Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Sesto San Giovanni / Gruppo di progettazione per stili di vita e consumi sostenibili

Gruppo di progettazione per stili di vita e consumi sostenibili

Nell'ambito di Agenda 21 del Comune di Sesto San Giovanni si è costituito e ha avviato i propri lavori da settembre 2003 uno specifico Gruppo di progettazione avente come missione la definizione di strategie e azioni a favore di stili di vita e consumi più sostenibili. Al gruppo di lavoro - Gdl - partecipano persone - in modo costante 30 - appartenenti alle associazioni elencate al punto 1.3.2 e 1.3.3 e singoli cittadini. Il Gruppo di progettazione è stato costituito all'interno del Forum di Agenda21, che ha compiti di coordinamento - proposte di progetto, disponibilità sedi, convocazioni, circolazione materiali, etc. -, ritenendo fondamentale poter contare su tale disponibilità per completare il lavoro avviato. Nel dicembre del 2003 il gdl ha firmato con il Comune di Sesto San Giovanni un "patto per stili di vita e consumi sostenibili" che prevede l'adozione di azioni per produrre cambiamenti che partano dalla ricerca di comportamenti quotidiani più virtuosi, nelle vesti di consumatori, distributori, produttori e utilizzatori di beni. Il protocollo sancisce anche la nascita di un Gruppo di Acquisto Solidale. Con il patto il Gdl e il Comune si impegnano fino al 2007 - quando scade il mandato del Sindaco e quindi il progetto ag21 legato al suo programma -. L'innovazione riguarda la metodologia, ossia la progettazione partecipata delle campagne informative e la presa di responsabilità diretta dei singoli attori coinvolti nel progetto. Obiettivi del gdl sono fino alla chiusura di Ag21 2006-2007 sono: 1. definire un Programma organico di azioni per promuovere stili di vita e consumi sostenibili nel Comune di Sesto San Giovanni, individuando, in via preliminare, come linee di azione prioritarie le seguenti:·Campagna di azione e sensibilizzazione "- rivolta ai cittadini sestesi - sul tema degli ACQUISTI, promuovendo i prodotti "sostenibili";·Campagna di azione e sensibilizzazione sul tema dei RIFIUTI - riduzione, raccolta differenziata, riciclo;... -; ·Promozione di comportamenti e acquisti verdi nella Pubblica Amministrazione e nelle aziende private;·Campagna di sensibilizzazione sul tema dell'ACQUA - riduzione dei consumi, contenimento degli sprechi, controllo sulla qualità dell'acqua,... -;·Campagna di azione e sensibilizzazione sul tema della MOBILITÀ - sicurezza, riduzione dell'uso dell'auto, promozione ciclopedonalità,... -, in collaborazione con il GdiP Ciclopedonalità;... -; ·Campagna di azione e sensibilizzazione sul tema dell'ENERGIA - riduzioni consumi e sprechi, promozioni fonti alternative;... -;·Campagna di azione e sensibilizzazione sul tema del RUMORE - rispetto dei limiti; riduzione inquinamento acustico;... -; ·Campagna di azione e sensibilizzazione sul tema dell'INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO - individuazione fonti inquinanti; diffusione diritti dei cittadini;... -;·Sviluppo e diffusione del GRUPPO D'ACQUISTO SOLIDALI - GAS -;·Creazione di RETI di ECONOMIA SOLIDALE - individuazione realtà locali interessate;... -. 2. Sviluppare una progettazione di dettaglio per ciascuna linea d'azione, individuando le iniziative specifiche per realizzarla e sviluppando gli approfondimenti progettuali relativi ai costi, i tempi, le strutture organizzative, l'attribuzione di compiti per lo svolgimento delle azioni che saranno previste nel Programma. 3. Ricercare le fonti di finanziamento ed i partner necessari per la concreta realizzazione delle varie fasi del Programma. 4. Ricercare sinergie e complementarietà tra le azioni previste dal Programma e altre iniziative analoghe promosse da soggetti privati e da Amministrazioni Pubbliche sul territorio di Sesto S.G. e del Nord Milano. 5. Mettere in comune con gli altri soggetti partecipanti al gruppo di progettazione le proprie risorse, competenze, esperienze e conoscenze al fine di promuovere e sostenere concretamente le campagne di comunicazione e sensibilizzazione su stili di vita e consumi sostenibili, sviluppate all'interno del gruppo di progettazione di Agenda 21. 6. Svolgere il proprio ruolo in coerenza e all'interno delle proprie competenze e funzioni specifiche, anche impegnandosi ad adottare comportamenti coerenti con quanto promosso dal Gruppo di progettazione. 7. Ricercare nuovi partecipanti al gruppo di progettazione e nuovi sottoscrittori al protocollo che è da intendersi come un documento aperto all'adesione di nuovi soggetti interessati.
None
Associazione da Donna a Donna; Botteghe Commercio Eco Solidale; Legambiente; WWF; Federconsumatori
Area urbana
Da 100.000 a 1.000.000 abitanti
Comune
Strategie partecipate e integrate
15/09/03
Ministero dell'Ambiente
None
Simona Isidori
None
No file
No file
No file
No file
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.