Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Urbino / Variante alle N.T.A del P.R.G. ed al Regolamento Edilizio per la promozione della bioedilizia

Variante alle N.T.A del P.R.G. ed al Regolamento Edilizio per la promozione della bioedilizia

La variante è stata approvata con Comunale Delib. C.C. N. 49 del 21.04.2004. L'azione promossa in collaborazione con il FORUM DI AGENDA 21 si esplica tecnicamente su due linee di intervento:

1. Modifica delle N.T.A. del P.R.G., al fine di prevedere premi di edificabilità quali incentivo alla realizzazione di edifici che presentino particolari caratteristiche di risparmio energetico o siano dotati di impianti per lo sfruttamento di energie rinnovabili;

2. Modifiche del Regolamento Edilizio Comunale volte a rendere obbligatorio l' uso di tecnologie di base per il risparmio energetico ed il contenimento dei consumi idrici.

Le modifiche alle N.T.A. del P.R.G. agiscono sul testo dell' art. 8 là dove prevede, nell'ambito delle potenzialità edificatorie delle zone di espansione e di ristrutturazione, una riserva di SUL - Superficie Utile Lorda - a favore "di locali od ambienti accessori esterni ai singoli alloggi e di uso comune - quali: scale e ballatoi d'ingresso, porticati condominiali, ecc.; - o privato. Si è ritenuto opportuno utilizzare la stessa riserva per promuovere anche un altro tipo di qualità: si è specificato che la riserva del 20% di "SUL" potrà essere utilizzata per incrementare, oltre i primi 30 centimetri, lo spessore delle murature perimetrali, quando questo incremento è finalizzato a ridurre la dispersione termica; oppure per la realizzazione di vani necessari ad ospitare impianti di recupero delle acque meteoriche o per svolgere particolari funzioni di accumulo di energia; oppure vengano adottate soluzioni tecniche attraverso le quali risulti documentato un effettivo risparmio di energia.

Le modifiche del R.E.C. intervengono su due articoli dei titoli XV e XVI del Regolamento edilizio che hanno come oggetto "Requisiti generali degli edifici" e "Requisiti specifici degli impianti". In particolare: viene reso obbligatorio l'uso di caldaie con rendimento superiore al 90%; di serramenti con vetrocamera e di sistemi regolazione del calore per ogni singolo ambiente riscaldato. Inoltre è fatto obbligo, nel caso di interventi che prevedono l'introduzione di nuovi impianti di riscaldamento o la ristrutturazione degli impianti esistenti in edifici pubblici, ottenere almeno il 30% del fabbisogno di acqua calda sanitaria attraverso l' utilizzo dell' energia solare. La stessa norma viene proposta per le strutture ricettive. Inoltre è stata introdotta una norma tesa a ridurre il consumo di acqua potabile nei servizi igienici degli edifici attraverso dispositivi di regolazione del flusso di acqua.

Progetto tratto da "Aalborg e l'Italia" Raccolta dei progetti dei soci del Coordinamento A21L italiane in attuazione degli Aalborg Commitments Aalborg Commitment perseguito: 3 Risorse naturali comuni: Ci impegniamo ad assumerci la piena responsabilità per la protezione, la conservazione e la disponibilità per tutti delle risorse naturali comuni
Area urbana
Da 10.000 a 100.000 abitanti
Comune
Edilizia e Urbanistica
21/04/04
Tarcisio Porto
No file
No file
No file
No file
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.