Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di San Vito sullo Ionio / SVI21 - San Vito 21

SVI21 - San Vito 21

Il Comune di San Vito sullo Ionio ha deliberato - Delibera N.72 del 05/11/2002 - di avviare un progetto di A21L che si svilupperà in un periodo di 18 mesi, costituito essenzialmente da tre parti: Azioni di coinvolgimento degli attori locali _ Costituzione del Forum di Agenda 21 locale _ Redazione del Rapporto sullo Stato dell'Ambiente.

La prima fase consiste nello sviluppo di azioni di sostegno dell'informazione, comunicazione e partecipazione, per quanto riguarda i temi dello sviluppo sostenibile, i principi dell'Agenda 21 locale, i dati ambientali collegati agli indicatori, con l'obiettivo di sensibilizzare e coinvolgere la comunità locale nella fase di preparazione del forum. Previste attività di coinvolgimento interno all'amministrazione - nell'ottica di costituire gruppi di lavoro operativi all'interno del forum - e l'introduzione di strumenti di comunicazione in rete - sito web, bacheca virtuale -.

La seconda parte del progetto riguarda l'attivazione di un Forum Ambientale articolato - tavolo di confronto e concertazione -, che opererà - creazione gruppi tematici - per definire gli indicatori ambientali e gli obiettivi raggiungibili e sostenibili e per proporre all'Amministrazione Comunale un Piano di Azione Ambientale. Nel medesimo tempo verranno attuate azioni a sostegno della partecipazione e dell'informazione riguardo gli aspetti ambientali delle parti interessate, al fine di comunicare agli stakeholder una serie di informazioni riguardanti l'ambiente e le azioni svolte dall'Amministrazione Comunale verso l'ambiente stesso.

La Terza parte consiste nella redazione della Relazione sullo stato dell'ambiente previo raccolta, organizzazione, interpretazione, aggiornamento dei dati relativi agli aspetti ambientali locali al fine dell'individuazione delle carenze, criticità e degli elementi di priorità, impostando un sistema di misuratori ed indicatori delle performance ambientali e di sistemi di valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Le varie parti del progetto, sono da ritenersi inter-dipendenti tra di loro, in quanto lo sviluppo del programma operativo di una delle varie parti è collegato allo sviluppo del programma dell'altra fase; in altri termini, i risultati parziali e finali ottenibili dalla Redazione della Relazione sullo stato Ambientale costituiscono un importante input per le attività svolte in ambito del Forum Ambientale cui saranno collegate - pre-forum - efficaci azioni di coinvolgimento e sensibilizzazione della comunità d'interesse. Poter fotografare la realtà "ambiente", evidenziando situazioni e/o condizioni di criticità, di pari passo con il coinvolgimento competente dei cittadini, rappresenta una necessità imprescindibile per potere proporre corretti programmi di integrazione tra economia e ambiente, definire le criticità sulle quali intervenire per avviare un piano globale di sviluppo. L'avvio di un processo A21L si pone la finalità di valorizzare iniziative locali volte alla cura dell'ambiente, a dare visibilità e a conoscenza a tutte le parti interessate, delle attività già svolte dall'Amministrazione Comunale in materia ambientale.

Bando Agenda 21 locale 2002 del Ministero dell'Ambiente
Comune di Amaroni - CZ - - Comune di Cenadi - CZ - - Comune di Centriche - CZ - - Comune di Olivati - CZ - - Comune di Palermiti - CZ - - Comune di Torre di Ruggiero - CZ -
Area urbana
Inferiore a 10.000 abitanti
Comune
Strategie partecipate e integrate
12/11/04
18
€ 214.000
Ministero dell'Ambiente
Cofinanziamento del Ministero dell'Ambiente Bando A21L 2002 euro 149.558,97
Luigi Rubino
No file
No file
No file
No file
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.