Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Trento / Patto Territoriale del Monte Bondone

Patto Territoriale del Monte Bondone

L'obiettivo generale del Patto Territoriale è promuovere una nuova fase di sviluppo sostenibile dell'area del monte Bondone valorizzando e mobilitando in maniera integrata tutte le risorse e le opportunità del territorio attorno alla funzione trainante svolta dall'attività turistica. - La prima scelta strategica del patto territoriale del monte Bondone è quella di essere imperniato sulla volontà e sulle capacità degli operatori locali, pubblici e privati, e non su interventi esterni, calati dall'alto. Il patto intende mobilitare a fini di sviluppo lo specifico potenziale endogeno presente nell'area, valorizzandone in una logica di rete tutte le risorse: umane, naturali, culturali, sociali, imprenditoriali, istituzionali. - La seconda scelta strategica è quella di interessare un'area più vasta dell'ambito rappresentato dal versante montano del comune di Trento, diluendo e valorizzando in maniera diversa l'influenza dominante della città, e di proporre politiche di riequilibrio e un approccio globale e non settoriale alle problematiche di crescita dell'area, sul presupposto che il patto possa concorrere a creare le condizioni di una maggiore consapevolezza delle risorse locali e di una maggiore autonomia locale nel loro utilizzo. - La terza scelta strategica è quella di riconoscere al turismo la funzione economica trainante dello sviluppo dell'area e di disegnare un nuovo modello di sviluppo turistico sostenibile ed eco-compatibile che sia gestito dal capitale umano locale, che sia frutto dello spirito di iniziativa locale e non indotto dall'esterno, intendendo il monte Bondone non tanto come mero luogo ricreativo e di svago, quanto piuttosto un sistema integrato di risorse ed attori che necessita di politiche comuni ed efficaci di valorizzazione, gestione e commercializzazione del prodotto o, meglio, dei "prodotti".
Sono state individuate cinque aree di intervento che, in modo distinto ma non indipendente, concorrono a definire i caratteri della strategia di sviluppo per il monte Bondone: - la tutela e la valorizzazione delle risorse naturali ed ambientali;- la tutela e la valorizzazione delle risorse culturali e storiche; - il potenziamento e lo sviluppo del sistema economico locale;- la valorizzazione delle risorse umane; - il miglioramento della qualità dei centri abitati e delle istituzioni locali. Per ulteriori informazioni www.pattomontebondone.it
Area montana
Da 10.000 a 100.000 abitanti
Comune
Turismo, Territorio e Paesaggio
09/05/02
€ 17.834.573
Franco Grasselli
http://www.pattomontebondone.it/
267_86.doc — 1369 KB
No file
No file
No file
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.