Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Siena / Infrastrutture a larga banda per lo sviluppo sostenibile a Siena

Infrastrutture a larga banda per lo sviluppo sostenibile a Siena

Il progetto si inserisce in una politica complessiva del Comune di Siena per migliorare le condizioni ambientali e per ridurre le emissioni climalteranti, promovendo la società dell'informazione, così come definito dall'Unione Europea attraverso la diffusione dell'alfabetizzazione telematica tra i cittadini e gli operatori economici, in un'ottica di continuo perseguimento del pubblico interesse. Iniziato nel 1997 ed inserito all'interno di un sistema d'innovazione complessiva, è nato dall'esigenza di utilizzare la larga banda come sistema di trasporto ad alta capacità per la trasmissione di segnali numerici, di fonia, dati e video, atto a garantire accessi e connettività ad elevata velocità. Il progetto è stato reso possibile da una convenzione con Telecom Italia che, da parte sua, si è impegnata ad effettuare la realizzazione della rete nel territorio del comune, attraverso la posa di tubi per cavi a fibre ottiche e per cavi coassiali. Telecom Italia ha accettato l'obbligo di effettuare i lavori all'interno delle prescrizioni date dal Comune in merito all'impatto ambientale relativo agli scavi, ai pozzetti e alle cabine. Il Comune da parte sua si è impegnato a realizzare presso il proprio Centro Servizi la struttura di HEAD END che permette la distribuzione dei segnali televisivi e satellitari all'interno delle fibre ottiche. Il progetto si integra con altri due progetti, già avviati dal Comune di Siena e finalizzati anch'essi a ridurre le emissioni climalteranti: "Alife: Linee progettuali per il Servizio di Logistica Urbana della città di Siena"; "Calore ed elettricità: impianti di cogenerazione e di teleriscaldamento dei grandi edifici pubblici".
Il risultato più immediato sarà quello riscontrabile visivamente, a partire dal mese di giugno, della progressiva diminuzione delle antenne sui tetti della città e quello meno visibile, ma ugualmente importante di messa a norma degli impianti di ricezione. Gli altri risultati saranno relativi alla riduzione dei flussi veicolari. Risultati speculari saranno quelli di indurre, attraverso il meccanismo della continua evoluzione dei sistemi di comunicazione e fornitura di servizi, l'intera comunità all'utilizzo corretto delle nuove tecnologie e di rendere il territorio del Comune altamente innovativo e attrattivo di ulteriore innovazione. La realizzazione di interventi complessi come quelli descritti producono inoltre nuova offerta in termini di servizi e di nuova domanda, soprattutto nella popolazione giovanile, in riferimento alle attività multimediali. Gli ostacoli principali sono stati quelli relativi alla posa in opera delle fibre ottiche e alla individuazione di una soluzione ambientalmente compatibile del problema dell'antenna centralizzata.
Area urbana
Da 10.000 a 100.000 abitanti
Comune
Mobilità, Edilizia e Urbanistica
48
€ 1.179.587
Franco Ferrandi
No file
No file
No file
No file
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.