Tu sei qui: Home / Entra nella Banca Dati / Comune / Comune di Gioia Tauro / SISTEMA ECOLOGICO AMBIENTALE DEL BACINO DEL PETRACE

SISTEMA ECOLOGICO AMBIENTALE DEL BACINO DEL PETRACE

Il Comune di Gioia Tauro, con una popolazione di 19.000 abitanti ed una superficie territoriale di 38,99 Kmq, si propone di attivare, all'interno del processo di Agenda 21 locale cofinanziato dal Ministero dell'Ambiente cosi come da decreto ministeriale del 4 Luglio 2002, un percorso specifico per la elaborazione di una strategia di sviluppo sostenibile e di un Piano di Azione Ambientale, riguardante tutto il territorio comprendente il Bacino geografico del Petrace. Lo studio si occuperà di definire un sistema ecologico ambientale di bacino, ed in particolare di ricercare un equilibrio ecologico-ambientale globale tra l'intero territorio interessato e la città, con l'obiettivo di salvaguardare più che una situazione particolare, un'elevata qualità biologica complessiva e biodiversità dell'area di studio. Il bacino interessato da tali attività progettuali è stimabile in oltre 400 Kmq ed andrà ad interessare diversi comuni geograficamente localizzati a ovest rispetto l'asse appenninico meridionale. Saranno identificati una serie di problemi ecologico-ambientali quali quelli relativi al restauro del paesaggio, alla protezione delle aree agricole dall'urbanizzazione abusiva e agli obiettivi di rinaturalizzazione quali fossi, aree boscate, cave dimesse, discariche abusive. Il tutto attraverso una attività - mirata ed incisiva - di formazione, informazione e comunicazione, strumenti efficaci per acquisire e ricomporre un quadro qualificato dei problemi ambientali da affrontare. Il progetto avrà la durata presumibile di 12 mesi dalla data di approvazione del cofinanziamento e si articolerà nelle seguenti azioni: A.1 Azioni di coinvolgimento degli attori locali. A.2 Costituzione del forum permanente di Agenda 21 locale e selezione dei temi da approfondire, nonché delle modalità e strumenti per la redazione del Rapporto sullo Stato dell'Ambiente. A.3 Redazione del Rapporto sullo Stato dell'Ambiente del territorio interessato.
Bando Agenda 21 locale 2002 del Ministero dell'Ambiente
None
Area urbana
Da 100.000 a 1.000.000 abitanti
0
Strategie partecipate e integrate
12/11/04
18
€ 150.000
Ministero dell'Ambiente
Cofinanziamento del Ministero dell'Ambiente Bando A21L 2002 euro 104.758,97
Giuseppe Mezzatesta
None
No file
No file
No file
No file
Buone pratiche di economia circolare

La Piattaforma ICESP (Italian Circular Economy Stakeholder Platform) raccoglie una selezione delle buone pratiche di economia circolare inviate dagli stakeholder italiani impegnati sul tema, tra cui l'ISPRA.

Convenzione di Aarhus per l'accesso all'informazione ambientale

La Task Force on Access to Information dell'UNECE ha inserito GELSO tra i case studies on Electronic Information Tools per l'attuazione dell'art.5 della Convenzione di Aarhus.

Contest "Making Global Goals Local Practice"

Il Contest per la raccolta di buone pratiche di attuazione a livello locale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per l’ambiente si è concluso con la votazione dei progetti vincitori durante la Settimana Europea per lo Sviluppo Sostenibile (European Sustainable Development Week - ESDW).

Banche dati sulle buone pratiche

Selezione delle principali banche dati europee e italiane dedicate allo scambio di informazioni su progetti e buone pratiche.