Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Roma / MONITORAGGIO - Progetto di Valorizzazione delle pendici del Colle Aventino

MONITORAGGIO - Progetto di Valorizzazione delle pendici del Colle Aventino

Risultati del progetto


Risultati in campo ambientale

I risultati in campo ambientali raggiunti sono:

  • l eliminazione  dei fenomeni di  forte degrado ambientale. Interventi di riqualificazione ambientale dei luoghi attraverso gli interventi  selettivi di bonifica ambientale  e vegetazionale.
  • la messa in atto di interventi biocompatibili di consolidamento di ingegneria naturalistica  specialistici  e differenziati in funzione delle pendenze (palificata semplice) e soluzioni biocompositi (biostuoie biodegradabili, bioreti)
  • la scelta progettuale e paesaggistica di realizzazione di  parterre sempreverdi in ambiti storicizzati come componenti aggreganti dell’intorno fortemente caratterizzato da emergenze storico-archeologiche.

Buone pratiche / Best practice

  • l’utilizzo di specie a basso costo manutentivo,
  • i criteri progettuali e conseguenti scelte operate che, a fronte dei materiali utilizzati, offrano risultati sostenibili,  ripristino del paesaggistico del territorio finalizzato alla fruizione pubblica  escludendo espressioni progettuali di articolazioni di verde più o meno ornamentale, eterogenee e disaggregate nel territorio urbano, pertanto non “riconoscibili” paesaggisticamente in analoghi contesti storici urbani.
  • la sperimentazione ,
  • L’applicazione e l’esportazione dei risultati ottenuti
Obiettivi raggiunti


Risultati in campo economico

Vantaggi tecnico-economici .

La copertura estensiva pronto effetto di zolle prevegetate sempreverdi ha:

  • ottimizzato la posa in opera ed i relativi costi sulla  su di una pendice fortemente acclive
  •  consentito la  massima percentuale di attecchimento, lo sviluppo minimo, quasi nullo di infestanti,
  • ottimizzazione operazioni manutentive, costi di gestione e manutenzione del verde al di sotto  degli standard manutentivi .
  • la resa scenica.

Le prescrizioni e le norme tecniche di manutenzione specialistiche del verde sono previste in apposito allegato al Capitolato Speciale di Appalto parte integrante del progetto.

Il percorso del Giardino

Obiettivi raggiunti

Risultati in campo sociale
  • L’eliminazione  dei fenomeni presenti ed  indotti dal forte degrado ambientale.
  • La riscoperta di un bene ambientale : un giardino storico alle pendici del Colle Aventino la cui esistenza ignota pressochè a tutti, nascosto per decenni da una fitta coltre di vegetazione infestante, inaccessibile, in avanzato stato di degrado .
  • La riscoperta di un bene culturale: il progetto di recupero oltre la riqualificazione naturalistica rappresenta una valenza culturale : le pendici dell’Aventino, il colle più vicino al Tevere, racconta con tracce e reperti propri e dell’intorno millenni di storia ed il giardino, restituito alla città nella sua riscoperta è in rado di fornire suggestioni e visuali di particolare fascino.
Obiettivi raggiunti


Modalità di realizzazione


Creazione di partnership e collaborazioni

Il Progetto risultato di lavoro interdipartimentale pone l’attenzione degli operatori del settore sulla necessità di analisi ambientali paesaggistiche preliminari ed alla  definizione dei criteri  preprogettuali in sede di progettazione del verde urbano in funzione del contesto urbano  in cui il verde è inserito  più che all’espressione, più o meno soggettiva di particolari articolazioni e tematismi di verde ornamentale in parte o del tutto decontestualizzati dal territorio.

Analisi preprogettuali :

  • Componenti sociali diversificate  presenti nel contesto e urbano
  • Tessuti urbani eterogenei ed ambiti di sviluppo urbanistico diversificati (Centri storici, città consolidata, periferie)
  • Componenti del contesto ambientale: diversa distribuzione e  tipologia di verde urbano presenti sul territorio in risposta alle diverse condizioni edafiche, microclimatiche, ambientali ed alle diverse pressioni antropiche

Obiettivi :

  • garantire scelte progettuali sostenibili e di resa nel tempo.

garantire costi di gestione e manutentivi in termini di economicità sostenibile.

