Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comunità montana / Comunità Montana Marghine-Planargia / MA.P.P.A. - Marghine-Planargia per l'Ambiente

MA.P.P.A. - Marghine-Planargia per l'Ambiente

Il progetto realizzerà un'azione di sensibilizzazione e promozione della partecipazione dei soggetti locali, per attuare un processo di sviluppo socio - economico in un quadro di conservazione delle risorse naturali e sociali e di incremento della qualità della vita. OBIETTIVI SPECIFICI sono: 1 -Promozione della funzione di tutela e presidio del territorio degli operatori del comparto agro - zootecnico locale; 2 - Definizione di modalità di gestione sostenibile dei 4 Siti di Importanza Comunitaria - SIC - presenti sul territorio. Parallelamente ad un'attività di informazione e sensibilizzazione su A21L, nei primi 6 mesi, verrà costituito un Forum per lo Sviluppo Sostenibile. Con un approccio negoziale fra i vari stakeholders - in parte già contattati e coinvolti - verranno insediati 2 Tavoli di Lavoro tematici per dibattere i temi legati agli obiettivi specifici. In 9 mesi, i Tavoli elaboreranno documenti di lavoro coordinati, relativi alle problematiche, ai conflitti e alle possibili soluzioni di gestione sostenibile del territorio. Contemporaneamente, in collaborazione con l'Università di Sassari e di Nuoro, verrà redatto un documento di Stato dell'Ambiente del territorio, in particolare nei SIC. Sulla base delle risultanze dei Tavoli di lavoro tematici e della RSA, l'ultima fase di progetto - 7 mesi - prevede l'elaborazione in seno al Forum di Linee Guida di sviluppo della filiera della produzione e trasformazione agro - zootecnica e di gestione sostenibile del territorio, con particolare riguardo ai SIC. Le linee guida verranno approvate dal Forum ed adottate dagli organi della Comunità Montana. Le attività di informazione e comunicazione, di cui sono stati definiti i principi di riferimento, attraverseranno l'intero processo di A21L, utilizzando sia strimenti di carattere generale - bollettini, materiali divulgativi, seminari -, che specifici per i diversi soggetti sociali coinvolti a vario titolo nel progetto. In particolare, si punterà ad una comunicazione: 1. non episodica; 2. asse strutturale dell'attività del Forum; 3. per la co - responsabilizzazione; 4. precisa, confrontabile e validata; 5. non semplificatrice e interdisciplinare.
Cofinanziamento del Ministero dell'Ambiente Bando A21L - 2000 -
Università di Sassari e di Nuoro, ERSAT
Area montana
Da 10.000 a 100.000 abitanti
Comunità montana
Agricoltura, Strategie partecipate e integrate
10/01/02
16
€ 126.532
Ministero dell'Ambiente
Cofinanziamento del Ministero dell'Ambiente del 70% pari a 88572,36 euro
Andrea Angioni
No file
No file
No file
No file
archiviato sotto: ,
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.