Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Milano / Progetto AgriCultura per la realizzazione di un Distretto Agricolo Culturale Milanese

Progetto AgriCultura per la realizzazione di un Distretto Agricolo Culturale Milanese

Il progetto AgriCultura per la realizzazione di un Distretto Agricolo Culturale Milanese ha tra le varie finalità la costituzione di una forma di gestione unitaria del patrimonio culturale e paesaggistico dell’agricoltura milanese: il rafforzamento della sinergia tra cultura, socialità e produzione, si fonda sulla spiccata multifunzionalità che già oggi caratterizza molte aziende agricole milanesi. Nel quadro delle finalità del Progetto, il Comune di Milano attribuisce particolare rilevanza al sistema delle cascine di sua proprietà. Il sistema delle cascine di proprietà pubblica rappresenta un eccezionale patrimonio di esperienze e luoghi, storia e pratiche economiche, culturali, ambientali e sociali. Esse raccontano una dimensione rurale della città non ancora scomparsa e che merita di essere salvaguardata, valorizzata e messa a sistema. Questo storico patrimonio va messo a disposizione della collettività, anche in considerazione della sua collocazione nel paesaggio agrario, dove le occasioni di aggregazione sono rare e richieste.

Le priorità del progetto possono essere così sintetizzate:

  1. Realizzare una rete tra tutti i soggetti che hanno competenza e svolgono attività in tema di agricoltura.
  2. Far conoscere il patrimonio di beni, tecniche e saperi del mondo agricolo.
  3. Definire criteri condivisi di conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale, materiale e immateriale, del paesaggio agrario e delle attività produttive.
  4. Attivare azioni di conservazione programmata e valorizzazione a medio e lungo termine.

Il distretto agricolo-culturale milanese fa riferimento all’area che si estende dall’edificato compatto della città di Milano per circa 15-20 km verso sud, pur coinvolgendo anche aree a margine a nord della città.

Il territorio individuato si caratterizza per una chiara identità storica, documentabile, conservatasi nonostante le profonde trasformazioni che si sono succedute nel tempo, che la distinguono rispetto ad altre agricolture di territori vicini (per esempio dal Lodigiano). Le sue specificità sono: molteplicità produttiva, rapporti commerciali stretti con il territorio urbanizzato, dinamicità delle trasformazioni produttive, capacità innovativa e di avanguardia sia tecnica che imprenditoriale (tecniche colturali, utilizzo dei prodotti per l’industria, capitale umano), campagna come luogo di svago per la città.

PaRID / Politecnico di Milano, Provincia di Milano, Associazione Res Musica, Fondazione Minoprio, Comunità Nuova Onlus
Area rurale
Oltre 1.000.000 abitanti
Comune
Agricoltura, Territorio e Paesaggio
770.000
Fondazione Cariplo
Marco Lucini
SBQV.servizioagricoltura@comune.milano.it
http://www.agricity.it/progetto-cariplo-e-cultura-immateriale/progetto-agricultura
No file
No file
No file
No file
Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.