Obiettivi raggiunti

Promozione dell'informazione alla comunità locale e della partecipazione dei destinatari

Il Progetto di restauro e realizzazione del Giardino Storico ha ottenuto la segnalazione di merito al  Premio “La Città per il Verde” che a livello nazionale assegna alle Amm.ni Comunali che si sono distinte per realizzazioni finalizzate all’incremento del patrimonio del verde pubblico o che abbiano migliorato le condizioni ambientali del proprio territorio .

In relazione all’imminente  completamento degli interventi di restauro dei manufatti storici di cui al p.to 2 saranno di prossima attuazione, le iniziative di seguito elencate.

Attività realizzate

Formazione delle unità operative

Formazione professionale dei progettisti (relativi CV) e sperimentazione nell’attuazione dei diversi progetti realizzati  nel tempo in ambito urbano.

Le azioni di seguito indicate attengono l’intera attività di progettazione svolta dai progettisti .

Attività realizzate

Integrazione con altre attività e sviluppi futuri

Il Progetto si configura come Riqualificazione ambientale in ambito urbano di un area verde estremamente degradata  nel Centro Storico di Roma inserita in un contesto di alto valore storico e culturale.

Effetti :

  • Restauro e valorizzazione delle emergenze storico-archeologiche sconosciute.  
  • Possibilità fruizione pubblica di un area completamente interdetta al pubblico.
  • Valorizzazione del contesto e del paesaggio storico della città  dove natura e cultura profondamente correlate  vedono spesso il verde urbano strettamente interrelato con i monumenti e le valenze valenze storico-archeologiche ed  artistiche (Basiliche paleocristiane, resti Mura Serviane e Domus romane)  e delle valenze ambientali dell’intorno( Colle Aventino ,Giardino degli Aranci, Lungotevere)
  • I Progetto vuole rappresentare una Buona pratica (Best practice) applicabile ed esportabile in altri siti di verde  storico-archeologico della città (v. Scheda di rilevamento  Progetto di Riqualificazione ambientale e del Verde Aree limitrofe Anfiteatro Flavio) al fine di rendere uniformi le tipologie di paesaggio ad essi riconducibili e non da ultimo valorizzare  l’aspetto percettivo del riconoscimento del paesaggio storico variamente distribuito nel tessuto urbano. (Convenzione europea del paesaggio)
  • Promozione  in termini culturali e  turistici (utenze scolastiche, eventi).
Attività realizzate


Criticità


Criticità affrontate
  • Criticità tecnico- ambientali

 (Substrato geopedologico di area sub-golenale, grado di acclività elevato,

              copertura vegetazione infestante, microclima, esposizione nord)

Criticità iter amministrativo e di realizzazione, carenze logistiche.

Tipologia criticità


Trasferimento dell'esperienza


Elementi innovativi e attività per il trasferimento dell'esperienza

Come evidenziato il Progetto è stato presentato con segnalazione di merito  a livello nazionale in occasione del premio “ La Città per il Verde” promosso da “  Il  Verde Editoriale”

 

Nell’ambito della città di Roma  il Dipartimento Ambiente Direzione Gestione Territoriale, Ambientale e del Verde ha promosso un nuovo intervento di Riqualificazione ambientale e del verde in ambito storico  relativo le aree verdi limitrofe l’Anfiteatro Flavio (Colosseo).

Il Progetto attualmente in fase di progettazione definitiva ha mutuato ed applicato  le scelte progettuali  del presente progetto trasferendo le azioni intraprese, i criteri e le modalità attuative in un contesto archeologico di più alta valenza culturale riconosciuto come patrimonio dell’umanità dall’ Unesco.

Strumenti per il trasferimento dell'esperienza
Navigazione
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.