Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Padova / MONITORAGGIO - INFORMAMBIENTE - Laboratorio Territoriale per l'Educazione Ambientale -

MONITORAGGIO - INFORMAMBIENTE - Laboratorio Territoriale per l'Educazione Ambientale -

Risultati del progetto


Risultati in campo ambientale

Riduzione dei fattori di pressione: aria, acqua, suolo, rifiuti.

Obiettivi raggiunti
  • Riduzione del consumo di risorse naturali e promozione dell’uso di risorse rinnovabili
  • Riduzione dei fattori di pressione sull'atmosfera
  • Riduzione dei fattori di pressione sulle acque
  • Riduzione dei fattori di pressione sul suolo


Risultati in campo economico

Promuove la cultura dell’ambiente a 360 gradi, quale stimolo per le aziende locali.

Obiettivi raggiunti
  • Sviluppo di un mercato di beni e servizi sostenibili
  • Miglioramento dell’efficienza e dell’efficacia delle spese ambientali

Risultati in campo sociale

Promuove la qualità della vita, la partecipazione sociale, …

Obiettivi raggiunti
  • Miglioramento dei servizi sociali di base quali sanità o istruzione, o delle condizioni abitative o di lavoro
  • Miglioramento delle prassi di partecipazione sociale
  • Aumento delle possibilità della comunità locale di influire sui processi decisionali locali
  • Produzione e distribuzione di beni di consumo in base a criteri di equità e solidarietà
  • Promozione dello scambio culturale e agevolazione dell’integrazione sociale
  • Sensibilizzazione dell'opionione pubblica in tema di sviluppo sostenibile
  • Tutela e riqualificazione del patrimonio culturale e degli spazi pubblici


Modalità di realizzazione


Creazione di partnership e collaborazioni

Collaborazione con enti e soggetti pubblici (ARPAV, Provincia, CCIAA, ULSS, ASL, scuole), aziende e stakeholders.

Obiettivi raggiunti
  • Collaborazioni tra soggetti pubblici che esercitano competenze concorrenti o coordinate o di diversi livelli territoriali
  • Creazione di collaborazioni tra soggetti pubblici e soggetti privati

Promozione dell'informazione alla comunità locale e della partecipazione dei destinatari

Produzione di materiali didattici e informativi sulle varie tematiche ambientali.

Attività realizzate
  • Diffusione di informative alla comunità locale mediante affissione di manifesti, distribuzione di brochure o organizzazione di convegni
  • Comunicazioni presso scuole, associazioni di cittadini di vario tipo o altre strutture non direttamente coinvolte nella realizzazione del progetto
  • Partecipazione attiva della comunità locale e dei destinatari nella fase di progettazione degli interventi

Formazione delle unità operative

Il processo di formazione del personale è continuo e diversificato.

Attività realizzate
  • Produzione e distribuzione di documenti tecnici o manuali
  • Formazione del personale coinvolto mediante corsi
  • Reclutamento di personale specializzato
  • Affiancamento di consulenti al personale interno

Integrazione con altre attività e sviluppi futuri

È riconosciuto il ruolo di promotore di progetti e percorsi educativi sia interni che esterni.

Attività realizzate
  • Avvio di nuovi progetti d'implementazione
  • Integrazione della componente ambientale nelle altre politiche dell’ente
  • Miglioramento della coerenza delle politiche e delle azioni attuative
  • Modifica degli strumenti di pianificazione
  • Adozione di nuovi sistemi di gestione integrati


Criticità


Criticità affrontate

Come per tutti gli enti pubblici i problemi riguardano fondamentalmente i rapporti con gli altri enti pubblici o con gli altri Settori dell’amministrazione.

Tipologia criticità
  • Definizione delle responsabilità
  • Coordinamento tra le unità organizzative
  • Coordinamento con altri enti pubblici
  • Risorse logistiche e tecniche
  • Risorse economico-finanziarie
  • Coinvolgimento del personale


Trasferimento dell'esperienza


Elementi innovativi e attività per il trasferimento dell'esperienza

Materiali didattici e informativi, biblioteca, emeroteca, banca dati

Strumenti per il trasferimento dell'esperienza
  • Produzione di documenti e rapporti sull'attività svolta
  • Documentazione tecnica e manuali consultabili in loco
  • Creazione di un sito web del progetto
  • Disponibilità a rispondere telefonicamente o via e-mail a quesiti specifici
  • Breve collaborazione con altri soggetti che intendano implementare esperienze simili
  • Disponibilità a impartire corsi o stage per la formazione di personale di altro ente
  • Presentazione del progetto a conferenze nazionali e internazionali
Navigazione
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.