Carnia Sostenibile

Il progetto si propone di continuare le prime attività di sensibilizzazione e informazione avviati con il Programma Leader II sul territorio della Carnia. La Carnia è una zona montana che non ha ancora avuto quello sviluppo, soprattutto turistico, che altre aree montane hanno avuto. Questo fattore fa della Carnia un'area già, per alcuni versi, sostenibile: l'obiettivo del progetto è arrivare - in tempi medi di circa 5 - 7 anni - alla certificazione ambientale di tutte le amministrazioni comunali e di almeno metà delle imprese locali. Verranno quindi realizzate all'interno del progetto le attività di informazione e sensibilizzazione dell'intero territorio, compito non facile vista la dimensione del territorio stesso e le inevitabili differenze interne fra sub aree. Queste attività saranno rivolte ai portatori di interessi in senso generale ma anche a specifiche categorie individuate come fondamentali: scuole e piccole e medie imprese locali. Per la miglior diffusione dei principi di Agenda 21 e dei progressi fatti dal progetto sono previsti una serie di supporti informativi, cartacei ed elettronici. Propedeutica alla realizzazione delle attività di animazione è la costituzione di un comitato tecnico di coordinamento, la cui costituzione avverrà entro due mesi dalla data di approvazione del progetto da parte del Ministero. Si prevede poi la realizzazione di una RSA, che dovrà considerare una realtà locale molto diversificata e con differenti peculiarità, di cui non potrà non tener conto. La redazione della RSA partirà sin dalle prime fasi del progetto, immediatamente dopo la costituzione del comitato tecnico. Le informazioni raccolte verranno georeferenziate per poterle poi utilizzare al meglio anche negli anni successivi a quelli del progetto. Infine, si prevede l'attivazione di uno o più forum, per il coinvolgimento fattivo di tutti i portatori di interessi locali. Dal punto di vista temporale si prevedono i seguenti passaggi, a partire dalla data di approvazione del progetto. 2 mesi - costituzione del comitato di coordinamento. 3 mesi - elaborazione del primo materiale informativo; avvio della RSA. 5 mesi - realizzazione dei primi incontri informativi e di sensibilizzazione. 7 mesi - avvio del/i forum. 12 mesi - conclusione delle attività di sensibilizzazione. Il forum proseguirà anche dopo la conclusione formale del progetto.
Cofinanziamento del Ministero dell'Ambiente Bando A21L - 2000 - Gli 11 amministratori che hanno già partecipato alle prime attività di informazione e sensibilizzazione formeranno un comitato di pilotaggio del progetto che avrà il compito di accompagnare gli altri soggetti interessati e, soprattutto, diventeranno testimonials nei confronti di altri amministratori locali, della popolazione e delle imprese dei rispettivi comuni di appartenenza.
Area montana
Da 10.000 a 100.000 abitanti
Comunità montana
Strategie partecipate e integrate
27/12/01
18
€ 137.894
Ministero dell'Ambiente
Cofinanziamento Ministero dell'Ambiente del 69,6% pari a 96061 euro.
Pietro Molfetta
No file
No file
No file
No file
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.