Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Parma / MONITORAGGIO - CASTE - CAtasto Solare Territoriale "Analisi energetica e piano di solarizzazione per il parco edifici del comune di Parma"

MONITORAGGIO - CASTE - CAtasto Solare Territoriale "Analisi energetica e piano di solarizzazione per il parco edifici del comune di Parma"

Risultati del progetto


Risultati in campo ambientale

Il CASTE (CAtasto Solare TErritoriale – Analisi energetica e piano di solarizzazione per il parco edifici del Comune di Parma) nasce dall’esigenza del Comune di Parma di creare una base di conoscenza e uno strumento operativo, che consentano di avviare un’efficiente gestione energetica del parco immobiliare comunale (considerato che il consumo di energia degli stessi pesa il 5% nel Bilancio Energetico Comunale), al fine di verificare ed ipotizzare interventi di risparmio energetico, di uso razionale dell’energia e delle fonti rinnovabili con il conseguente obiettivo di riduzione delle emissioni di inquinanti atmosferici imputabili ai consumi energetici. 

Il progetto ha sviluppato uno strumento operativo per la raccolta dati, la gestione delle informazioni e la loro analisi, al fine di verificare lo stato dell’arte dell’edificio e relativo consumo e di quantificare il possibile risparmio energetico tramite diverse linee di intervento. Lo strumento operativo è stato realizzato in sintonia e con l’ausilio del modello di calcolo in linea con la struttura del nuovo Piano Energetico Comunale: il modello è estremamente dinamico e permette sia aggiornamenti che monitoraggi dei dati. A tal proposito il monitoraggio annuale consentirà di effettuare la valutazione dell’efficacia degli interventi edilizi ed energetici che l’Amministrazione metterà in atto sui propri edifici. 

Un altro aspetto innovativo dello strumento operativo è che tutte le informazioni inserite nella banca dati sono state elaborate per definire indicatori utili alla caratterizzazione energetica per classi omogenee degli edifici. 

Oltre ad una fase di diffusione dei risultati, il progetto ha previsto:  

- Individuazione degli edifici di proprietà comunale e analisi dei consumi energetici: con la creazione del data base degli edifici, in cui sono state inserite diverse informazioni (tipologia dell’impiantistica, combustibili utilizzati, interventi di manutenzione…), per ogni edificio sono stati calcolati i consumi energetici riferiti all’anno 2004 e valutati i consumi energetici residui nell’ottica di tre possibili scenari (in normale evoluzione, scenario minimo e scenario obiettivo con sviluppo delle FER) nell’ipotesi di interventi. Parimenti sono stati stimati i carichi termici per principali inquinanti atmosferici, relativamente all’anno 2004, e per i tre predetti possibili scenari. 

- Individuazione e georeferenzazione degli edifici rappresentativi dell’intero parco distinti per tipologia di utilizzo. 

- Creazione di un “catalogo” con schede identificative relative a ciascun edificio. 

- Selezione di 5 edifici particolarmente significativi in termini di valore estetico, rapporto costi/benefici e possibile impatto sull’opinione pubblica: le predette fasi hanno permesso di selezione 4 edifici che presentano il maggior consumo specifico tra quelli analizzati ed 1 che presenta un consumo rappresentativo di una parte consistente del parco immobile. In questi è stato effettuato anche un sopralluogo ed in seguito sono state predisposte delle schede di progettazione preliminare per interventi di efficienza energetica e delle schede di progettazione definitiva utilizzabili per certificare l’edificio secondo il D.Lgs. n.192/2005.  

 

In campo ambientale

La gestione energetica del parco immobiliare comunale, coadiuvato dal predetto strumento operativo, può far sì che l’Amministrazione indirizzi i propri interventi edilizi nell’ottica del risparmio energetico, di uso razionale dell’energia e di FER con al conseguente riduzione delle emissioni di gas climalteranti imputabili ai consumi energetici.

Obiettivi raggiunti
  • Riduzione dei fattori di pressione sull'atmosfera
  • Introduzione o miglioramento dei sistemi di gestione ambientale


Risultati in campo economico

L’efficiente gestione energetica del parco e gli interventi che verranno attuati dall’Amministrazione permetteranno sia risparmio di natura energetica che economica.

