Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Roma / Resilient urban and peri-urban agricolture

Resilient urban and peri-urban agricolture

La centralità dei temi della resilienza urbana, dei cambiamenti climatici e della sicurezza alimentare vengono, attraverso il progetto Resilient urban and peri-urban agricolture, virtuosamente affrontati da Roma Capitale che, grazie al programma URBACT, è diventata un esempio di confronto partecipativo fra cittadini e istituzioni, a vantaggio dell’inclusione sociale, dell’identità collettiva urbana, dello sviluppo territoriale e dell’autoconsumo.

L'obiettivo è duplice: combattere l'esclusione sociale e la povertà e consentire il recupero e la coltivazione di spazi incolti, abbandonati o sequestrati alle mafie, promuovendo così un approccio di giardinaggio partecipativo in aree agricole urbane e peri-urbane sostenibile ed eco-compatibile. Utilizzando un'importante area del suo territorio adatta all'agricoltura (51,7 ha), e lavorando con le ONG, i cittadini, le persone svantaggiate e le minoranze, la città di Roma utilizza l'agricoltura urbana e suburbana come mezzo per migliorare i processi di governance.

Con questo progetto il Comune di Roma esporta all’estero, in Spagna e in Lituania, le proprie strategie ambientali e di rigenerazione urbana che hanno permesso di rilanciare i territori inutilizzati.

Un modello di promozione di azioni di inclusione sociale e rigenerazione urbana che l’Unione Europea ha deciso di premiare e di provare a replicare.

Come progetto europeo di cooperazione territoriale, la buona pratica è stata concepita per essere riproducibile nelle città che desiderano avviare un processo di rigenerazione urbana e coesione sociale. Le altre città dell'UE potrebbero rielaborare i propri risultati per proporre nuove visioni, strategie attuabili, scenari spaziali e strumenti di orientamento per affrontare le sfide dell'agricoltura sociale nelle aree urbane e suburbane.  La caratteristica trasversale e comune è stata identificata in un approccio di inclusione sociale, orientato alla sfida, mescolato con quello di uno sviluppo urbano sostenibile. Di conseguenza, le persone a rischio di esclusione sociale saranno meglio integrate nella rete urbana in un’ottica di prevenzione delle questioni sociali. Inoltre, alle comunità locali verrà fornita una maggiore comprensione di come funziona l'ambiente naturale e umano circostante, una conoscenza da trasmettere a potenziali organizzazioni / ONG, sia a livello locale che nell'UE.

“Resilient urban and peri-urban agriculture”, premiato nel 2017 dal programma URBACT come una delle 97 esperienze urbane innovative europee, prendendo come riferimento le attività sviluppate durante il triennio 2014-2016 nei Municipi II, IV e IX.

Le Città di La Coruña, Vilnius, Caen, Vienna, Cracovia e Salonicco
Area urbana
Oltre 1.000.000 abitanti
Comune
Territorio e Paesaggio
01/01/15
Commissione Europea
Fondo Sociale Europeo

Programma Urbact

Fiammetta Curcio
http://urbact.eu/resilient-urban-and-peri-urban-agriculture
Urban Agricolture for Resilient cities.pdf — 2337 KB
No file
No file
No file
Navigazione
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.