Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Padova / MONITORAGGIO - Piano di disinquinamento acustico

MONITORAGGIO - Piano di disinquinamento acustico

Risultati del progetto


Risultati in campo ambientale

Il progetto ha permesso di:

  1. Individuare la tipologia e l’entità dei rumori presenti nel territorio e le zone da risanare;
  2. Individuare i soggetti a cui competono gli interventi;
  3. Procedere con la zonizzazione del territorio;
  4. Sensibilizzare ed informare la cittadinanza sulla problematica
Obiettivi raggiunti
  • Riduzione dell’inquinamento acustico o elettromagnetico o indoor


Risultati in campo economico

Sensibilizzare gli operatori dei cantieri e delle manifestazioni temporanee rumorose ad attuare gli interventi necessari a limitare l’impatto acustico. Sono state individuate le priorità d’intervento con barriere fonoassorbenti.

Obiettivi raggiunti
  • Riduzione degli impatti ambientali delle attività produttive
  • Investimento in tecnologie innovative ecocompatibili
  • Miglioramento dell’efficienza e dell’efficacia delle spese ambientali

Risultati in campo sociale

La sensibilizzazione mediante una informazione/formazione al tema rumore ha permesso di sottolineare i comportamenti da evitare per la salvaguardia acustica del territorio.

Obiettivi raggiunti
  • Riduzione dei rischi sulla salute
  • Miglioramento dei servizi sociali di base quali sanità o istruzione, o delle condizioni abitative o di lavoro


Modalità di realizzazione


Creazione di partnership e collaborazioni

Il progetto ha permesso di consolidare il rapporto di collaborazione tra il Comune di Padova e l’ARPA (allora PMP) e l’ex Azienda Municipalizzata coinvolta nelle problematiche ambientali.

Obiettivi raggiunti
  • Collaborazioni tra soggetti pubblici che esercitano competenze concorrenti o coordinate o di diversi livelli territoriali

Promozione dell'informazione alla comunità locale e della partecipazione dei destinatari

Il progetto prevedeva una fase di sensibilizzazione della cittadinanza (manifestazione pubblica in occasione delle Domeniche Ecologiche) e di divulgazione dei risultati agli addetti ai lavori (Convegno).

Attività realizzate
  • Diffusione di informative alla comunità locale mediante affissione di manifesti, distribuzione di brochure o organizzazione di convegni
  • Comunicazioni presso scuole, associazioni di cittadini di vario tipo o altre strutture non direttamente coinvolte nella realizzazione del progetto

Formazione delle unità operative

Gli addetti del Comune hanno acquisito un approfondimento della materia mediante corsi di aggiornamento specifici e con i continui contatti/incontri con i tecnici ARPAV e professionisti a vario titolo coinvolti nel progetto.

Attività realizzate
  • Produzione e distribuzione di documenti tecnici o manuali
  • Formazione del personale coinvolto mediante corsi
  • Affiancamento di consulenti al personale interno

Integrazione con altre attività e sviluppi futuri

Il progetto ha permesso di approvare la classificazione acustica del territorio che è un documento importante per la pianificazione della città.

Attività realizzate
  • Integrazione della componente ambientale nelle altre politiche dell’ente
  • Modifica degli strumenti di pianificazione


Criticità


Criticità affrontate

Difficoltà a reperire banche dati per la classificazione facilmente aggiornabili. La diversità di suddivisione del territorio nell’entità minima che è l’isolato. Il costo elevato dei monitoraggi.

Tipologia criticità
  • Coordinamento tra le unità organizzative
  • Risorse logistiche e tecniche
  • Risorse economico-finanziarie
  • Circolazione di dati ed informazioni


Trasferimento dell'esperienza


Elementi innovativi e attività per il trasferimento dell'esperienza

Metodologia per classificare acusticamente il territorio.   

Informazione/formazione della cittadinanza.

Strumenti per il trasferimento dell'esperienza
  • Produzione di documenti e rapporti sull'attività svolta
  • Documentazione tecnica e manuali consultabili in loco
  • Disponibilità a rispondere telefonicamente o via e-mail a quesiti specifici
  • Disponibilità a impartire corsi o stage per la formazione di personale di altro ente
  • Presentazione del progetto a conferenze nazionali e internazionali
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.