Sulla base delle conoscenze acquisite relativamente alle strutture degli edifici, alla normativa in forma evoluzione e alle linee di intervento praticabili, i risultati del progetto concorreranno anche a creare e promuovere una maggiore consapevolezza circa i potenziali, la convenienza economica e i benefici ecologici derivanti dall’uso sostenibile delle fonti energetiche fossili e rinnovabili, sia nei progettisti ed imprenditori edili che nella cittadinanza.

Obiettivi raggiunti
  • Sviluppo di un mercato di beni e servizi sostenibili
  • Investimento in tecnologie innovative ecocompatibili
  • Miglioramento dell’efficienza e dell’efficacia delle spese ambientali

Risultati in campo sociale

Per avere una buona riduzione dei consumi energetici occorre agire prevalentemente sull’involucro, sui ponti termici, sui serramenti e sugli impianti: i benefici diretti di tali interventi si fanno sentire sicuramente sui frequentatori di tali immobili, che nel caso specifico dei 5 edifici selezionati sono bambini e sportivi.

Obiettivi raggiunti
  • Tutela e riqualificazione del patrimonio culturale e degli spazi pubblici


Modalità di realizzazione


Creazione di partnership e collaborazioni

Il Comune di Parma sta procedendo a dare avvio alle attività della neo-costiuita Agenzia per l’Energia, finanziata nell’ambito del bando comunitario Intelligent Energy for Europe dell’anno 2004.  Tale Agenzia contribuisce all’attuazione delle scelte in materia energetica operate a livello comunale e degli orientamenti e programmi sviluppati in sede nazionale e comunitaria con l’obiettivo di realizzare interventi esemplari. Diffonde inoltre le tecnologie delle energie rinnovabili e i criteri e le tecniche dell’efficienza energetica tra gli utenti finali. Organizza iniziative di aggiornamento professionale e di formazione di tecnici.

Obiettivi raggiunti
  • Creazione di collaborazioni tra soggetti pubblici e soggetti privati
  • Costruzione di strutture associative che garantiscano la continuità nel tempo delle azioni di sostenibilità

Promozione dell'informazione alla comunità locale e della partecipazione dei destinatari
Attività realizzate
  • Diffusione di informative alla comunità locale mediante affissione di manifesti, distribuzione di brochure o organizzazione di convegni
  • Comunicazioni presso scuole, associazioni di cittadini di vario tipo o altre strutture non direttamente coinvolte nella realizzazione del progetto

Formazione delle unità operative

Per l’espletamento del progetto, il Comune di Parma ha affiancato al Responsabile del progetto, funzionario del Servizio Ambiente, una ditta incaricata specializzata e reclutato a tempo determinato di dodici mesi due tecnici.

Attività realizzate
  • Reclutamento di personale specializzato
  • Affiancamento di consulenti al personale interno

Integrazione con altre attività e sviluppi futuri

Alla luce dei risultati del progetto, la pianificazione e progettazione di interventi di gestione e manutenzione e la nuova realizzazione degli immobili terranno fortemente conto delle linee previste per un risparmio, uso razionale dell’energia e ricorso all’impiego di fonti rinnovabili.

Attività realizzate
  • Integrazione della componente ambientale nelle altre politiche dell’ente
  • Miglioramento della coerenza delle politiche e delle azioni attuative
  • Modifica degli strumenti di pianificazione


Criticità


Criticità affrontate

Alcune criticità sono state riscontrate nel reperimento di dati riguardanti le superfici lorde utili ed i volumi di alcuni edifici comunali.

Tipologia criticità
  • Problemi nella fase di progettazione
  • Risorse logistiche e tecniche
  • Circolazione di dati ed informazioni


Trasferimento dell'esperienza


Elementi innovativi e attività per il trasferimento dell'esperienza

Lo strumento operativo e la creazione di schede identificative dell’edificio può essere riprodotto e divulgato nella realtà locale di ogni ente pubblico.  L’Agenzia per l’Energia di Parma è un valido punto di riferimento.

Strumenti per il trasferimento dell'esperienza
  • Produzione di documenti e rapporti sull'attività svolta
  • Documentazione tecnica e manuali consultabili in loco
  • Presentazione del progetto a conferenze nazionali e internazionali
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.