Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Torino / Torino Living Lab: gli orti urbani e la piazza smart Risorgimento

Torino Living Lab: gli orti urbani e la piazza smart Risorgimento

Torino Living Lab è il progetto della Città di Torino per promuovere, sviluppare e testare nuove soluzioni innovative in un contesto reale.

Con Torino Living Lab cittadini, imprese e pubblica amministrazione esplorano e sperimentano insieme prodotti, tecnologie e servizi innovativi in un’area specifica della città con l’obiettivo di testarne funzionalità e utilità per gli utenti finali e valutare gli effetti sulla qualità della vita degli abitanti. Nell’ambito del progetto Living Lab, da parte del Comune di Torino, è stata data in concessione alla Startup PLANET IDEA la superficie di Piazza Risorgimento allo scopo di sperimentare modalità innovative di organizzazione di uno spazio pubblico e testare anche la possibilità di gestire orti urbani in un contesto densamente edificato. 

La piazza Smart Risorgimento è la prima Piazza Smart d’Italia, ed è un laboratorio in grado di ospitare tutte le tecnologie più innovative di riferimento per i futuri investimenti di riqualificazione urbana.

Ci sono:

a) un orto urbano costituito da 25 moduli, in legno, cassoni di circa 2,3 mq dotati di terriccio coltivabile e un apposito sistema di irrigazione che, attraverso internet, cloud e mobile, è in grado di gestire l’irrigazione. A tutti gli assegnatari sono stati forniti gli attrezzi di lavoro e un tutor agronomo, che fornirà preziosi suggerimenti per la scelta delle colture

b) Lampioni con dimmer con modulo hardware che permette l’accensione lo spegnimento e la variazione di luce del lampione in base al tipo di alimentatore installato.

c) una palestra outdoor in grado di produrre energia attraverso lo sforzo prodotto dai suoi utilizzatori,  dotata di porta USB per la ricarica di cellulari e di QR codes per l’accesso a video formativi.

d) panchine intelligenti che rilevano dati ambientali e statistici e riproducono musica

e) uno spazio coperto per dibattiti, incontri, scambio libri, informazioni, rivestito di vernici che  aumentano le prestazioni termoisolanti delle pareti e provvisto di un sistema fotovoltaico. Nell'infopoint è collocato un purificatore dell’aria con una selezione di microorganismi provenienti da fonti naturali .

f) un totem interattivo  comprensivo di schermo touch, che garantisce la navigazione all’interno di contenuti, lo scambio di informazioni, la connessione a reti wireless, la creazione di punti di riferimento a livello urbano.

g) una colonnina SOS di telesoccorso e videovigilanza che funziona anche come stazione di ricarica per veicoli e biciclette elettriche.

h) un servizio di monitoraggio dei consumi che permette di controllare quanto, come e quando l’energia è utilizzata dai diversi sistemi.

i) Sensori di parcheggio gestiti con una APP dedicata, che permettono un monitoraggio in tempo reale della presenza di veicoli all’interno di posti auto opportunamente segnalati sui parcheggi.

l) un percorso scandito da mattonelle fotovoltaiche di vetro pedonabili che raccontano la storia del quartiere, dei personaggi che lo hanno caratterizzato.

Area urbana
Da 100.000 a 1.000.000 abitanti
Comune
Edilizia e Urbanistica, Territorio e Paesaggio
01/01/16
Fondi propri
Gianfranco Presutti
http://torinolivinglab.it/
No file
No file
No file
No file
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.