Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Villa San Giovanni / PROG.I-SVI - Programma Integrato per lo Sviluppo Sostenibile

PROG.I-SVI - Programma Integrato per lo Sviluppo Sostenibile

Il progetto proposto intende avviare e sostenere il processo di attivazione di Agenda 21 nell'ambito del territorio comunale in una prospettiva programmatica di sostenibilità ambientale coerente con la programmazione regionale definita nel POR Calabria 2000-2006 e con la strategia d'azione ambientale per lo sviluppo sostenibile in Italia. Il Progetto sarà articolato come segue: 1 Istituzione di un Gruppo di Pilotaggio, con compiti prettamente operativi, costituito dal Sindaco, dal dirigente del settore tecnico responsabile del procedimento, dal Coordinatore tecnico/scientifico, cui compete tra l'altro l'applicazione del Piano di Qualità e dai Project Engineers, responsabili delle diverse linee tecnologiche coinvolte. 2. Costituzione ed attivazione del Forum permanente di Agenda 21: Individuazione dei portatori di interessi - stakeholders - da attivare tramite o una "chiamata aperta" o una "approssimazione successiva". Si prevedono sia la creazione di forme organizzative adeguate e flessibili, quali gruppi di lavoro e sessioni tematiche e un supporto organizzativo di "facilitatori", sia l'istituzione di un supporto tecnico quale la Commissione Permanente. Della commissione faranno parte rappresentanti dei principali settori dell'Amministrazione - Ambiente e territorio, Lavori pubblici e edilizia, Trasporti e mobilità, Politiche sociali, Politiche economiche ed Energia - con l'obiettivo primario di attivare fin dall'avvio del processo l'indispensabile sinergia degli attori verso la costituzione dell'Ufficio Agenda 21. 3. Implementazione degli strumenti di contabilità ambientale - prototipazione -: questa fase prevede l'integrazione dei risultati delle ricerche attuate nel recente periodo nei settori del monitoraggio degli agenti inquinanti, con particolare riferimento alla situazione del traffico e del carico acustico. I materiali prodotti saranno integrati in un Sistema Informativo Territoriale Ambientale realizzato in modo da risultare per quanto possibile aperto e fruibile anche in modo allargato - tramite, ad esempio, le tecnologie WEB -, destinato alla realizzazione di un supporto per il sistema decisionale connesso alle politiche ambientali dell'Amministrazione. Contemporaneamente sarà implementato un sistema minimale, ma pienamente funzionale, di sensori stabili che forniranno in corso d'opera i dati di contabilità ambientale per la taratura dei modelli analitici e la verifica in itinere degli indicatori locali. Individuazione e selezione degli indicatori: in questa fase l'amministrazione comunale si impegna a selezionare, sviluppare ed adottare un set di indicatori di sviluppo sostenibile locale - European Common Indicators - integrato secondo le più recenti indicazioni metodologiche in merito e verificato sul campo. Inoltre all'interno di questa fase è previsto, come sottoprogetto, la definizione di un modello di monitoraggio/valutazione strategica ambientale/territoriale. 5. Redazione del Rapporto sullo stato dell'ambiente: questa fase del progetto prevede la realizzazione di una analisi ambientale attraverso la quale si studiano le relazioni esistenti tra le attività antropiche e la realtà ambientale con particolare attenzione al sistema trasportistico nell'ambito dell'attraversamento dello Stretto di Messina, alle opportunità di sviluppo dell'area industriale ed al sistema di contabilità ambientale. La Relazione sullo stato dell'ambiente costituirà la base programmatica per la definizione di un piano di sviluppo sostenibile dell'intero territorio comunale. 6. Certificazione Ambientale: Questa fase del progetto tende a valutare e definire la creazione di una architettura di sistema per la valutazione e la gestione degli impatti diretti - legati al funzionamento degli Uffici comunali - e indiretti - legati alle decisioni politiche, in modo particolare in materia di pianificazione territoriale - sull'ambiente, prodotti dall'Amministrazione comunale.La realizzazione del progetto dovrà portare, attraverso i procedimenti standard, alle certificazioni e registrazioni ambientali: ottenimento della certificazione ambientale secondo la norma UNI EN ISO 14001 del proprio SGA, nonché della registrazione secondo il regolamento comunitario 1836/93-EMAS.
Bando Agenda 21 locale 2002 del Ministero dell'Ambiente
None
Area urbana
Da 10.000 a 100.000 abitanti
0
Strategie partecipate e integrate
12/11/04
18
€ 216.911
Ministero dell'Ambiente
Cofinanziamento del Ministero dell'Ambiente Bando A21L 2002 euro 146.060,15
Francesco Morabito
None
No file
No file
No file
No file
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.