale attraverso il consolidamento di iniziative imprenditoriali, che si esprimono eminentemente nella valorizzazione e diffusione dei prodotti tipici e nella promozione di un turismo sportivo/naturalistico/gastronomico/culturale, ovvero che sappia porre nella giusta prospettiva tutti i diversi elementi caratterizzanti il territorio, in un insieme rispettoso dell'ambiente e dei suoi abitanti e, insieme, accogliente verso i non residenti; 6.L'assunzione di una logica di filiera quale punto di forza dell'agricoltura in montagna, anche in considerazione del riconoscimento a livello comunitario del valore di alcuni prodotti tipici di nicchia, ai quali già è stata data o potrà essere data protezione giuridica della denominazione. Il percorso cerca di porre l'attenzione soprattutto al "processo" e quindi si vuole condividere gli obiettivi di sostenibilità locale e tradurli in una strategia integrata che consenta di conseguire gli obiettivi assunti con il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati - attori economici e sociali, singoli cittadini, associazioni... -. Consapevoli che il risultato di una buona esperienza di Agenda 21 locale si misura con: ·Il coinvolgimento degli attori locali: maggior consapevolezza, disponibilità e interesse di tutti gli stakeholders ed i poteri coinvolti a livello locale; ·La partecipazione dei cittadini alla progettazione dell'ambiente in cui vivono; ·Una consultazione permanente attraverso forme di informazione e consultazione mirata al vasto pubblico dei cittadini per creare le migliori condizioni per l'attuazione di un futuro Piano d'Azione; ·La strutturazione di forme di progettazione partecipata attraverso la creazione del Forum come soggetto attivo e di orientamento del processo. Il progetto si realizzerà secondo le seguenti fasi: FASE 1 - Definizione delle modalità di comunicazione e dei processi di informazione e formazione per i soggetti coinvolti nelle diverse fasi del percorso. FASE 2 - Strutturazione di forme di progettazione partecipata: il FORUM come soggetto attivo e di orientamento per l'elaborazione della RSA. FASE 3 - Definizione del quadro diagnostico, audit interno, costruzione della RSA attraverso la partecipazione del Forum. Inoltre, nel corso del progetto, verrà prodotto materiale informativo e divulgativo: ·Creazione LOGO e manuale divulgativo per A21L dedicato alle amministrazioni; ·Ideazione e realizzazione di un sito WEB sui lavori dedicati a A21L; ·CD Rom e relativa pubblicazione per la diffusione dei dati e informazioni sulla RSA e divulgazione del percorso effettuato per l'attivazione dell'A21 in Valsesia. Si effettueranno inoltre le seguenti attività trasversali: ·Organizzazione e realizzazione del workshop con pubblicazione atti; ·Organizzazione e realizzazione di un convegno finale per A.L.P.S. con pubblicazione atti.
Cofinanziamento del Ministero dell'Ambiente Bando A21L - 2000 -
Area montana
Da 10.000 a 100.000 abitanti
Comunità montana
Strategie partecipate e integrate
24/09/01
18
€ 102.881
Ministero dell'Ambiente
Cofinanziamento del Ministero dell'Ambiente del 70% pari a 71787,51 euro.
Marco Godio
No file
No file
No file
No file
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.